Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il CEO di Arm, Rene Haas, definisce l’intelligenza artificiale “l’opportunità più profonda della nostra vita”.  Un titolo che comprerei alla grande se avesse ragione.

Il CEO di Arm, Rene Haas, definisce l’intelligenza artificiale “l’opportunità più profonda della nostra vita”. Un titolo che comprerei alla grande se avesse ragione.

Non è possibile ignorare l’impatto dell’intelligenza artificiale (AI) sulla traiettoria del mercato nell’ultimo anno circa. Alcuni potrebbero sostenere che gli ultimi progressi nel campo dell’intelligenza artificiale hanno contribuito a innescare il rally nel 2023, sollevando Wall Street dal crollo del mercato ribassista.

L’intelligenza artificiale generativa promette di scatenare un’ondata di aumento della produttività e gli esperti del mercato azionario stanno ancora discutendo su quanto varrà alla fine. La maggior parte delle stime partono da un intervallo di 1.000 miliardi di dollari e da lì salgono.

Un’opportunità di questa portata spinge sia le aziende che gli investitori a lottare per ottenere la loro fetta di torta. Sfortunatamente, la folle corsa ha portato altri a denunciare la tendenza come una bolla o una montatura pubblicitaria.

Lui dice che non è così Tenendo il braccio L'amministratore delegato René Haas. In un'intervista con Bloomberg Technology, il CEO ha affermato: “L'intelligenza artificiale non è affatto un ciclo di hype. Crediamo che l'intelligenza artificiale sia l'opportunità più profonda della nostra vita e siamo solo all'inizio”. “

Si tratta di una dichiarazione coraggiosa, ma che sta risuonando nelle sale delle più grandi aziende tecnologiche del mondo. Se Haas ha ragione – e penso che lo sia – c'è un titolo AI che continuerò ad acquistare a mani nude: Nvidia (NVDA 3,58%).

Fonte immagine: Getty Images.

Jack, sii intelligente…

Vale la pena fare un momento per fare un passo indietro e guardare come Nvidia sia diventata una delle forze dominanti nella tecnologia oggi. L'azienda è stata pioniera nella moderna unità di elaborazione grafica (GPU), che offre immagini realistiche nei videogiochi.

READ  Le pressioni deflazionistiche in Cina si sono allentate e si prevedono ulteriori misure per stimolare la domanda

La tecnologia che rende tutto questo possibile è l’elaborazione parallela, che può gestire complesse attività di elaborazione matematica suddividendole in parti gestibili che possono essere eseguite simultaneamente. Nvidia si rese presto conto che questa tecnologia aveva applicazioni molto più ampie e si concentrò sull'applicazione a versioni precedenti di intelligenza artificiale, cloud computing, data center, tecnologia di guida autonoma e altro ancora.

Secondo New Street Research, l’azienda ha assunto un ruolo guida nel machine learning, un ramo predecessore dell’intelligenza artificiale, e vanta circa il 95% di quel mercato. Quindi, quando è arrivata l’intelligenza artificiale generativa, Nvidia era pronta.

Gran parte dell’attuale domanda di intelligenza artificiale proviene dai fornitori di infrastrutture cloud, che mettono a disposizione dei propri clienti l’intelligenza artificiale generativa. Uno sguardo all'elenco dei clienti di cloud computing di Nvidia mostra alcuni dei più importanti leader tecnologici: Amazzonia servizi web, Microsoft Visito, l'alfabetoGoogle Cloud e IBM Tutti i cloud utilizzano processori Nvidia nelle loro operazioni cloud, come fanno loro ispirazione nuvole, Baidu intelligenza artificiale cloud, Alì Babà Nuvola e Tencent nuvole.

Nvidia è il gold standard per l'accelerazione dei dati via etere, controllando circa il 95% delle GPU utilizzate nel mercato dei data center, secondo l'analista CFRA Angelo Zino. Tuttavia, l’opportunità è in gran parte inutilizzata. L’analista di Rosenblatt Hans Mosesmann ipotizza che l’intelligenza artificiale abbia innescato un ciclo di aggiornamento nel settore dei data center per far fronte alle esigenze computazionali dell’intelligenza artificiale generativa. Con una base installata del valore di quasi 1 trilione di dollari, abbiamo ancora molta strada da fare.

Jack, veloce…

La velocità con cui Nvidia innova rende difficile per i suoi concorrenti ottenere guadagni. Una volta che un concorrente presenta un processore vicino alle capacità di Nvidia, l'azienda è pronta a presentare la prossima generazione dei suoi chip ultraveloci. la ragione? Nvidia vanta un budget di ricerca e sviluppo (R&S) in continua crescita in grado di gestire un piccolo paese.

READ  L'ultimo robot aspirapolvere di Roomba ha uno sconto fino a $ 400 sul Cyber ​​​​Monday

Ad esempio, nell’anno fiscale 2023 di Nvidia (che termina il 29 gennaio 2023), la società ha speso il 27% delle sue entrate totali – 7,34 miliardi di dollari in totale – in ricerca e sviluppo, creando la prossima generazione della sua tecnologia all’avanguardia. Nvidia ha già speso 6,2 miliardi di dollari nei primi tre trimestri dell’anno fiscale 2024, e quella cifra sarà senza dubbio più alta quando Nvidia pubblicherà il suo rapporto sull’intero anno alla fine di questo mese.

Questa ingente spesa ha mantenuto l’azienda leader nel settore delle GPU davanti alla curva dell’intelligenza artificiale, come è evidente nei suoi recenti risultati. Nel terzo trimestre dell’anno fiscale 2024 (terminato il 29 ottobre), Nvidia ha generato un fatturato record di 18,1 miliardi di dollari, in crescita del 206% su base annua. Ciò ha ridotto l’utile per azione a 3,71 dollari, che è aumentato del 1,274%. Nonostante il facile paragone con il calo del mercato dello scorso anno, i risultati sono stati impressionanti.

Alcuni investitori citano l'elevata valutazione di Nvidia come motivo per evitare il titolo: una visione comprensibile ma miope, a mio parere. Il titolo viene venduto a 92 volte gli utili e 39 volte le vendite Sembra A prima vista è scandaloso, ma non tiene conto della crescita a tre cifre dell'azienda, che il management prevede continui. Tuttavia, l’utilizzo di un rapporto prezzo/utili-crescita (PEG) più favorevole rivela una valutazione inferiore a 1, il punto di riferimento per i titoli sottovalutati.

Dato lo status di leader del settore dell’azienda, il track record di crescita e la valutazione sorprendentemente modesta, Nvidia è l’unico titolo che intendo continuare ad acquistare se l’intelligenza artificiale è, davvero, “l’opportunità più grande della nostra vita”.

READ  I profitti di Saudi Aramco salgono del 90% a causa degli alti prezzi del petrolio

Susan Frey, dirigente di Alphabet, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. John Mackey, ex CEO di Whole Foods Market, una filiale di Amazon, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. Danny Fina ricopre incarichi presso Alphabet, Amazon, Baidu, Microsoft, Nvidia e Tencent. The Motley Fool ha posizioni e consiglia Alphabet, Amazon, Baidu, Microsoft, Nvidia, Oracle e Tencent. The Motley Fool consiglia Alibaba Group e International Business Machines. The Motley Fool ha una politica di divulgazione.