Luglio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il futuro di Lionel Messi: Barcellona, ​​Arabia Saudita o Miami?

Il futuro di Lionel Messi: Barcellona, ​​Arabia Saudita o Miami?

La sospensione di due settimane di Lionel Messi dal Paris Saint-Germain dopo un viaggio non autorizzato in Arabia Saudita ha tracciato una linea nella sabbia tra il 35enne e il suo club. Ora sembra molto difficile per l’argentino restare a Parigi dopo questa estate.

Dopo mesi di trattative, il suo contratto dovrebbe semplicemente scadere alla fine di giugno. Sarà un risultato negativo dopo due anni nella capitale francese.

Messi ha firmato un contratto biennale con il Paris Saint-Germain nel 2021 e includeva un’opzione per il terzo anno. Tra l’incertezza sul fatto che rinnoverà o meno, il suo campo ha accennato all’attesa di ulteriori informazioni su come sarà il progetto sportivo del Paris Saint-Germain la prossima stagione.

Sembra ormai che il progetto sportivo non abbia posto al suo interno per Messi, e questa conclusione è stata sorprendentemente presentata dagli eventi di questa settimana.

Se non a Parigi, dove giocherà Messi la prossima stagione? Il ritorno al Barcellona, ​​il club con cui ha militato con tanta distinzione fino al 2021, è economicamente fattibile? Il ruolo redditizio di Messi come ambasciatore presso l’Autorità del turismo saudita indica che seguirà Cristiano Ronaldo e giocherà a calcio in Medio Oriente? Che ne dici del tanto atteso passaggio all’Inter Miami e alla Major League Soccer?

Ecco lo stato di avanzamento da Atletico Esperti in Spagna, Francia e Stati Uniti al momento …


Questo è certamente il sogno del presidente del Barcellona Joan Laporta, e tutte le indicazioni indicano che sembra essere una scelta personale di Messi. Tuttavia, c’è ancora molto che deve accadere affinché questi sentimenti diventino realtà.

In effetti, è persino sconsiderato speculare su un potenziale ritorno di Lionel Messi viste le difficoltà finanziarie del Barcellona. Dopotutto, il club deve ancora firmare nuovi contratti per Gavi, Ronald Araujo, Alejandro Balde, Marcos Alonso e Sergi Roberto secondo le regole salariali della Liga.

Ma, mentre la firma di Messi al momento sembra un puzzle impossibile al Camp Nou, niente di tutto ciò dissuaderà molti al Barcellona dal credere che un accordo potrebbe alla fine arrivare.

Si prevede che La Liga chiederà al Barcellona di tagliare il conto salariale di circa 200 milioni di euro (176 milioni di sterline, 221 milioni di dollari) per la stagione 2023-24. Al momento, i catalani superano il limite fissato dal campionato spagnolo per loro da spendere in stipendi. Come altri club in situazioni simili, il Barcellona doveva presentare un piano di fattibilità finanziaria per definire i passaggi che seguiranno per pareggiare i conti per le prossime due stagioni.

Messi ha giocato per il Barcellona fino al 2021 (Foto: PAU BARRENA/AFP via Getty Images)

Due settimane fa, il Barcellona ha fatto proprio questo. Hanno anche detto alla Liga come opereranno nella finestra di mercato estiva. Non ci sono dettagli chiari su cosa comporti il ​​piano, ma diverse fonti del Barcellona, ​​​​a cui è stato concesso l’anonimato per proteggere i loro posti di lavoro, hanno confermato che il presidente della Liga Javier Tebas è stato informato dell’intenzione del club di cercare di dimettersi Messi. E il Barcellona non vorrà aspettare gli ultimi giorni della finestra estiva per vedere se ha il suo uomo.

READ  I Phillies hanno esteso un'offerta a Yoshinobu Yamamoto

Il modo in cui il club può tagliare lo stipendio di 200 milioni di euro ingaggiando uno dei giocatori più pagati del calcio mondiale è un’altra questione.

Lo staff tecnico, guidato dall’allenatore Xavi, cerca di ottenere “l’ultimo ballo” da Messi nel club. Ritengono che la superstar argentina fornirà esattamente ciò che manca alla sua squadra, in particolare facendo la differenza nell’ultimo terzo, dato che il 20enne Pedri sembra avere molte responsabilità per il successo della squadra.

Nello spogliatoio le opinioni si dividono. Mentre una parte importante dell’attuale squadra sta assaporando la possibilità di collaborare ancora una volta con Messi, ci sono anche alcuni settori che sono più titubanti riguardo alla prospettiva di una riunione.

Contattato per un commento, il campo di Messi ha ammesso settimane fa che al momento un ritorno al Barcellona poteva essere immaginato solo da una prospettiva romantica piuttosto che realistica.

Ma poi di nuovo, questo è il Barcellona. tutto può succedere.

Paolo Ballos e Laia Cervelo Herrero


Trasferirsi in Arabia Saudita?

I numeri fanno paura: Messi potrebbe guadagnare fino a 400 milioni di euro all’anno per fare carriera in Arabia Saudita.

Ma quando un altro anno al PSG era ancora una possibilità, giocare nella Saudi Professional League – classificata come la 58a lega di qualità al mondo, secondo l’agenzia di intelligence sportiva Twenty First Group – non era l’opzione più allettante per Messi. Voleva restare in Europa e continuare a esibirsi ai massimi livelli prima della prossima Coppa America negli Stati Uniti nel 2024.

Questo potrebbe essere cambiato ora, però.

Ronaldo si è trasferito in Arabia Saudita a gennaio (Immagine: FAYEZ NURELDINE/AFP via Getty Images)

La mancanza di progetti tra cui scegliere in Europa è il motivo principale per cui è improbabile che rivedremo Messi in Champions League la prossima stagione. Con il PSG respinto come possibile opzione, solo il Barcellona riconosce un legittimo interesse in esso – e abbiamo già spiegato quanto sia poco chiara tale opzione.

READ  Fonti dicono che il quarterback Taulia Tagovailoa passerà al Draft NFL con un rifiuto della NCAA

L’accordo di sponsorizzazione che l’Arabia Saudita ha firmato con Messi per promuovere il turismo internazionale non significa automaticamente che vorrà giocare a calcio con la sua squadra lì, ovviamente, e non sarà l’unico giocatore del campionato che cerca di avere un impatto. Dopo che Ronaldo si è unito ad Al-Nassr a gennaio, la Lega saudita ha identificato giocatori come Neymar Jr., Pepe e Luka Modric come potenziali voci per provare a seguirlo.

Paolo Bloss


Unisciti all’Inter Miami?

Con il tempo di Messi al Paris Saint-Germain che sembra volgere al termine, l’Inter Miami di David Beckham ha almeno uno sfidante in meno nella sua lunga ricerca del sette volte vincitore del Pallone d’Oro.

Nei circoli della Major League Soccer, il fatto che Messi un giorno si unisse a Miami era considerato un segreto di Pulcinella. Tuttavia, il club spera ancora che “un giorno” sarà quest’estate.

Miami spingeva da tempo per quel risultato, con incontri che sono continuati per tutto l’inverno. Jorge e Jose Mas – i fratelli che possiedono l’Inter Miami insieme a Beckham – hanno condotto le trattative e hanno avuto numerosi incontri con il padre di Messi, Jorge.

L’Inter Miami spera da tempo di firmare Messi (Foto: Matthias J. Ochner/Miami Herald/Tribune News Service via Getty Images)

Messi ha una casa a Miami e va regolarmente in vacanza nel sud della Florida. Miami ha anche uno spazio roster (o “slot giocatore”, nel gergo MLS) pronto per Messi e potrebbe persino fornire spazio aggiuntivo per aggiungere un giocatore come Sergio Busquets.

ha detto il commissario MLS Don Garber l’atleta A marzo, probabilmente ci vorrà un accordo creativo per realizzarlo, ma il campionato e l’Inter Miami sono disposti a essere flessibili per trovare il giusto pacchetto di compensazione per ottenere Messi.

READ  Lindholm è stato ceduto ai Canucks dai Flames per Kuzmenko

La palla è, per molti versi, nel campo di Messi qui.

Tom Bogert


Restare al Psg?

Il soggiorno di Messi a Parigi sta per finire.

Dopo aver vinto il Mondiale con l’Argentina a dicembre a Doha, l’idea che lasciasse un club di proprietà del Qatar al Paris Saint-Germain sembrava inverosimile. L’accordo per prolungare il suo soggiorno a Parigi sembrava un esito naturale. In Francia, il PSG era imbattuto in campionato e Messi era al centro delle cose, dato che iniziò una stagione inizialmente lenta nel suo nuovo club.

Ma da allora, l’atmosfera è cambiata radicalmente. Il Paris Saint-Germain si è comportato male, subendo nove sconfitte solo quest’anno solare ed è stato eliminato dal Bayern Monaco negli ottavi di finale di Champions League.

Messi non aveva torto individualmente, ma era un sintomo di uno scarso team building che ha lasciato il club mal attrezzato per combattere su tutti i fronti. Il malessere del club dopo il Mondiale non ha aiutato, nell’ottica della vittoria di Messi.

Il tempo di Messi al Paris Saint-Germain sembra volgere al termine (Foto: FRANCK FIFE/AFP via Getty Images)

Per un giocatore, questo periodo della sua carriera sarebbe pieno di lividi e questo ora supera il rigore di questo club. Il sentimento dei fan si stava rivoltando contro di lui e il suo nome è stato fischiato al Parc des Princes prima delle partite. Le emozioni tra la folla parigina erano incentrate su suggerimenti che non era così coinvolto come lo era durante il suo periodo al Barcellona. Un punto rafforzato solo dal forte livello della squadra dall’inizio dell’anno. Ad alimentare il fuoco anche le ripetute indiscrezioni sulla possibilità di un ritorno nel club catalano.

Ora che fa il modello a Parigi, sembra improbabile che i rapporti vengano ricostruiti. Per il giocatore restare a Parigi non è più comodo.

Il PSG vuole concentrarsi sulla costruzione attorno a Kylian Mbappe e sulla capitalizzazione dell’ampio pool di talenti che esiste all’interno del gioco francese. Ciò significa la fine della loro attenzione su “bling” e grandi nomi (e una grossa fattura salariale), e significa anche la loro disponibilità a separarsi da Messi.

Pietro Rutzler

(Foto in alto: ANNE-CHRISTINE POUJOULAT/AFP via Getty Images)