Aprile 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I Celtics mostrano l’eliminazione del volto “equilibrio”, serie estesa contro Heat

I Celtics mostrano l’eliminazione del volto “equilibrio”, serie estesa contro Heat

Tim BontempsESPN24 maggio 2023, 00:45 ET5 minuti per leggere

Jason Tatum perde 34 mentre i Celtics ghiacciano gli Heat per vincere Gara 4

I Celtics hanno ottenuto la prima vittoria della serie grazie ai 34 punti, 11 rimbalzi e sette assist di Jason Tatum.

MIAMI – Non appena il martedì mattina prima delle finali del quarto round della Eastern Conference, Marcus Smart aveva un messaggio per i Miami Heat:

“Non farci avere uno”, ha detto Smart. “Basta che non ce ne prendiamo uno.”

È stata un’affermazione notevole, dato che i Celtics sono entrati in Gara 4 perdendo 3-0 in questa serie al meglio delle sette: un deficit affrontato da 150 squadre nella storia della NBA e nessuna di esse. recuperato con successo da.

Ma, poche ore dopo, sia Smart che Celtics hanno portato a termine la loro parte dell’accordo, rivendicando una vittoria per 116-99 su Miami, rimandando quella serie a Boston per Gara 5 giovedì con i Celtics ora altre tre vittorie fuori dalla storia. .

“Ora dobbiamo solo ottenere un’altra vittoria”, ha detto Smart, dopo aver chiuso con 11 punti e sei assist in 35 minuti. “Questo è tutto ciò che conta. Prendiamo una partita alla volta. Comprendiamo che le probabilità sono contro di noi, ma siamo una squadra che crede in noi, qualunque cosa accada, e dobbiamo solo andare avanti, e tutto ciò che conta è la prossima partita”.

Boston si è trovata in una buca 3-0 entrando in Gara 4 poiché ripetutamente non è riuscita a sopravvivere a situazioni avverse. I Celtics sono crollati lungo il tratto in Gara 1 e 2, poi sono stati spazzati via dal centro Kaseya in Gara 3.

Ma il quarto gioco era una storia completamente diversa. Boston era sotto di nove alla fine del primo quarto dopo la tripla di Caleb Martin, mentre i Celtics erano sotto di nove 90 secondi dopo la tripla di Max Strus nel secondo tempo. E poi, dopo che i Celtics hanno sbagliato i primi quattro tiri e commesso tre falli con i primi 2:19 del quarto quarto, l’allenatore Joe Mazzola ha chiamato un rapido timeout con Boston in vantaggio per 88-83 e la partita in bilico sul filo del rasoio.

Ma in ciascuna di queste situazioni, i Celtics hanno risposto. Dopo la tripla di Martin, sono andati avanti con un parziale di 17-5, portandosi in vantaggio all’inizio del secondo quarto. Boston è andato su un parziale di 18-0 in quattro minuti dall’inizio del terzo dopo una tripla di Strus.E dopo quel timeout di Mazzulla all’inizio del quarto, Boston ha ottenuto un canestro di Jayson Tatum nell’azione successiva, il primo field goal di Tatum del quarto. Quarto della serie: iniziare un parziale di 12-0 che ha messo da parte la partita per sempre.

“Penso che l’equilibrio, la fiducia reciproca, la connessione a cui penso durante il gioco, non importa come va il gioco, quelle cose non sono mai diminuite”, ha detto Mazzola. “Ascolta, quando la posta in gioco è così alta e stai cercando di ottenere ciò che stiamo cercando di ottenere, è facile perdere quelle cose perché i ragazzi stanno giocando più duramente che possono.

“Ho solo pensato che, indipendentemente dal risultato, i ragazzi sono rimasti uniti”.

Parte del motivo per cui Boston è stata in grado di restare unita, secondo Gaylene Brown, è stato dalle conversazioni che la squadra ha avuto in gruppo durante lunedì sulla scia di una demoralizzante sconfitta in gara 3 che ha mandato i Celtics sull’orlo dell’eliminazione. .

“Basta riunirsi e parlarne”, ha detto Brown. “E come molte volte quando arrivi a questo punto 3-0 vedi gli spogliatoi e le squadre iniziano a muoversi dall’altra parte. Vogliamo assicurarci di stare insieme. Volevamo assicurarci di guardarci negli occhi e oggi siamo usciti e abbiamo fatto del nostro meglio, e sono orgoglioso del nostro gruppo per averlo fatto perché vedi squadre con le spalle al muro e vedi che cadono a pezzi.

“Non l’hai visto stasera. Ci siamo visti riunirci e giocare in difesa e fare le giocate giuste, e mi sembra che questo dimostri molto del nostro carattere, specialmente in un gioco in cui tutto è in gioco e tutto va storto in le ultime due partite”.

Inoltre non ha fatto male che i Celtics, in particolare Tatum, abbiano messo a segno alcuni colpi. Boston è entrata in questa partita tirando 31 su 106 (29,2%) da 3 punti nelle prime tre partite, rispetto al 44 su 92 (47,8%) di Miami.

“Penso ancora che possiamo tirare la palla molto meglio”, ha detto Brown, che aveva 16 punti nonostante ancora una volta faticato con la profondità. “Penso di aver fatto dei buoni tiri che non ho messo a segno, ma domani la prossima partita sarà nuova. Sento che stiamo continuando a costruire fiducia, se continuiamo a vedere la palla entrare, penso ci sentiremo bene con noi stessi.”

Nel frattempo, Tatum è andato 11 su 15 dal campo nel secondo tempo, segnando 25 punti e commettendo solo un turnover dopo aver ottenuto otto punti e quattro palle perse nel primo tempo.

Tatum aveva 14 dei 38 punti di Boston nel terzo, aiutando i Celtics a superare gli Heat 38-23 nel frame per ribaltare uno svantaggio di sei punti nel primo tempo a nove. È poi tornato in partita dopo quel timeout del quarto quarto e ha iniziato la corsa decisiva a Boston con un gomito in salto.

“Stavano giocando in zona e, francamente, abbiamo faticato contro la zona nelle prime due partite”, ha detto Tatum della difesa di Miami all’inizio del quarto quarto, quando gli Heat hanno tenuto i Celtics a zero per più di due minuti. nel gioco. Panca. “Quindi, ci ha fatto crollare. Quindi, quando sono tornato, ha appena disegnato un gioco per ottenere un po’ di azione, trovare uno spazio aperto e poi fare un gioco giusto.”

Ora, con quella serie di ritorno a Boston, i Celtics hanno fatto almeno il primo passo verso la storia.

Il giorno successivo richiederà altri 48 minuti come giovedì a Boston.

“Vogliamo tornare a Miami”, ha detto Brown.

READ  Roman Abramovich, proprietario del Chelsea FC, ha beni congelati dalla Gran Bretagna