Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il CEO di Tesla Elon Musk accusa la SEC di aver fatto trapelare informazioni

Il CEO di Tesla Elon Musk accusa la SEC di aver fatto trapelare informazioni

Maja Hajjaj | Notizie Getty Images | Getty Images

Tesla Il CEO Elon Musk, tramite il suo avvocato, ha accusato la Securities and Exchange Commission di aver trapelato informazioni su un’indagine federale al fine di vendicarsi per la sua critica pubblica alle autorità di regolamentazione finanziaria federali.

In una lettera lunedì al giudice distrettuale degli Stati Uniti Alison Nathan, l’avvocato di Musk, Alex Spiro, ha scritto: “È diventato sempre più evidente che il comitato si vendicherà contro i miei clienti per aver esercitato i loro diritti del Primo Emendamento, recentemente criticando il Comitato per l’agenda pubblica e presentando una petizione su questo tribunale per il sollievo”.

Il messaggio arriva quattro giorni dopo che Musk lo ha inizialmente affermato Coinvolgimento della SEC nelle molestie Indagando costantemente su di lui, l’agenzia stava cercando di congelare il suo diritto alla libertà di espressione e ha trascurato i suoi doveri di trasferire 40 milioni di dollari agli azionisti Tesla Musk ha precedentemente pagato multe per saldare le accuse di frode sui titoli.

Spiro non ha specificato l’indagine o il tipo di informazioni che la Securities and Exchange Commission potrebbe aver trapelato a chi. Nella lettera, sostiene che almeno un membro della Securities and Exchange Commission ha fatto trapelare “alcune informazioni relative alle sue indagini” senza fornire alcuna prova a sostegno.

Non è stato possibile raggiungere Spiro per un commento. La Securities and Exchange Commission non ha risposto immediatamente per un commento.

La lotta tra Musk e la Securities and Exchange Commission è iniziata nel settembre 2018 quando la Securities and Exchange Commission ha accusato Musk di aver rilasciato dichiarazioni “false e fuorvianti” agli investitori dopo aver scritto in Twitter Nell’agosto dello stesso anno si assicurò finanziamenti sufficienti per un massiccio acquisto privato di Tesla a $ 420 per azione. Il titolo ha oscillato per tutto il mese e l’accordo a cui Musk ha accennato non si è mai concretizzato.

READ  Le azioni scendono e i prezzi del petrolio salgono mentre i mercati vacillano a causa dell'attacco della Russia all'Ucraina.

Sia Musk che Tesla hanno dovuto pagare una multa di $ 20 milioni ciascuno, e Musk è stato costretto a dimettersi dalla carica di presidente per almeno tre anni come parte di un accordo transattivo rivisto che l’agenzia ha raggiunto con la casa automobilistica e CEO nel 2019. Tesla ha dovuto farlo ha anche messo in atto un sistema per monitorare le dichiarazioni pubbliche di Musk sull’azienda, sia su Twitter, in un post sul blog o su qualsiasi altro mezzo.

Steven Buchholz della Securities and Exchange Commission ha risposto alla domanda precedente Le accuse di venerdì, affermando che l’agenzia stava effettivamente compiendo progressi nell’esborso di 40 milioni di dollari agli azionisti. Ha descritto il compito come complesso e ha notato che Tesla e Musk non avevano mai espresso alcuna preoccupazione per i trasferimenti prima. Ha scritto che i dipendenti della SEC prevedono di presentare un “piano di distribuzione proposto” al tribunale per l’approvazione entro la fine di marzo 2022.

Buchholz ha anche scritto che la comunicazione continua con Tesla era ciò che Nathan e l’accordo transattivo rivisto richiedevano e che se Musk avesse contestato una citazione, i suoi avvocati avrebbero dovuto affrontarlo con una mozione diversa. Esiste un diverso schema legale federale per impugnare una citazione.

Tesla ha rivelato nel suo rapporto sugli utili del quarto trimestre per il 2021 che la Securities and Exchange Commission Emettere un mandato di comparizione alla società nel novembre 2021. Secondo il deposito trimestrale di Tesla, l’agenzia sta cercando informazioni sui “processi di governance relativi al rispetto dell’accordo SEC, come modificato”.

Nella lettera di lunedì, Spiro ha rivelato alcuni dettagli sulla citazione. Ha scritto: “La Commissione ha richiesto specificamente la documentazione relativa alla conformità o non conformità dei miei clienti ai controlli e alle procedure di divulgazione di Tesla, alla Politica sulle comunicazioni esecutive, alla Politica sulle comunicazioni esterne e ad altre politiche o procedure relative a dichiarazioni o comunicazioni pubbliche da parte dei dirigenti di Tesla , o una sentenza o sentenza definitiva Revised final in SEC contro Musk, 1:18-cv-8865-AJN (SDNY).”

READ  Dow futures: di cosa ha bisogno ora il mercato rialzista; Concentrati su sei titoli, Tesla Rival Xpeng On Tap

Ha anche affermato che la Securities and Exchange Commission ha emesso un mandato di comparizione separato ma simile a Musk.

La citazione di novembre è arrivata poco dopo che Musk ha intervistato decine di milioni di suoi follower su Twitter chiedendogli se doveva vendere la sua quota del 10% in Tesla. Hanno votato sì. Ma gran parte delle vendite seguite al sondaggio di Twitter facevano parte di un piano adottato da Musk nel settembre 2021.