Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I funzionari americani si aspettano che la risposta israeliana agli attacchi iraniani sarà limitata

I funzionari americani si aspettano che la risposta israeliana agli attacchi iraniani sarà limitata

I funzionari statunitensi si aspettano che la potenziale risposta di Israele all'attacco iraniano nel fine settimana sarà di portata limitata e includerà probabilmente attacchi contro le forze militari iraniane e gli agenti sostenuti dall'Iran fuori dall'Iran, hanno detto a NBC News quattro funzionari statunitensi.

La valutazione americana si basa sui colloqui tra funzionari americani e israeliani avvenuti prima che l’Iran lanciasse più di 300 droni e missili contro Israele sabato notte.

Funzionari statunitensi hanno affermato che mentre Israele si preparava per un possibile attacco iraniano la scorsa settimana, i funzionari israeliani hanno informato i funzionari statunitensi sulle potenziali opzioni di risposta.

Funzionari statunitensi hanno sottolineato di non essere stati informati sulla decisione finale di Israele su come rispondere e che le opzioni avrebbero potuto essere cambiate dopo l'attacco del fine settimana. Hanno anche detto che non è chiaro quando avverrà la risposta israeliana, ma potrebbe avvenire in qualsiasi momento.

Il presidente Joe Biden e altri leader hanno chiesto moderazione dopo che Israele ha promesso di rispondere all'attacco iraniano di sabato, che era una risposta al raid israeliano del 1 aprile contro un edificio consolare iraniano in Siria, che ha ucciso due dei massimi generali di Teheran.

I funzionari hanno affermato che gli scenari esaminati la scorsa settimana per possibili azioni di ritorsione per l’attacco consolare andavano da un modesto attacco da parte dell’Iran a un attacco su larga scala che ha portato a vittime israeliane e alla distruzione delle strutture israeliane.

Le possibili risposte israeliane andavano dal non intraprendere alcuna azione militare al lanciare attacchi all’interno dell’Iran.

Poiché l’attacco iraniano non ha provocato morti israeliani o distruzioni diffuse, come hanno affermato i funzionari americani, Israele potrebbe rispondere con una delle sue opzioni meno aggressive: attacchi al di fuori dell’Iran.

READ  L'Ucraina lancia un nuovo attacco al quartier generale della flotta russa del Mar Nero in Crimea

Tre funzionari americani hanno affermato che le opzioni potrebbero includere un attacco all’interno della Siria. I funzionari non si aspettano che la risposta prenda di mira alti funzionari iraniani, ma piuttosto che prenda di mira spedizioni o strutture di stoccaggio contenenti parti di missili avanzati, armi o componenti inviati dall’Iran a Hezbollah.

I funzionari hanno aggiunto che gli Stati Uniti non intendono partecipare ad una risposta militare. Si aspettano che Israele condivida in anticipo informazioni sulle azioni con Washington, in particolare se potrebbero avere ripercussioni negative per gli americani nella regione.

Un funzionario israeliano ha detto lunedì, dopo una riunione del gabinetto di guerra israeliano, che la risposta di Israele all'attacco iraniano potrebbe essere “imminente”, indicando che i decisori ritengono che sia importante che qualsiasi risposta si avvicini all'attacco. Il funzionario israeliano ha affermato che durante l'incontro sono state discusse diverse opzioni diplomatiche e militari.

Il sistema di difesa aerea israeliano Iron Dome è stato lanciato nel centro di Israele per intercettare i missili lanciati dall'Iran durante il fine settimana.Tomer Newberg/AP

Gli Stati Uniti e altri alleati sono venuti in aiuto di Israele durante i raid, aiutandolo a intercettare la stragrande maggioranza dei droni e dei missili lanciati contro il paese. Ma in una telefonata sabato, il presidente Joe Biden ha detto al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu che gli Stati Uniti non si sarebbero impegnati in operazioni offensive contro l’Iran, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione.

Un gruppo di cori e diplomatici ha condannato gli scioperi del fine settimana, avvertendo anche di un'ulteriore escalation nella regione.

“Esorto tutte le parti a esercitare la massima moderazione per evitare qualsiasi azione che possa portare a grandi scontri militari su più fronti in Medio Oriente”, ha detto domenica il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres in una riunione del Consiglio di sicurezza.

READ  Elon Musk afferma che SpaceX continuerà a finanziare gratuitamente il servizio Starlink dell'Ucraina

Gilad Erdan, rappresentante di Israele presso le Nazioni Unite, ha affermato durante l'incontro che Israele “si riserva il diritto legale di rispondere” e che il mondo “non può accettare l'inazione”.

L’Iran ha affermato in una dichiarazione rilasciata dal suo ministero degli Esteri che gli attacchi sono stati effettuati “nell’esercizio del suo diritto intrinseco all’autodifesa”. La dichiarazione afferma che l’Iran “non esiterà ad adottare ulteriori misure difensive necessarie” per proteggere i suoi interessi legittimi contro qualsiasi atto di aggressione militare o uso illegale della forza.