Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Giappone limiterà le esportazioni di apparecchiature per la produzione di chip perché è in linea con le restrizioni statunitensi imposte dalla Cina

Il Giappone limiterà le esportazioni di apparecchiature per la produzione di chip perché è in linea con le restrizioni statunitensi imposte dalla Cina

TOKYO (Reuters) – Venerdì il governo giapponese ha dichiarato di voler limitare le esportazioni di 23 tipi di apparecchiature per la produzione di semiconduttori, abbinando i controlli sul commercio di tecnologia con una spinta degli Stati Uniti per frenare la capacità della Cina di produrre chip avanzati.

Il ministro del Commercio e dell’Industria ha dichiarato in un comunicato stampa che imporrà controlli sulle esportazioni su sei categorie di apparecchiature utilizzate nella produzione di chip, tra cui pulizia, deposizione, litografia e incisione. Non ha specificato la Cina come obiettivo delle misure, affermando che i produttori di apparecchiature dovrebbero ottenere il permesso di esportazione per tutte le regioni.

“Assumiamo la nostra responsabilità come paese tecnologico per contribuire alla pace e alla stabilità internazionale”, ha affermato il ministero, aggiungendo che il suo obiettivo è fermare l’uso della tecnologia avanzata per scopi militari.

Le restrizioni all’esportazione, che entreranno in vigore a luglio, riguarderanno probabilmente le apparecchiature prodotte da dozzine di aziende giapponesi, come Nikon Corp (7731.T) Tokyo Electron Ltd (8035.T) e Screen Holdings Co Ltd (7735.T) e Advantest Corp (6857.T).

“Prevediamo che l’impatto sulle società nazionali sarà limitato”, ha dichiarato il ministro dell’Industria Yasutoshi Nishimura in una conferenza stampa. “Non abbiamo in mente un paese in particolare con queste misure”.

Tuttavia, la decisione di Tokyo arriva dopo che gli Stati Uniti in ottobre hanno imposto restrizioni radicali alle esportazioni di strumenti per la produzione di chip in Cina, citando le preoccupazioni che Pechino intenda utilizzare semiconduttori avanzati per aumentare la sua potenza militare. Tuttavia, Washington ha bisogno che Giappone e Paesi Bassi, due dei principali fornitori di tali apparecchiature, si uniscano per rendere effettive queste restrizioni.

READ  Schulze ha telefonato a Putin dopo un'offerta diplomatica di Biden e Macron

Fonti hanno affermato in precedenza che il Giappone e i Paesi Bassi hanno concordato a gennaio di unirsi agli Stati Uniti nel limitare le esportazioni di apparecchiature per la produzione di chip in Cina che potrebbero essere utilizzate per produrre chip sub-14nm, ma non hanno reso pubblico l’accordo per evitare di provocare Pechino. Tokyo non ha mai riconosciuto pubblicamente l’esistenza di un accordo.

Un nanometro, o miliardesimo di metro, si riferisce a una specifica tecnologia di produzione di semiconduttori, con meno nanometri che generalmente significano che un chip è più avanzato.

Il governo olandese ha dichiarato questo mese in una lettera al parlamento del paese che prevede di limitare le esportazioni di apparecchiature per la produzione di chip. Il mercato dei sistemi litografici utilizzati per creare microcircuiti chip è dominato dalla società olandese ASML Holding NV (ASML.AS).

La Cina, che ha accusato gli Stati Uniti di essere un “egemone tecnologico” a causa delle sue restrizioni all’esportazione, ha esortato i Paesi Bassi “a non seguire le misure di controllo delle esportazioni di alcuni Paesi”.

Il Giappone, che un tempo dominava la produzione di chip ma ha visto la sua quota di mercato globale scendere a circa il 10%, rimane un importante fornitore di macchinari per chip e materiali semiconduttori. Tokyo Electron e Screen producono circa un quinto dei wafer mondiali, mentre Shin-Etsu Chemical Co Ltd (4063.T) e Sumco Corp (3436.T) producono la maggior parte dei wafer di silicio.

(Segnalazione di Tim Kelly e Miho Uranaka); A cura di Christopher Cushing

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.