Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il cliente di McDonald’s, Mason Prima, ha ricevuto un biglietto per aver utilizzato l’app mentre ordinava dal drive-thru

Il cliente di McDonald’s, Mason Prima, ha ricevuto un biglietto per aver utilizzato l’app mentre ordinava dal drive-thru

Questo è un pasto gratuito costoso.

Un cliente di McDonald’s è stato colpito da una multa da 425 dollari quando ha utilizzato il suo telefono per riscattare un pasto gratuito dalla catena di fast food il 13 maggio.

Mason Prima, 18 anni, ha affermato che stava aspettando all’interno della sua auto online in una sede di Golden Arches in Canada e stava accedendo all’app mobile della catena di fast food quando è stato fermato dalla polizia di Saskatoon.

Mason Prima afferma di essere stato fermato per aver aperto l’app di McDonald’s sul suo telefono mentre era seduto in macchina in attesa in fila per il drive-thru il 13 maggio. Notizie CTV

“Riesco a malapena a muovermi. Apro l’app e guardo nello specchietto retrovisore e c’è un poliziotto in moto dietro di me”, ha detto Prima Ha detto a CTV News.

L’adolescente pensava di poter chiarire la situazione con l’ufficiale e dimostrare che stava utilizzando l’app, che consente ai clienti di preordinare i pasti e utilizzare i buoni.

“Mi comporto così e gli mostro che nella mia app McDonald’s sto caricando il codice per ottenere un pasto gratis”, ha detto Prima.

“Sto solo cercando di avere un pasto gratis, ma no, risulta essere un pranzo costoso”, ha aggiunto l’adolescente.

Prima ha affermato di aver sempre usato il telefono quando ordinava da McDonald’s e non è mai stato fermato per questo.

L’adolescente pensava di poter chiarire la situazione con l’ufficiale e dimostrare che stava utilizzando l’app, che consente ai clienti di preordinare i pasti e utilizzare i buoni. Notizie CTV

“A dire il vero, ero un po’ scioccato. Non mi era mai capitato prima: apro la mia app ogni volta che vado in macchina e non ho mai avuto questo problema prima”, ha detto Prima.

Prima ha sostenuto che non stava necessariamente guidando, ma che la sua macchina, una BMW, stava semplicemente “rotolando”.

“Non ho messo il piede sull’acceleratore o sul freno. Stava semplicemente rotolando. Si muoveva a malapena”, ha detto Prima.

La polizia di Saskatoon ha emesso a Prima una multa di 580 dollari, che ammonta a 425 dollari.

Mentre la multa è un grosso prezzo da pagare per un adolescente, Prima è più preoccupato per le macchie sulla sua patente perché ha preso solo una multa per eccesso di velocità da quando ha iniziato a guidare due anni e mezzo fa.

L’RCMP ha confutato il punto di vista di Prima sul blocco del traffico, sostenendo che l’adolescente è stato visto sul suo telefono prima di entrare nel parcheggio del ristorante.

“L’RCMP può confermare che il 13 maggio 2024 l’individuo è stato osservato mentre guidava un veicolo su una strada pubblica mentre utilizzava un telefono cellulare”, ha affermato il dipartimento, secondo CTV News.

Prima ha sostenuto che non stava necessariamente guidando, ma che la sua macchina, una BMW, stava semplicemente “rotolando”. Notizie CTV
Prema dice che stava usando l’app per poter ricevere un pasto gratuito ottenuto tramite l’app. Notizie CTV

“Un ufficiale dei servizi di traffico congiunti dell’RCMP del Saskatchewan ha effettuato un controllo del traffico su questo individuo. L’individuo ha poi effettuato una sosta nel parcheggio di un McDonald’s, dove è stata emessa la multa.

Un avvocato difensore penale locale afferma che esiste ancora qualche ambiguità riguardo all’uso del cellulare e alla legge.

“Mi dispiace per l’individuo che è stato accusato qui se fosse letteralmente nella… zona di guida e non su una strada pubblica”, ha detto Brian Pfefferle al punto vendita.

L’RCMP ha confutato le affermazioni di Prima e ha detto che l’adolescente è entrato nel parcheggio del fast food dopo che l’ufficiale ha avviato una fermata. Notizie CTV

“Mi azzarderei a immaginare che la stragrande maggioranza delle persone utilizzerebbe il proprio cellulare in gruppi come questo, e questo non dovrebbe essere considerato illegale, ma è ovviamente discutibile.”

Prema è così fiducioso nel suo resoconto dell’incidente che non pagherà la multa e si batterà invece in tribunale a luglio.