Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I creatori di George Carlin, creatori dell'intelligenza artificiale, sono stati denunciati dalla Comedian's Estate

I creatori di George Carlin, creatori dell'intelligenza artificiale, sono stati denunciati dalla Comedian's Estate

Ce l'ha il patrimonio di George Carlin Ha intentato una causa Against Dudesy, la società di media dietro il recente acclamato speciale comico di un'ora generato dall'intelligenza artificiale “George Carlin: I'm Glad I'm Dead”, che ha virtualmente messo in mostra la voce del defunto comico e lo stile comico presumibilmente creato dal chatbot. addestrato dai materiali di Carlin.

Il querelante, che giovedì ha presentato istanza al tribunale federale della California, chiede un'ordinanza del tribunale per rimuovere immediatamente l'importo speciale, nonché un importo non specificato a titolo di risarcimento danni. La causa sostiene che la società ha violato il diritto d'autore utilizzando i materiali di Carlin per addestrare il chatbot senza ottenere il permesso o la licenza.

All'inizio dello speciale, che per ora rimane disponibile per la visione su YouTube, si sente un'approssimazione della voce di Carlin, in cui si nota che “ascolta tutto il materiale di George Carlin e fa del mio meglio per imitare la sua voce, il tempo e l'atteggiamento mentre lui fa” e anche l'argomento che penso avrebbe suscitato il Suo interesse oggi.” In tal modo, il chatbot ha creato copie non autorizzate delle opere protette da copyright di Carlin, sostiene la causa. Il querelante sostiene inoltre che il contenuto danneggia la reputazione del defunto comico e si oppone alla riformulazione della voce di Carlin utilizzata per promuovere il video, definendo lo speciale “un furto accidentale del lavoro di un grande artista americano”.

I conduttori del podcast Dudesy Will Sasso e Chad Kultgen sono nominati imputati, insieme a venti John Does, cinque creatori di contenuti associati al programma AI e 15 persone associate alla “creazione, produzione e sponsorizzazione” dello speciale.

READ  11 cose di cui ogni donna matura dovrebbe smettere di preoccuparsi (perché sono estenuanti)

“Mio padre era un comico leggendario e un talento irripetibile, e la sua eredità è il corpo di lavoro che ha lasciato dietro di sé: i suoi spettacoli, album e libri. Capisco e condivido il desiderio di avere più George Carlin. Anch'io voglio più tempo con mio padre. La figlia del comico ha scritto: “Ma è ridicolo annunciare che è stato portato in vita grazie all'intelligenza artificiale”, ha detto Kelly Carlin in una dichiarazione che annunciava l'azione legale. “Il George Carlin in questo “Il video non rappresenta il bellissimo essere umano che ha definito la sua generazione e lo ha cresciuto con amore. È una replica mal eseguita. ” Compilato da individui senza scrupoli per trarre vantaggio dalla straordinaria benevolenza che mio padre ha creato con la sua adorante base di fan.

Il caso rappresenta uno dei primi casi importanti di artisti o dei loro beni che cercano un’azione legale contro i creatori di intrattenimento generato dall’intelligenza artificiale – una preoccupazione crescente in tutto il settore dell’intrattenimento.

“L'intelligenza artificiale potrebbe essere la tecnologia più importante inventata da generazioni e pertanto richiede molto controllo e moderazione per garantire che non venga abusata”, ha affermato in una nota l'avvocato Josh Schiller di Boies Schiller Flexner LLP. “Rischiamo che diventi uno strumento che consente ad attori in malafede di sostituire l'espressione creativa, sfruttare il lavoro esistente dei creatori e arricchirsi a spese degli altri. Questo problema non riguarda solo l'intelligenza artificiale, ma riguarda gli esseri umani che usano l'intelligenza artificiale per rompere il sistema legge, violare i diritti di proprietà intellettuale e violazione della morale pubblica.