Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Giappone allenta i severi controlli alle frontiere criticati da uomini d'affari ed educatori

Il Giappone allenta i severi controlli alle frontiere criticati da uomini d’affari ed educatori

Uomini in tute protettive si dirigono a una fermata dell’autobus all’aeroporto internazionale di Narita il primo giorno di un confine chiuso per prevenire la diffusione del nuovo coronavirus Omicron in mezzo alla pandemia di coronavirus (COVID-19) a Narita, a est di Tokyo, in Giappone, il 30 novembre 2021. (Reuters) Kim Kyung-Hoon

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

TOKYO (Reuters) – Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha dichiarato giovedì che il Giappone allenterà le restrizioni alle frontiere per far fronte all’epidemia, allentando le misure che sono state tra le più dure imposte dai paesi ricchi e sono state criticate da uomini d’affari ed educatori.

Circa 150.000 studenti stranieri sono stati respinti dal Giappone, insieme a lavoratori tanto necessari provenienti da un paese che invecchia la cui popolazione sta diminuendo, portando ad avvertimenti di carenza di manodopera e danni alla sua reputazione internazionale. Per saperne di più

A partire da marzo, le autorità aumenteranno il numero di persone ammesse a 5.000 al giorno dalle 3.500 attuali, ha affermato Kishida in una conferenza stampa.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Permetteremo l’ingresso agli stranieri, ad eccezione dei turisti”, ha detto. Kishida ha affermato che le misure saranno gradualmente allentate e dipenderanno da una serie di circostanze, inclusi i tassi di infezione in altri paesi.

Il periodo di quarantena obbligatorio sarà ridotto a tre giorni in alcune circostanze, da sette giorni a questa parte, ha affermato, aggiungendo che in alcuni casi non sarà necessaria la quarantena.

Il cambiamento sta arrivando, ha affermato Kishida, poiché il numero di infezioni da coronavirus mostra segni di calo, il che significa che il Giappone deve iniziare a prepararsi per una nuova fase.

READ  Aggiornamento guerra ucraino-russo: ultime notizie

Tuttavia, ha affermato che le misure di semi-emergenza in atto per circa 17 distretti continueranno fino al 6 marzo.

L’ambasciatore degli Stati Uniti Rahm Emanuel ha elogiato la decisione, affermando in una dichiarazione che andrà a beneficio degli studenti stranieri che desiderano venire in Giappone mantenendo la salute pubblica.

Il Giappone, che è stato effettivamente chiuso ai non residenti per due anni, ha allentato brevemente i controlli alle frontiere alla fine del 2021, ma li ha rafforzati nuovamente poche settimane dopo con l’emergere della variante Omicron all’estero.

Il Giappone attualmente classifica 82 paesi come “ad alto rischio” e per molti richiede una settimana di quarantena, inclusi tre o sei giorni in hotel. Sono state necessarie due settimane di quarantena fino a metà gennaio.

Kishida e il suo governo hanno elogiato gli rigorosi controlli alle frontiere per aver guadagnato tempo per il Giappone con Omicron che si è diffuso in tutto il mondo e la stragrande maggioranza del pubblico li ha sostenuti.

Tuttavia, con il genere ormai diffuso in Giappone, che fatica a mettere in atto colpi di richiamo, imprenditori e alcuni politici hanno avvertito che le misure sono superate. Per saperne di più

Per Kishida, che dovrà affrontare un’elezione cruciale a luglio, decidere quando e come modificare le procedure è difficile, ha affermato l’analista politico Atsu Ito.

“Se guardi alla situazione generale ora, non ha senso: puoi prendere il virus ovunque. Ma grazie alla loro presenza, ha ottenuto molto sostegno pubblico”, ha detto.

Se non cambia, ha aggiunto Ito, “la conseguenza a lungo termine è che il Giappone sarà lasciato indietro dal resto del mondo”.

(Reportage di Kiyoshi Takenaka e Elaine Laiss); Montaggio di Jerry Doyle, David Dolan e Mark Heinrich

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.