Febbraio 3, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il capolavoro del centrocampista degli Eagles Jalen Hurts

Jalen Hurts non ha dovuto portare la squadra sulle spalle. Non doveva lanciare per 300 yard o correre per 100. Non doveva essere Superman.

Doveva solo essere se stesso. E lo ha fatto in modo impeccabile.

Nel suo capolavoro di quarterback minore, Hurts ha lanciato solo 24 passaggi, passato solo per 154 yard e corso solo per 34.

Non ha fatto molto. Ma ha fatto esattamente quello che doveva quando gli Eagles hanno ottenuto una facile vittoria per 38-7 sui Giants sabato sera al Link nelle semifinali della NFC Conference.

Hurts era al completo comando dell’attacco, al completo comando della squadra. C’è una certa eleganza nel non cercare di fare troppo e nel fare solo ciò di cui hai bisogno. E Hurts lo ha fatto brillantemente.

“Mi sembrava il vecchio Galen”, ha detto Miles Sanders. “Non mentirò. Sono solo orgoglioso di lui. Chiede a tutti di dare il meglio, e lo faremo solo per lui perché ci dà il meglio”.

Dal 1960, l’unica volta che un quarterback degli Eagles ha iniziato e terminato una partita di playoff senza passaggi è stato nel 1979, quando Ron Jaworski era 12 su 23 in una vittoria cardinale sui Bears al veterinario.

Sono passati 15 anni da quando una squadra della NFL ha segnato 38 punti in una partita di playoff con 24 o meno tentativi di passaggio. Tali erano i Packers nella vittoria per 42-20 sui Seahawks nel 2008, quando Brett Favre aveva 18 su 23 e Ryan Grant correva per oltre 200 yard.

Questa volta, Sanders, Kenny Ginwill, Boston Scott e Hurts si unirebbero per 268 yard. Ciò ha tenuto lontana la pressione da Hurts, che ha lanciato solo sette contrasti nella seconda metà.

READ  I gemelli firmano Joey Gallo con un contratto di un anno

La formula è stata implementata tutto l’anno per costruire un vantaggio e sforzarsi di mantenerlo. Gli Eagles sono appena passati dal passaggio alla corsa prima del solito sabato sera contro una difesa superiore dei Giants.

Ma Hurtz era un genio quando doveva esserlo. Era 7 su 7 con passaggi TD a Dallas Goedert e DeVonta Smith nel primo quarto, e da lì gli Eagles sono rimasti ampiamente in svantaggio.

“Penso che sia stato molto importante per noi uscire e iniziare velocemente”, ha detto Hurtz. “Come squadra di calcio siamo appena usciti e abbiamo giocato con molta energia. Ci siamo preparati davvero bene per tutta la settimana e parli sempre di sfidare tutti a giocare al meglio.

“Non ho mai messo un limite a me stesso e non ho mai messo un limite a ciò che questa squadra può fare, quindi c’è sempre di più che possiamo avere. Per uscire e giocare come abbiamo fatto stasera, sono orgoglioso di questo gruppo, io “Sono orgoglioso di questa squadra, sono orgoglioso della configurazione che gli abbiamo messo attraverso per arrivare dove siamo ora. C’è molto di cui essere grato, ma è stato guadagnato durante la settimana. Sono entusiasta di averne un altro possibilità di giocare di nuovo per qualcosa di importante”.

Questo era il Jalen Hurts che abbiamo visto prima che si facesse male alla spalla contro i Bears cinque settimane fa. Candidato MVP da settembre a metà dicembre.

Potrebbe non essere al 100 percento, ma sicuramente sembrava al 100 percento.

“Portarlo là fuori è come – so che è un grande elogio, ma portarlo là fuori è come – non devo entrare lì – è come avere Michael Jordan lì dentro”, ha detto Nick Siriani. “È il tuo capitano. È il tuo uomo.”

READ  Chelsea-Brentford 1-4, Premier League: reazioni post-partita, valutazioni

“Questo ragazzo guida. Porta quella calma a tutta la squadra. Gioca un ottimo calcio. È duro come loro.

“Per me quest’anno nessuno ha giocato a calcio meglio di lui”.

Il passer rating di Hurts di 112,2 è stato il quarto più alto nella storia post-stagionale degli Eagles, dietro il 143,3 di Rodney Petty nella vittoria con wild card 58-37 sui Lions nel 1995 Vet, e il 141,4 di Nick Foles nel 2017 NFC Championship Game sui Vikings On Link e Tommy Thompson hanno corso 127,3 in una vittoria in semifinale del 1947 contro gli Steelers al Forbes Field.

È il più giovane quarterback degli Eagles a raggiungere l’NFC Championship Game — nove mesi meno di Donovan McNabb nel 2001 — e battendo i 49ers o i Cowboys una settimana a partire da domenica, diventerà l’ottavo QB a portare la sua squadra al Super Bowl il suo 25° compleanno.

Un anno fa, Hurts ha affrontato per la prima volta un incubo nei playoff a Tampa.

È stata una delle peggiori prestazioni post-stagionali nella storia degli Eagles. Questo è stato il migliore.

“Penso che ogni esperienza sia vantaggiosa, non solo quella partita ma tutta la scorsa stagione, le ultime 15 partite che ho giocato”, ha detto. “Penso che tutti questi siano stati molto utili. C’è molto da imparare da questo. Volevo solo uscire qui e giocare un buon calcio. Sapere com’è e trovare un modo per farlo”.

Iscriviti al podcast di Eagle Eye

Podcast Apple | applicazioni google | Spotify | cucitrice | Articolo 19 | Guarda su YouTube