Luglio 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I prezzi del petrolio salgono mentre il conflitto in Ucraina solleva preoccupazioni sull'offerta

I prezzi del petrolio salgono mentre il conflitto in Ucraina solleva preoccupazioni sull’offerta

I modelli di fusti di petrolio e una leva della pompa sono mostrati davanti a un grafico a spirale di scorta e il “$ 100” in questa illustrazione è stato preso il 24 febbraio 2022. REUTERS/Dado Rovich/Illustrazione

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reuters) – I prezzi del petrolio sono aumentati martedì poiché i timori di una possibile interruzione dell’approvvigionamento a causa dell’invasione russa dell’Ucraina hanno superato i discorsi su un rilascio globale coordinato delle azioni del greggio per calmare i mercati.

I futures sul greggio May Brent, che hanno iniziato a essere scambiati martedì, sono aumentati dello 0,9% a $ 98,88 entro le 0440 GMT. L’indice ha toccato un massimo di sette anni di $ 105,79 dopo l’invasione russa dell’Ucraina la scorsa settimana.

I future sul greggio US West Texas Intermediate per aprile sono aumentati dello 0,8% a $ 96,5. Il contratto ha toccato un massimo di $ 99,10 al barile il giorno precedente e si è stabilizzato di oltre il 4%. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I timori di scarse forniture hanno fatto salire i prezzi quando i colloqui di pace tra Russia e Ucraina si sono conclusi lunedì con i funzionari che sono tornati nelle capitali per ulteriori consultazioni, indicando che una risoluzione del conflitto non è imminente. Per saperne di più

Louise Dixon, analista capo del mercato petrolifero di Rystad Energy, ha scritto in una nota.

Le principali compagnie petrolifere e del gas, tra cui BP e Shell, hanno annunciato piani per uscire dalle operazioni russe e dalle joint venture. Per saperne di più

Gli acquirenti di petrolio russi stanno lottando con i pagamenti e la disponibilità di navi poiché le sanzioni occidentali vengono imposte in risposta all’invasione dell’Ucraina. Per saperne di più

READ  Queste nuove politiche Netflix mirano a eliminare la condivisione delle password per i dispositivi di streaming

Nel frattempo, le fabbriche asiatiche hanno mantenuto una rapida ripresa a febbraio tra i segnali che la pandemia di coronavirus stava avendo un impatto minore sulle attività, indicando un aumento della domanda di petrolio. Per saperne di più

Tuttavia, il sentimento del mercato ha aiutato gli Stati Uniti ei loro alleati a discutere di un rilascio coordinato di azioni di greggio per mitigare le interruzioni dell’offerta. I media hanno riferito che questo rilascio potrebbe ammontare tra 60 milioni e 70 milioni di barili. Per saperne di più

“Questo potenziale rilascio limita l’aumento dei prezzi del petrolio per il momento”, hanno scritto in una nota gli analisti della Commonwealth Bank of Australia.

L’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) si prepara a tenere una riunione ministeriale straordinaria martedì per discutere il ruolo che i suoi membri possono svolgere nella stabilizzazione dei mercati petroliferi.

La Russia, che descrive le sue azioni in Ucraina come una “operazione speciale”, esporta 4-5 milioni di barili al giorno di greggio e 2-3 milioni di barili al giorno di prodotti raffinati.

Anche l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e altri produttori, inclusa la Russia, si incontreranno mercoledì e dovrebbero mantenere un graduale aumento dell’offerta.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Liz Hampton a Denver e Muyu Shu a Pechino; Montaggio di Kenneth Maxwell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.