Giugno 15, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Giappone inizierà giovedì a rilasciare le acque reflue di Fukushima

Il Giappone inizierà giovedì a rilasciare le acque reflue di Fukushima


Tokio
Cnn

Il Giappone inizierà a rilasciare nell’oceano l’acqua radioattiva trattata da Fukushima giovedì scorso, hanno annunciato i funzionari martedì, dopo mesi di crescente preoccupazione pubblica e shock da molti paesi vicini.

Il primo ministro Fumio Kishida ha detto che le autorità procederanno con il rilascio il 24 agosto “se non incontrano ostacoli”. La decisione è arrivata dopo che il governo ha tenuto una riunione di gabinetto per discutere la questione.

Il devastante terremoto e lo tsunami che hanno colpito il Giappone nel 2011 hanno contaminato l’acqua all’interno della centrale nucleare di Fukushima con materiali altamente radioattivi. Da allora, nuova acqua è stata pompata per raffreddare i detriti di combustibile nei reattori, mentre le acque sotterranee e piovane sono filtrate, creando più acque reflue radioattive.

Finora tutte queste acque reflue sono state trattate e stoccate in enormi serbatoi. Ma stiamo esaurendo lo spazio e le autorità affermano di dover eliminare l’acqua per smantellare in sicurezza la stazione, da qui il piano di lancio oceanico, che è stato controverso sin dall’inizio.

A luglio, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica delle Nazioni Unite ha concluso che il piano del Giappone era in linea con gli standard di sicurezza internazionali e avrebbe avuto “un impatto radioattivo trascurabile sulle persone e sull’ambiente”, cosa che ha ribadito martedì dopo l’annuncio del governo, affermando che il piano aveva subito due anni di “Recensione dettagliata.

Ma questo non ha rassicurato molti dei vicini del Giappone, con funzionari della Cina e delle isole del Pacifico che hanno espresso preoccupazione e opposizione al piano.

La gente in Corea del Sud ha anche organizzato diverse proteste di piazza contro il rilascio, anche se i leader del paese hanno espresso sostegno al Giappone.

READ  Il presidente liberiano George Weah ha ammesso la sconfitta alle elezioni a Joseph Bukai

Nel frattempo, le comunità di pescatori in Giappone e Corea del Sud temono che le fuoriuscite di acque reflue possano significare la fine dei loro mezzi di sussistenza: i consumatori di tutta la regione stanno già dividendo i frutti di mare dal Giappone e dalle sue acque vicine, e alcuni governi stanno addirittura vietando le importazioni di cibo dal Giappone. , compreso Fukushima.

Lunedì Kishida ha incontrato il capo di un organismo nazionale che rappresenta i pescatori, il quale ha detto al primo ministro che il gruppo ha una maggiore comprensione dello smaltimento delle acque reflue, ma “si oppone ancora” al piano in corso.

Sebbene le acque reflue radioattive contengano alcuni elementi pericolosi, la maggior parte di essi può essere rimossa attraverso vari processi di trattamento, secondo l’azienda elettrica statale Tokyo Electric Power Company (TEPCO).

Il vero problema è un isotopo radioattivo dell’idrogeno chiamato trizio, che non può essere rimosso. Al momento non esiste una tecnologia in grado di farlo.

Le autorità affermano che le acque reflue di Fukushima saranno notevolmente diluite e rilasciate lentamente nel corso di decenni, il che significa che la concentrazione di trizio rilasciato sarà molto bassa, nel rispetto delle normative internazionali.

Molti altri paesi, inclusi gli Stati Uniti, rilasciano regolarmente acque reflue trattate contenenti piccole quantità di trizio dalle loro centrali nucleari.

TEPCO, il governo giapponese e l’AIEA sostengono anche che il trizio si trova naturalmente nell’ambiente, comprese le acque piovane e di rubinetto, quindi il rilascio delle acque reflue dovrebbe essere sicuro.

Ma gli esperti sono divisi sul pericolo che ciò rappresenta. La maggior parte delle agenzie nazionali concorda sul fatto che piccole quantità di trizio non sono molto dannose, ma possono essere pericolose se consumate in grandi quantità.

READ  Il petrolio si attesta vicino al massimo degli ultimi sette anni a causa delle tensioni tra Ucraina e Russia

Alcuni scienziati temono che la diluizione delle acque reflue possa danneggiare la vita marina, con inquinanti che potrebbero accumularsi in un ecosistema già vulnerabile. Un esperto, che ha aiutato le nazioni delle isole del Pacifico a rivedere e valutare il piano di rilascio delle acque reflue, ha detto alla CNN che era “sconsiderato” e prematuro.

Altri sostengono che non disponiamo ancora di studi o dati sufficienti sugli effetti biologici a lungo termine dell’esposizione al trizio.

L’acqua addolcita verrà rilasciata attraverso un tunnel sottomarino al largo della costa, nell’Oceano Pacifico. Terze parti, inclusa l’AIEA, monitoreranno il discarico durante e dopo il suo rilascio.