Gennaio 29, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Guerra in Ucraina: timori per l'attacco in Bielorussia, il destino "tremendo" dell'Ucraina e il micidiale incidente di un camion militare in Russia

Guerra in Ucraina: timori per l’attacco in Bielorussia, il destino “tremendo” dell’Ucraina e il micidiale incidente di un camion militare in Russia

1. La Bielorussia sposta attrezzature militari vicino all’Ucraina, suscitando timori

La Bielorussia ha annunciato l’intenzione di trasferire attrezzature e truppe militari mercoledì e giovedì in quelle che ha definito “esercitazioni antiterrorismo”.

“Durante questo periodo, è previsto il trasferimento di attrezzature militari e personale delle forze di sicurezza nazionale”, ha riferito l’agenzia di stampa Belta, afferma il Consiglio di sicurezza del Paese.

“Il movimento dei cittadini sarà limitato lungo alcune strade e aree pubbliche e saranno previste imitazioni di armi a scopo di addestramento”.

La mossa ha sollevato il timore che la Russia potesse lanciare un nuovo attacco all’Ucraina dal territorio del suo alleato bielorusso.

La Bielorussia ha dichiarato che non entrerà in guerra nella vicina Ucraina, ma il presidente Alexander Lukashenko ha consentito alle forze russe di schierarsi al confine meridionale del paese come punto di partenza per la sua invasione a febbraio.

A ottobre, Lukashenko ha annunciato un nuovo dispiegamento russo di 9.000 soldati nel paese come parte di un nuovo raggruppamento militare congiunto tra i due paesi.

L’Ucraina ha avvertito per mesi dei suoi timori che la Bielorussia e la Russia potessero pianificare una nuova incursione.

“Le unità nemiche vengono addestrate nei campi di addestramento della Repubblica di Bielorussia”, ha scritto mercoledì lo stato maggiore ucraino su Facebook.

La scorsa settimana, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu Ha tenuto colloqui con la sua controparte bielorussaVictor Khrenin, per discutere della cooperazione militare.

2. La Polonia accetta il sistema di difesa patriota tedesco dopo il viaggio di andata e ritorno

In una svolta, il ministro della Difesa polacco ha confermato che il paese avrebbe schierato il sistema di difesa aerea Patriot tedesco sul suo territorio.

Berlino ha offerto armi a Varsavia il mese scorso dopo un missile vagante – ritenuto ucraino – Si è schiantato e ha ucciso due persone nella Polonia orientale.

Quindi il governo polacco ha chiesto alla Germania di inviare invece le unità in Ucraina.

La Germania ha rifiutato, affermando che il sistema Patriot fa parte della difesa aerea integrata della NATO e può essere schierato solo sul territorio della NATO.

“Dopo aver parlato con il ministero della Difesa tedesco, sono rimasto deluso nell’accettare la decisione di rifiutare di sostenere l’Ucraina”, ha scritto Mariusz Blaszczak su Twitter martedì.

“Questo è il motivo per cui stiamo continuando a lavorare sugli accordi per posizionare i bombardieri in Polonia e collegarli al nostro sistema di comando”, ha aggiunto.

“Il posizionamento di missili Patriot nell’Ucraina occidentale aumenterà la sicurezza di polacchi e ucraini”.

READ  Diversi cittadini stranieri sono stati accusati di presunti complotti per inviare tecnologia militare in Russia

La mossa iniziale della Polonia di rifiutare l’offerta della Germania ha minacciato di creare tensioni tra i vicini alleati della NATO.

Il partito conservatore al potere in Polonia ha subito pesanti critiche da parte di politici e commentatori per aver potenzialmente messo a rischio la sicurezza del Paese durante la guerra in Ucraina e aver cercato di fomentare sentimenti anti-tedeschi in vista delle elezioni del prossimo anno.

Paul Kowal, un deputato dell’opposizione, ha detto che il botta e risposta del governo non sembra serio.

Come si può trattare seriamente la Polonia con un simile governo? ha scritto su Twitter dopo l’annuncio di Blaszczak. “Ma la pressione ha senso. Così fanno i sondaggi sui patrioti tedeschi. La Polonia sarà più al sicuro con loro”.

Martedì, gli Stati Uniti hanno anche approvato la vendita di carri armati avanzati Abrams, altri veicoli da combattimento e varie armi alla Polonia per un valore di circa 4 miliardi di dollari (3,8 miliardi di euro).

Il Dipartimento di Stato americano ha affermato che l’equipaggiamento “migliorerà la capacità della Polonia di affrontare le minacce attuali e future fornendo una forza affidabile in grado di scoraggiare gli avversari e partecipare alle operazioni della NATO”.

I paesi della NATO hanno già fornito all’Ucraina miliardi di euro di armi, compresi i moderni sistemi di difesa aerea, ma hanno evitato di inviare il sistema Patriot a lungo raggio.

3. Gli ucraini stanno soffrendo “terribili” tormenti, afferma un funzionario umanitario delle Nazioni Unite

Il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite ha denunciato le “tremende” sofferenze che l’Ucraina sta subendo a causa di una “guerra insensata”.

Martin Griffiths ha affermato che “la diffusione di morti, sfollamenti e sofferenze” in Ucraina a seguito dell’invasione è stata esacerbata dai recenti attacchi alle infrastrutture energetiche del paese.

Ha detto che più di 14 milioni di persone sono state sfollate con la forza dalle loro case, di cui 7,8 milioni che vivono in tutta Europa e 6,5 milioni che rimangono all’interno del paese.

Almeno 17.023 civili sono stati uccisi, tra cui 419 bambini, secondo l’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Griffiths ha aggiunto che milioni di persone sono ancora nel paese senza riscaldamento, elettricità e acqua a temperature quasi gelide questo inverno.

Quest’anno , L’appello umanitario delle Nazioni Unite per il 2023 raggiunge la cifra record di 51,5 miliardi di dollari (49,6 miliardi di euro)in aumento del 25% rispetto al 2022.

Gli Stati Uniti ei loro alleati occidentali hanno fatto eco alle sue parole in una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite martedì, ma la Russia si è opposta con forza.

READ  La Cina minaccia di rispondere alle misure Covid “inaccettabili” imposte ai viaggiatori

L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vasily Nebenzia, ha insistito sul fatto che il paese avrebbe continuato a lanciare “attacchi di precisione” e ha affermato che le infrastrutture civili non sarebbero state danneggiate se l’Ucraina non avesse posizionato sistemi di difesa aerea nelle aree residenziali.

Nebenzya ha detto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che “affermiamo il nostro desiderio di negoziato” e che “l’obiettivo sarà quello di eliminare le cause profonde che ci hanno spinto a iniziare la nostra operazione militare in Ucraina”.

L’ambasciatore ucraino alle Nazioni Unite Sergey Kislitsya ha risposto: “L’Ucraina ha bisogno di pace e l’Ucraina vuole la pace più di qualsiasi altro paese. Le nostre terre sono state invase”.

“Per favore, tienilo a mente ogni volta che Mosca … cerca di convincerci che non è l’aggressore, ma la vittima che sta resistendo agli sforzi di pace”.

Il vice ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Lisa Carty, ha dichiarato ai 15 membri del Consiglio di sicurezza che “il presidente [Vladimir] I crescenti attacchi di Putin alle infrastrutture dell’Ucraina sono la prova che non ha un reale interesse nei negoziati o in una diplomazia significativa”.

4 – Numerosi morti in un incidente stradale che ha coinvolto un camion militare russo

Almeno 16 persone sono morte dopo che un veicolo dell’esercito russo si è scontrato con un minibus nell’Ucraina orientale, hanno detto le autorità locali.

Denis Pushlin, nominato capo della regione di Donetsk dalla Russia, ha affermato che l’incidente è avvenuto vicino alle città di Torez e Shakhtyorsk.

“Questa tragedia è costata la vita a 16 persone, compresi alcuni dei nostri difensori”, ha scritto Pushlin su Telegram.

Non è chiaro se il numero dei soldati morti o dei civili a bordo del minibus. Nello scontro sono rimaste ferite altre quattro persone.

Donetsk è una delle quattro regioni dell’Ucraina sudorientale che Mosca ha annesso a settembre, una mossa criticata da Kiev e dai suoi alleati occidentali.

5. Gli Stati Uniti “scoraggiano” gli attacchi ucraini alle basi aeree russe

Martedì gli Stati Uniti hanno dichiarato di scoraggiare l’Ucraina dal lanciare attacchi in profondità all’interno della Russia, dopo che diversi attacchi di droni, che si ritiene siano stati lanciati dalle forze ucraine, hanno colpito le basi aeree russe.

“Non incoraggiamo né aiutiamo l’Ucraina a condurre attacchi in Russia”, ha detto ai giornalisti il ​​segretario di Stato americano Antony Blinken.

“Ma quello che devi capire è che gli ucraini vivono ogni giorno con la costante aggressione russa”, ha detto, accusando Mosca di “armare l’inverno” bombardando le infrastrutture civili in Ucraina.

READ  3 morti e un disperso a causa della pioggia nella più grande città della Nuova Zelanda

“Ciò che siamo determinati a fare è assicurarci che loro, insieme a molti altri partner nel mondo, dispongano delle attrezzature di cui hanno bisogno per difendere se stessi, le loro terre e la loro libertà”, ha aggiunto Blinken.

Almeno tre attacchi sono stati effettuati su basi russe lunedì e martedì: sulla base aerea di Engels, che ospita la flotta russa di giganteschi bombardieri strategici; a Ryazan, dove sono stati uccisi tre militari; E nella città meridionale di Kursk.

Gli esperti ritengono che l’Ucraina possa aver utilizzato droni dell’era sovietica invece dei droni moderni.

Il ministero della Difesa britannico ha affermato che gli attacchi alle basi russe – che distano più di 500 km dal confine – saranno probabilmente visti dalla Russia come “alcuni dei più significativi fallimenti strategici della protezione della forza dalla sua invasione dell’Ucraina”.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che le autorità russe “adotteranno le misure necessarie” per rafforzare la protezione delle strutture chiave.

Gli analisti politici pro-Mosca affermano che i recenti attacchi dell’Ucraina “hanno sollevato interrogativi sulla sicurezza delle basi aeree militari russe”.

Interrogato in precedenza sulle operazioni, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha rifiutato di attribuire i recenti attacchi di droni a Kiev, che non ha rivendicato la responsabilità.

“Forniamo all’Ucraina ciò di cui ha bisogno sul suo territorio sovrano – sul suolo ucraino – per affrontare l’aggressore russo”, ha detto Price.

Il Dipartimento di Stato ha anche rifiutato di commentare i resoconti dei media secondo cui gli Stati Uniti avrebbero modificato l’HIMARS – sistemi di artiglieria altamente potenti e avanzati destinati all’Ucraina – per impedire che venisse utilizzato per attaccare la Russia.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato pubblicamente di scoraggiare l’Ucraina dall’acquisizione di missili a lungo raggio, temendo un’escalation che potrebbe spingere gli Stati Uniti ad assumere un ruolo più diretto contro la Russia.

Il capo del Pentagono, Lloyd Austin, parlando insieme a Blinken dopo i colloqui con le loro controparti australiane, ha sottolineato che gli Stati Uniti non stanno impedendo all’Ucraina di sviluppare i propri missili a lungo raggio.

“La risposta è no. Certamente no”, ha detto. “Non stiamo facendo nulla per impedire all’Ucraina di sviluppare le proprie capacità”.