Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I ghiacciai più visitati del mondo potrebbero presto scomparire

I ghiacciai più visitati del mondo potrebbero presto scomparire

rendere Lista del Patrimonio Mondiale Dall’UNESCO, l’organizzazione educativa, scientifica e culturale delle Nazioni Unite, è una sorta di sigillo d’oro di approvazione nel mondo del turismo. L’elenco, iniziato nel 1978, comprende più di 1.150 siti nominati dai paesi ospitanti e include destinazioni turistiche come la Grande Muraglia Cinese, la Grande Barriera Corallina in Australia e il Complesso Centrale dell’Amazzonia in Brasile.

Ospita anche alcuni dei ghiacciai più famosi e visitati al mondo, compresi quelli dei parchi nazionali di Yosemite e Yellowstone. ma secondo Un rapporto diffuso dall’agenzia la scorsa settimanaSi prevede che un terzo di loro sparirà entro il 2050 a causa del cambiamento climatico.

I ghiacciai che rischiano di scomparire includono gli ultimi rimasti in Africa, nel Parco Nazionale del Kilimangiaro e nel Monte Kenya, quelli dei Pirenei del Monte Perdo, che si trovano a cavallo dei confini di Francia e Spagna, e nelle Dolomiti italiane.

Il rapporto, pubblicato pochi giorni prima dell’inizio della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP27 in Egitto, ha rappresentato una sfida per l’industria dei viaggi, che è uno dei principali contributori alle emissioni globali di carbonio, con un’impronta stimata tra l’8 e l’11% della serra totale gas. E il Secondo il World Travel and Tourism Council, o WTTC. L’aviazione rappresenta circa il 17% delle emissioni totali di carbonio durante il viaggio.

James Thornton, CEO di viaggio al basilicouna compagnia di viaggi specializzata in viaggi sostenibili e che organizza viaggi in molti dei ghiacciai citati nel rapporto.

“È un campanello d’allarme”, ha detto. “Il messaggio principale è che alla fine della giornata per l’industria dei viaggi non esiste un vaccino per i cambiamenti climatici. Dobbiamo intraprendere azioni urgenti per rimuovere rapidamente il carbonio”.

“Queste sono previsioni”, ha affermato Thales Carvalho Resende, ricercatore brasiliano dell’UNESCO e uno degli autori del rapporto. “Speriamo di sbagliarci, ovviamente, ma queste sono previsioni basate su una scienza seria”.

Ha detto che i ghiacciai sarebbero scomparsi indipendentemente da eventuali “scenari climatici”. Ma i restanti due terzi dei ghiacciai nei siti del patrimonio mondiale potrebbero ancora essere salvati se il riscaldamento globale fosse limitato a 1,5 gradi Celsius, o 2,7 gradi Fahrenheit, secondo il rapporto.

I ghiacciai elencati perdono 58 miliardi di tonnellate di ghiaccio all’anno, una quantità pari al consumo totale di acqua annuo di Francia e Spagna, secondo l’UNESCO. Secondo lo studio, lo scioglimento è responsabile di quasi il 5% dell’innalzamento del livello del mare globale.

Hanno portato a cali drammatici del prezzo delle fonti di energia rinnovabile e alla mobilitazione politica globale Gli scienziati hanno concluso che il riscaldamento di questo secolo Molto probabilmente cadrai Tra due o tre gradi, molto inferiore alla catastrofica previsione da quattro a sei gradi che era stata fatta in precedenza. Ma limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi è altamente improbabile, e anche un ulteriore o due gradi di riscaldamento porterebbero a condizioni meteorologiche più estreme, sconvolgimenti ambientali e sofferenza per milioni di persone.

Tuttavia, ha affermato Resende, il rapporto dell’UNESCO mostra che l’industria dei viaggi può svolgere un ruolo enorme nella conservazione dei siti del patrimonio mondiale e nel contribuire a cambiare il comportamento dei viaggiatori.

indicato 2019 divieto ai turisti di scalare Uluru, Un gigantesco monolite in Australia è sacro agli Anangu, un gruppo aborigeno che è il guardiano della roccia. Il divieto che è arrivato dopo decenni di lotta per il popolo Anangu, È molto rispettato dai turisti Ha dato ai ranger del parco il tempo di conservare la flora e la fauna del Parco Nazionale Uluru-Kata Tjuta, patrimonio dell’umanità.

READ  L'inviato degli Stati Uniti vede un "cambiamento dipendente" nelle relazioni NATO-Asia tra le sfide della Cina

Il Sig. Resende lo ha descritto come un esempio di come l’educazione e la collaborazione con le comunità locali possono costringere i turisti a cambiare le loro abitudini di viaggio e imparare a proteggere meglio le destinazioni sensibili, lezioni che potrebbero essere applicate per ridurre i comportamenti che producono emissioni.

Ha detto che le compagnie di viaggio come Expedia e Kayak potrebbero anche incoraggiare le persone a viaggiare di meno pubblicizzando più viaggi di una settimana piuttosto che escursioni di tre giorni o nel fine settimana. Resende ha affermato che un viaggiatore che viaggia una volta all’anno per una vacanza più lunga avrebbe teoricamente un’impronta di carbonio inferiore rispetto a un viaggiatore che effettua più viaggi più brevi in ​​aereo.

Alla recente conferenza COP, tenutasi a Glasgow, in Scozia, lo scorso anno, più di 300 membri dell’industria del turismo globale da trilioni di dollari, inclusi operatori turistici, capi di catene alberghiere e leader di enti turistici, raduno per firmare Dichiarazione di Glasgow sull’azione per il clima nel turismo. da allora, Più di 530 stakeholder Hanno firmato l’impegno.

L’accordo richiedeva loro di presentare entro 12 mesi un piano concreto e trasparente per dimezzare le emissioni di carbonio entro il 2030 e raggiungere lo “zero netto” entro il 2050.

Jeff Roy, vicepresidente esecutivo della compagnia di viaggi, ha affermato che le compagnie di viaggio hanno un “obbligo speciale” di affrontare l’impronta di carbonio del settore Colette Touruna compagnia di viaggi che organizza viaggi nei siti del Patrimonio Mondiale.

“La buona notizia è che l’industria dei viaggi si è unita per condividere risorse e lavorare in modo collaborativo per trasformare il turismo in relazione all’azione per il clima in un modo mai visto prima”, ha affermato in una nota. “C’è molto che deve essere fatto e rapidamente, poiché il ritmo del cambiamento climatico sta accelerando”.

READ  Gli oligarchi russi hanno standard incredibili

Il signor Thornton ha affermato che Intrepid, ad esempio, ha iniziato a trasportare turisti tra alcune destinazioni piuttosto che volare, un cambiamento rispetto alle pratiche precedenti.

Il rilascio del rapporto ha sollevato preoccupazioni sul fatto che i turisti si riverseranno e vedranno i ghiacciai prima che scompaiano, esacerbando il sovraffollamento nei parchi nazionali e in altre aree naturali sensibili.

Fred Bianchi, Direttore, ha dichiarato: Glacier National Park del Politecnico di Worcester Centro progetti nel Montana. Il parco non è menzionato nel rapporto dell’UNESCO, ma gli scienziati temono Il parco potrebbe essere libero dai ghiacciai entro il 2030.

La pandemia ha portato molti parchi a istituire un sistema di prenotazione per evitare un intenso traffico pedonale. Il Sig. Bianchi ha affermato che il rapporto dell’UNESCO fornisce un ulteriore incentivo a mantenere questo tipo di sistema in atto.

Luther Lake, l’agente di prenotazione della compagnia, ha affermato che più turisti dovrebbero vedere i danni causati dai cambiamenti climatici causati dall’uomo Viaggio in linea grigiache organizza gite allo Yosemite National Park dove si trovano i due ghiacciai, notte E il MacleurSi sono trattenuti per decenni.

“Vederlo nelle foto è una cosa, ma vederlo di persona ha un effetto diverso”, ha detto il signor Lake. “È francamente terrificante.”