Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il funzionario israeliano Gadi Eisenkot afferma che Benjamin Netanyahu sta mentendo sulla guerra a Gaza

Il funzionario israeliano Gadi Eisenkot afferma che Benjamin Netanyahu sta mentendo sulla guerra a Gaza

Il ministro della Difesa israeliano Gadi Eisenkot ha preso di mira direttamente Benjamin Netanyahu in un'intervista televisiva giovedì sera in cui ha accusato il primo ministro di non essere onesto riguardo agli obiettivi di guerra di Israele a Gaza.

Parlando con il canale israeliano Channel 12, Eisenkot è intervenuto alla recente conferenza stampa di Netanyahu, nella quale il primo ministro ha pubblicamente respinto gli sforzi degli Stati Uniti per fondare uno stato palestinese dopo la fine della guerra – e ha affermato le sue intenzioni di continuare la guerra finché Israele non otterrà la “completa vittoria” sulla guerra. Gaza. agitazione.

A Eisenkot, ex capo di stato maggiore dell'IDF il cui figlio è stato ucciso in un'azione a Gaza il mese scorso, è stato chiesto durante l'intervista se credeva che gli alti funzionari del governo israeliano fossero onesti riguardo ai loro obiettivi di guerra. Ha risposto “no” direttamente.

E ha aggiunto: “Chi parla di sconfitta assoluta non dice la verità… Ecco perché non dovremmo raccontare storielle… Oggi la situazione nella Striscia di Gaza è già tale che gli obiettivi della guerra non sono ancora stati raggiunti. .” UN I tempi di Israele traduzione. Ha aggiunto: “Sono già in una fase e in un’età in cui non mi fido di questo o quel leader ad occhi chiusi, e giudico un uomo dalle sue decisioni e dal modo in cui guida il Paese”.

L'ex generale è stato più critico nei confronti di Netanyahu durante l'intervista, affermando che il primo ministro ha una “chiara responsabilità” per l'attacco del 7 ottobre compiuto da Hamas. Ha chiesto nuove elezioni a causa della “pericolosa mancanza… di fiducia in lui da parte del pubblico israeliano”. [Netanyahu’s] Governo.”

READ  Attacchi di Hamas e risposta israeliana: una spiegazione

“Bisogna mostrare leadership nella capacità di dire la verità alle persone e nell’abilità di tracciare la rotta”, ha detto. “Come democrazia, lo Stato di Israele deve chiedersi dopo un evento così grave: ‘Come possiamo continuare da qui con una leadership che ci ha miseramente deluso?’”

Negli ultimi tre mesi i continui bombardamenti israeliani su Gaza hanno scatenato proteste in tutto il mondo. La terribile crisi umanitaria nella Striscia ha suscitato richieste sempre più urgenti di cessate il fuoco da parte di organizzazioni per i diritti umani come le Nazioni Unite, nonché una dura condanna delle strategie di guerra di Israele da parte dei governi di tutto il mondo.

Più di 25.000 uomini, donne e bambini palestinesi sono stati uccisi a Gaza dall’inizio della guerra, il 7 ottobre, quando i militanti di Hamas si sono infiltrati in Israele, uccidendo quasi 1.200 cittadini e catturandone altri circa 240. Secondo gli attuali rapporti del governo israeliano, sarebbero ancora circa 130 gli ostaggi detenuti da Hamas.