Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I canadesi che redigevano David Reinbacher potrebbero essere stati necessari, ma questa è una semplificazione eccessiva

I canadesi che redigevano David Reinbacher potrebbero essere stati necessari, ma questa è una semplificazione eccessiva

Nashville, Tennessee. Parlando dopo essersi assicurato la scelta n. 5 nella lotteria NHL a maggio, il direttore generale del Canada Kent Hughes ha affermato che c’è una differenza tra la redazione e la costruzione di una squadra. Ci sono qualità che i canadesi cercano nei giocatori che draftano, e quindi quelle qualità dovrebbero avere la priorità su come un giocatore si inserisce nella tabella di profondità organizzativa.

Mercoledì sera, dopo che il difensore austriaco David Reinbacher ha effettuato un contrasto con la mano destra con la scelta n. lato destro.

È difficile conciliare queste due affermazioni apparentemente contrastanti fatte dallo stesso uomo a distanza di sei settimane. Se c’è una differenza tra drafting e team building, la profondità organizzativa dei Canadiens sul lato destro della loro difesa dovrebbe essere irrilevante nella notte del draft. Di fronte a questa discrepanza tra ciò che aveva detto dopo la lotteria e ciò che aveva detto pochi minuti prima, Hughes ha risposto.

Nella nostra lista, c’era lui. Valutiamo i giocatori per il loro potenziale. “Essendo un tiratore destro di D, il tie-break andrebbe al D destro piuttosto che al D sinistro. Ma se sentissimo che c’è una scelta migliore, lo faremmo”.

Nello scoutismo non dovrebbero esserci legami. Gli scout trascorrono l’intera stagione guardando questi ragazzi, parlando con compagni di squadra, allenatori e genitori, cercando di raccogliere ogni grammo di informazioni su cui riescono a mettere le mani. Hughes ha detto di aver visto Reinbacher in video per tutta la stagione e di aver amato i suoi progressi mentre la stagione continuava a giocare in uno dei migliori campionati maschili d’Europa. Gli scout hanno visitato Kloten in Svizzera per tutta la stagione, non solo il loro capo scout europeo, Christer Rockström, e non solo i loro co-manager scout Nick Bobrov e Martin Lapointe, ma anche alcuni scout americani, solo per assicurarsi di ciò che vedevano tutti.

Uno di quegli scout ha chiesto al GM di Kloten Larry Mitchell al suo arrivo a febbraio cosa avrebbe impedito a Reinbacher di giocare nella NHL. La risposta di Mitchell è stata che nulla gli avrebbe impedito di giocare nella NHL.

Mitchell ha detto: “Poi questo particolare scout ha guardato due corse e ha guardato due partite e abbiamo preso il caffè il giorno dopo, e ha detto che ero d’accordo al 100 percento con quello che mi hai detto qualche giorno fa”.

Questo livello di esplorazione personale approfondita è ciò che mancava ai Canadiens in Matvey Michkov, che poi è andato due volte ai Philadelphia Flyers al numero 7. Hughes ha detto che era una grande bandiera rossa per loro. Il suo contratto non era con SKA St. Petersburg, né lo era la scena geopolitica. Il fatto è che non l’hanno visto suonare oltre al video, e il video non racconta l’intera storia.

E i canadesi non erano soli.

“Avevamo qualche preoccupazione – ha detto il direttore generale dei San Jose Sharks Mike Greer, che ha superato Michkov per il quarto posto -. È un talento speciale sul ghiaccio, non c’è dubbio. È molto abile, può fare cose che non molti altri ragazzi possono fare.” Ma ci sono alcune cose di cui non siamo abbastanza soddisfatti che possiamo prendere qualcuno con la quarta scelta.”

Anche gli Arizona Coyote hanno superato Mitchkov per il sesto posto, per non parlare degli Anaheim Ducks e dei Columbus Blue Jackets davanti agli Sharks.

READ  Riepilogo weekend MLB: i problemi dei Dodgers stanno peggiorando contro i Giants; Gli Yankees spazzano via i Cubs per tenere il passo con un ritmo incredibile

Il direttore del programma New Flyers Daniel Breyer non ha avuto successo.

“Abbiamo fatto un grande salto, ma speriamo che si trasformi in un fuoricampo”, ha detto. “Il tempo dirà che è ancora un po’ presto, ma sentiamo che quando sarà pronto a entrare, potrà davvero fare la differenza. E questo è il rischio che eravamo disposti a correre, aspettando un po’ finché non avremo una differenza- creatore nelle nostre mani.”

Proprio come i due commenti di Hughes sembravano contrastanti sei settimane dopo, questi due commenti di due GM della NHL dicevano che erano a pochi minuti di distanza.


Il drafting secondo necessità rispetto al draftare il miglior giocatore disponibile è sempre stato presentato come diametralmente opposto. O fai l’uno o l’altro. Ma questo non è necessariamente vero.

Avere un difensore con il miglior doppio destro è necessario in tutto il campionato perché è raro. Le squadre spesso pagano più del dovuto in uno scambio o in free agency per ottenerne uno a causa di questa rarità. Le squadre spesso assegnano un premio di drafting molto più alto rispetto alla maggior parte dei roster generali a causa della stessa rarità. I New Jersey Devils hanno fatto proprio questo l’anno scorso quando hanno arruolato Simon Nemec con la seconda scelta assoluta, i Detroit Red Wings lo hanno fatto nel 2019 quando hanno portato Moritz Seider al sesto posto assoluto.

C’è un concetto di valore posizionale che viene inserito nella formula MAV.

E quando Hughes ha detto che il drafting e il team building non sono la stessa cosa, penso anche che non sia vero. I team cercano sempre di colmare le lacune organizzative, anche in cima al draft. Ancora una volta, i Devils l’anno scorso hanno acquisito Nemec e superato Shane Wright e Logan Cooley soprattutto perché erano al centro con Jack Hughes e Nico Hischier. Succede spesso.

Disegnare secondo necessità è sempre stato un tabù nella NHL perché i giocatori nel draft erano troppo lontani per contribuire alla tua squadra e non c’era modo di sapere com’era la tua squadra una volta arrivati ​​quei giocatori. Ma questo è anche molto meno vero di prima. I giocatori passano dall’essere idonei per essere arruolati nella NHL, specialmente nella parte superiore del draft, molto rapidamente. A Reinbacher manca meno di un anno per giocare a Montreal. Alcuni credono che potrebbe giocare subito in NHL, e lo stesso Reinbacher è aperto a qualsiasi scenario, incluso giocare in AHL come ha fatto Nemec in questa stagione.

Ma direi che creare ciecamente il miglior giocatore disponibile ignorando le tue esigenze e ignorando se hai già quel profilo giocatore è sciocco. Mechkov, secondo me, segnerà molti gol nella National Hockey League. Mi sento così anche per Cole Cofield. Mechkov, secondo me, farà impazzire gli allenatori quando gioca senza disco. Mi sento così anche, in un certo senso, riguardo a Caufield. Puoi vedere il valore dei gol che Caufield crea dal nulla e accettare di convivere con i suoi difetti in altre aree del suo gioco. Ma puoi vivere con due di questi ragazzi? puoi Vince Con due di questi giocatori? Non credo che tu possa.

Ma puoi vincere con uno come Reinbacher? Non lo so. Ma quello che so è che per vincere hai bisogno di qualcuno come quello che i canadesi pensano che diventerà Rheinbacher.

READ  Trevor Zegras di Anaheim Ducks, star canadese dell'hockey Sarah Grace Nurse NHL 23 Cover

Nel 2022-23, Reinbacher ha giocato per il 17enne Kloten nella seconda divisione della Svizzera. Non aveva alcuna possibilità di essere arruolato, figuriamoci scelto come quinto giocatore in quella divisione. Ma Cloten ha vinto la divisione e ha guadagnato la promozione nella massima serie della Svizzera in un anno in cui quel campionato è stato buono come sempre. Hanno aumentato il numero di importazioni per squadra da quattro a sei, hanno avuto un afflusso di importazioni in fuga dal KHL e Reinbacher è ancora fiorente.

Ma forse ancora più importante, secondo il suo allenatore, il 17enne Reinbacher è stato uno dei motivi principali per cui il Kloten era stato nella massima serie fin dall’inizio.

“Stava giocando nella League Two e ha fatto passi da gigante tutto l’anno quel primo anno con noi in quella League Two, ed è stato un grande motivo per cui abbiamo finito”, ha detto Geoff Tomlinson. Questo non è facile da fare in Svizzera. Era il tizio in cui si era appena imbattuto. Senza di esso, avremmo avuto difficoltà ad alzarci. Voglio dire, è stato un creatore di differenza più grande per noi in difesa e per quanto riguarda il disco. Sapevamo di essere in questa stagione, lo staff, sapevamo tutti che sarebbe stato tra i primi quattro in questa stagione. Pensavamo che sarebbe stato tra i nostri primi quattro proprio per il modo in cui ha risposto a ogni sfida. E sai che è un ragazzone. Beh, perché no, giusto? Perché non gliela dai? “

Rispondere a ogni sfida era importante per Tomlinson. All’inizio della stagione, non credendo che Reinbacher avrebbe avuto la possibilità di giocare nel power play, le circostanze gli imponevano di giocare una partita sulla seconda unità di gioco di Kloten. Non se n’è mai andato.

“Sembrava sorprenderci in ogni ruolo offensivo che gli assegnavamo”, ha detto Tomlinson. “Non abbiamo iniziato il gioco di potere con lui all’inizio della stagione. Non era quello il piano. Era solo per abituarlo a giocare in campionato e lavorare con lui. Poi ha avuto l’opportunità e ha colto in un gioco Sai, alcuni ragazzi vogliono 10 o 20 giochi e ancora Dicono, capo, non ho avuto una possibilità.

“Ma David è sempre stato all’altezza delle aspettative che avevamo per lui, e le ha superate. Non mi aspettavo che continuasse a giocare tutto l’anno, ma lo ha fatto”.

Questa capacità di superare le aspettative deriva dalla natura di Rheinbacher.

“Penso che sia solo un ragazzo tranquillo e si comporta come un uomo d’affari”, ha detto Tomlinson. “Certo, siamo tutti frustrati, e anche lui. Ma non è al livello in cui lei lo sta trattenendo. Lui va avanti. Tende davvero a lavorare sulle cose che deve fare dopo un allenamento perché non ne è contento. Quindi forse lo sta portando a un livello diverso”.

“Ma è davvero calmo nella sua mente ed è più di questo, come posso dire, non è surriscaldato nella sua testa. E penso che sia un grande vantaggio per lui. È in grado di rallentare il gioco laggiù ed è in grado di elaborare le cose in modo più chiaro, credo. Era una cosa importante per lui.

La gestione del gioco è ciò che Management Canada apprezza di più.

Thibaud Chatel, esperto di dati di hockey e nativo di Montreal, lavora a lungo con i team in Svizzera per tenere traccia dei dati e fornire analisi dettagliate per i suoi clienti e abbonati. Il suo servizio, NL Ice Data, è stato rintracciato 22 partite con Reinbacher con KlotenE sono giunti alla seguente conclusione.

READ  L'European Tour può penalizzare i golfisti LIV, regola degli arbitri

Per scavare più a fondo, abbiamo anche un modello di prospettive, che esamina ogni giocatore dai 16 ai 22 anni e proietta la loro potenziale carriera (fino a) 30. A tale riguardo, Reinbacher è stato semplicemente il secondo miglior giocatore del draft dietro (Connor) Bedard, con una probabilità del 52% di essere un giocatore ‘d’élite’ (il 10% più alto) del campionato in media nel prossimo decennio”.


C’è una valida argomentazione da sostenere che se i canadesi non avessero avuto intenzione di arruolare Meshkov, avrebbero dovuto scambiare e aggiungere un certo valore. Hughes ha detto che cinque o sei squadre lo stavano chiamando per una selezione, ma non hanno visto alcun valore nel fare lo scambio rispetto al valore che hanno visto in Reinbacher.

Brière ha detto che stavano cercando un modo per assicurarsi di avere Michkov.

“Per un talento del suo calibro, non pensavamo che sarebbe stato disponibile nel settimo. Quindi abbiamo esaminato varie opportunità per provare a salire”. salito abbastanza drammaticamente. Quindi non siamo riusciti ad avvicinarci a nessuna delle altre scelte di fronte a noi. Quindi abbiamo aspettato e lei ci è caduta in grembo. Quindi per noi è stata una decisione facile”.

Il problema per i Canadien è che scendere al numero 7 significa che non saranno in grado di reclutare Reinbacher, perché era praticamente garantito che sarebbe andato dai Coyote al numero 6 se fosse stato disponibile. Volevano così tanto questo ragazzo.

I canadesi potrebbero sbagliarsi. Forse la formulazione di Reinbacher è stata un errore. Ma Hughes lo ha definito un “diamante grezzo”, qualcuno che consideravano avere molti vantaggi oltre che valore di posizionamento, qualcuno che avrebbe giocato molti minuti per i Canadiens per molto tempo.

I canadesi apprezzano i giocatori che si esibiranno in un ambiente di playoff e lo vedono in Reinbacher.

Stanno, in sostanza, scommettendo su se stessi e sulla loro capacità di valutare i potenziali clienti, e lo stanno facendo per il secondo anno consecutivo di fronte alla massiccia pressione pubblica per reclutare qualcun altro.

E quando a Reinbacher è stato chiesto se conosceva qualcuno dei giovani difensori del sistema dei Canadien, i suoi occhi si sono subito illuminati e ha sorriso.

“Sì, assolutamente. Ha fatto una grande partita contro di noi ai Campionati del mondo”, ha detto Len Hutson Reinbacher. Non vedo l’ora di vederlo”.

Il profilo di Reinbacher lo renderebbe un partner ideale per Hutson a un certo punto, qualcosa di Logan Milo o Justin Barron I due migliori giovani difensori di destra in cantiere non sarà.

“Sarebbe fantastico giocare con lui”, ha detto Reinbacher. “Penso che sia mancino, quindi è un marito perfetto.”

Drafting e team building sono diversi? Non ne sono sicuro. Hughes ha negato che questa selezione fosse basata più sul team building che sulla stesura, e non ne sono sicuro.

Ma non sono nemmeno sicuro che il team building non dovrebbe essere un fattore nemmeno nella redazione.

(Foto: Dave Sandford/NHLI via Getty Images)