Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Giappone addestra i piloti di caccia in Italia

L’annuncio è stato dato in un comunicato congiunto di Leonardo, dell’Esercito Aeronautico e dell’Aeronautica Militare: il Giappone invierà i suoi studenti piloti alla International Air Training School (IFTS). Formazione (formazione avanzata). ” Il Giappone è il terzo Paese a scegliere l’IFTS per l’addestramento dei suoi piloti, dopo Qatar e Germania. Ha ricordato il comunicato stampa.

L’aereo prudente sarà sostituito dal Kawasaki T-4 Leonardo M-346. © Frédéric Lert / Aerobuzz

L’accordo segna il futuro delle Kawasaki T-4 utilizzate finora dal Giappone. Tuttavia, questi aerei non sono molto vecchi, ad esempio, il primo aereo a volare dopo il 1985, dodici anni dopo l’Alpha Jet. L’idea di modernizzare il T-4 è nell’aria da dieci anni, cadendo così nel dimenticatoio.

Tokyo allo stesso tempo fa una scelta tradizionale scegliendo un jet nell’ultima fase di addestramento dei piloti di caccia.

Negli ultimi anni, la Svizzera ha distrutto la rotta alternativa con un addestramento al 100% su velivoli a elica con PC-21. Spinta da esigenze finanziarie, la Francia ha scelto di riconsiderare completamente la sua formazione e fornire lo spazio necessario per il PC-21. Si dice che il PC-21 costi quattro volte meno all’ora rispetto all’Alpha Jet.

Un po’ più comodo per andare direttamente dal PC-21 al Rafale e ad altri Mirage 2000, si prevede di fornire un po’ di tempo di volo extra per affrontare gli aerei armati non appena i giovani piloti arriveranno in forza.

Il Giappone non avrà la corda al collo come la Francia in termini di finanze pubbliche.

Inoltre, non è chiaro se Tokyo prenderà in considerazione l’idea di un addestramento al 100% su velivoli a elica. Tuttavia, con l’addestramento sul T-346 (il nome dell’M-356 all’interno dell’Aeronautica Militare), i giapponesi scelgono un Paese ricco che non vuole rivoluzionare i propri processi.

READ  Nel terzo trimestre è stata confermata una crescita del 2,6% su base annua

Tuttavia, dalla scelta dell’Italia come partner, deriva il dannoso divario rispetto al tradizionale partner americano. Il comunicato di Leonardo ricorda lo storico volo di Arturo Ferrari tra Roma e Tokyo negli anni ’20, rendendo difficile tracciare i legami storici e profondi tra i due Paesi. La verità è che Leonardo e l’Italia stanno ora raccogliendo i frutti di un forte investimento nel mercato dell’addestramento militare, frutto di una stretta collaborazione tra la commercializzazione dell’M-346 e la creazione dell’IFTS. Leonardo e l’Aeronautica Militare.

Un giorno dovremo spiegare perché la Francia non ha potuto farlo e trovare questa sincronicità politico-industriale…

Con questi due asset in mano, l’Italia segue una politica commerciale molto aggressiva del camminare su due gambe (non possiamo criticarlo): centro di addestramento per la vendita di velivoli e la costituzione di una società volta a sostituire i jet alfa e altri falchi” chiave in mano Infrastrutture necessarie, gestione e aerospaziale con velivoli simili.

Federico Lert

Chiudere