Gennaio 25, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Guardiani della Dinastia / SOFOOT / Special Issue Italia / SOFOOT.com

“L’obiettivo del campione è sapere esattamente come uscire da questi brutti momenti, dai piccoli sforzi quotidiani, e alzare la testa in segno di apprezzamento per tutti i miglioramenti di giorno in giorno. ” Davanti al pubblico vincitore, come annunciato Francia calcio Nel settembre 2003, Dino Sof rievoca il doloroso ricordo del torneo Mundial 1978, dove perse due gol olandesi con il suo allenatore. Squadra blu In finale (2-1). Sul grande palco del Festival Teatrale di Benevento, è accompagnato da un pianista, che impressiona un folto pubblico di dino. Evoca la diversità del destino che lo ha trasformato da un’umiliazione nazionale nel 1978 a un eterno eroe nel mondo spagnolo, con video e foto della sua carriera proiettati sullo sfondo. L’11 luglio 1982, il capitano Dino Jaff, 40 anni, vinse la Coppa del Mondo. Fratelli d’Italia Contro la RFT (3-1)… Quale Paese oltre all’Italia può celebrare un grande calciatore in un luogo culturale così prezioso? Devo dire Dino Jaff. Mito (Mito), più simbolico della posizione del portiere, rivela nel gioco-re la maestosità dell’anima italiana fatta di gloria e umiltà.

Un posto regale

Dall’altra parte delle Alpi, il Guardia è “Guarda la porta” . La porta di casa, la piccola porta della famiglia e della casa. Non c’è dubbio che non è del tutto casuale che Gigi Buffon cada in una trance patriottica ogni volta che canta ad alta voce. Fratelli d’Italia ! Questa sacra opera si è palesata nel marzo 2016 quando ha battuto il record di imbattibilità in Serie A (973 minuti) attraverso una splendida poesia dedicata al suo gol: “Venticinque anni fa ho fatto un voto: ho giurato di proteggerti. Di prendermi cura di te. Uno scudo contro tutti i tuoi nemici. Ho sempre pensato al tuo benessere, dando la priorità al mio.” Comprendiamo perché il suo volume rivoluzionario e ad alto volume lascia ampi spazi alle spalle dei difensori Rosoneria, Arrigo Sacchi ha intimidito il calcio italiano a metà degli anni ’80: come poteva la sua squadra andare all’avventura, lasciando dietro di sé una casa data ai mali avversari e una casa protetta solo da essa? Guardia ?

Indubbiamente campione del mondo a 40 anni, Dino Sof ha interpretato il buon padre di famiglia, l’uomo intelligente e maturo, l’uomo che protegge e rassicura. Una delle caratteristiche chiave dello stile italiano era lo sviluppo della sobrietà e delle prestazioni. “Ho sempre pensato che chi fa miracoli e commette qualche errore non è il miglior portiere., Dino accettò Francia calcio. Regolarità e costanza rappresentano le qualità più importanti. ” Dall’altra parte delle Alpi, i sei gol di Paulo Rossi del 1982 vedono Brasile-Italia (3-2) giocare al termine del Donetsk, sfoggiando il Super Dino. Deve essere un olimpionico. Il Scegliere Spingendolo sul 3-3, un pareggio nelle qualificazioni, Oscar manda la palla in linea con un potente colpo di testa. “Tutti i brasiliani hanno gridato verso la porta: appoggiandola a terra ho tolto l’ultimo sospetto., Ha descritto. Forse è stato allora che abbiamo vinto la Coppa del Mondo. ”

READ  Covit - Italia: Gli è stato iniettato il vaccino sbagliato ed è stata arrestata un'infermiera

In un paese noto per la sua eccellente tradizione di portieri – a lungo rivali della migliore scuola russa – contro la marcia Zoff Brasiliros Fa parte di una serie di altre azioni di “Guardiani” Indimenticabile Squadra blu. Prima di lui, Aldo Olivieri ha difeso la sua patria contro la Norvegia durante i Mondiali del 1938 con uno strepitoso rilassamento, vincendo in Francia. Enrico Albertoi respinse un colpo di testa inarrestabile di Uwe Seeler nella partita del secolo 1970, Italia-FRG (4-3 AP) in Messico. Ad Amsterdam 10 italiani contro 11 italiani arancione, Francesco Toldo ha distrutto tutti i contropiedi nelle semifinali di Euro 2000 con un rigore e due tiri in porta (0-0, 3 TAB a 1). A Berlino, il colpo decisivo di Gideon Buffon sul colpo di testa di Zidane nella finale dei Mondiali del 2006, che ha distrutto la fiducia francese e potrebbe aver contribuito alla ferocia di Zinedine Zidane. La scorsa estate, il 22enne Gianluigi Donorumma ha catturato il magistrato mondiale che ha gareggiato con Gigi Buffon delle scuole tedesche (Neuer, der Stegen) e brasiliane (Ederson, Allison). A Wembley il vero eroe è il milanese, diventato parigino Nazionale, O anche nel torneo, facendo vincere la sua famiglia, i suoi tanti risparmi, soprattutto durante i rigori contro la Spagna (1-1, 4 TAB a 2), e poi nella finale contro l’Inghilterra (1-1, 3 TAB a 2).

N. 1 dentro e fuori dai tribunali

Nel calcio italiano, soprattutto dentro Nazionale, Arti Marziali associa sempre i migliori difensori e i migliori portieri. Dopo tutto, il Guardia Inseparabile da Catanacio : La serratura senza la porta è inimmaginabile… I migliori portieri vengono spesso consegnati al guanto del capitano. Una tradizione è stata osservata fin dalla prima incoronazione mondiale nel 1934 con il famoso Porter Juventus Permanente di Gianpioro Gompi e Lorenzo Buffon nel 1962 (prozio di Gianluigi). Ma poi di nuovo Dino Sof ha appena santificato il doppio record Guardia e Capitano A partire dal Nazionale (59 volte), solo nel 1982 Azzurro Ha vinto gli Europei (1968, capitano poi Fachetty) e il Mondiale 1982. Super Dino ha difeso la sua porta inviolata di 1142 minuti tra il 1972 e il 1974 e detiene ancora oggi il record mondiale di imbattibilità. La prima pagina Newsweek E secondo al Pallone d’Oro 1973 dopo Cruyff. Attraverso le sue 176 selezioni, tra cui 80 volte Armband (Record Nazionale), Gigi Buffon ha stabilito due tradizioni. Squadra. Il portiere, quindi, ha assaggiato una o due volte anche Bacliuca, Perussi, Sirigu e Donorumma, e la sua appartenenza alla Juventus. meno Juventini Buffon, Combi e Zoff hanno confermato nel tempo, e in una posizione importante, tutto questo Nazionale Deve la sua storia al Matrix Club in termini di successo internazionale…

READ  Milan e Inter si neutralizzano, il Napoli resiste

Non sorprende che l’Italia, forte del prestigio dei suoi portieri, sia quasi l’unica grande nazione calcistica (eccetto Leone). Scegliere O Raymond Godels con il Belgio) ha consegnato le chiavi della sua selezione all’ex portiere. L’ungherese Lajos Siesler ha allenato gli italiani ai Mondiali del 1954. Dino Sof è stato nominato allenatore nel luglio 1998. La sua fama di etica e talento ereditato dalla Lazio prima allenatore e poi dirigente è stata unanime. Concorso internazionale. La sua posizione di ex “portiere” serve anche come garanzia di stabilità in Italia, un po’ più di caos politico e calcistico. Il suo notevole incarico, che in genere durava fino al 2002, si è concluso con una sconfitta a Euro 2000 contro la Francia con un golden goal. Dopo aver perso la partita per un pelo, i brutti attacchi di Silvio Berlusconi (“Non si può permettere a Zidane di operare liberamente come vuole. Questo non è degno di un allenatore professionista!”) Ha causato le dimissioni immediate del grande dinosauro! Paradossalmente, questo stigma La sua trasmissione Allo stesso tempo, ha rafforzato lo statuto della moralità assoluta di Dino Zoff, molto apprezzato dal popolo italiano, ricordando che le stesse persone spesso tendono a trasformare i loro amati protettori in vittime perfette. Non abbiamo mai perdonato Galli per il gol di Maradona a Mundiel nel 1986 e Jenga per il gol di Kanijia nel 1990 quando non è partito in casa.

Eccellente, all’avanguardia e durevole

Grazie a due dei suoi migliori portieri, Pardes e Lama, la vittoria dei Blues of Lemerre a Rotterdam dopo la vittoria della Francia nel 1998 ha gravemente minato la straordinaria leadership dei portieri italiani negli anni ’90. Walter Jenga World Cup 517 minuti, 1990), Sebastiano Rossi (altezza) Rosso nero, Ma mai chiamato la squadra italiana!), Gianluca Pacliuca, Luca Marquez, Angelo Perussi, Francesco Toldo … al loro apice, erano tutti considerati uno dei più grandi al mondo. Uno di questi è Gianluigi Buffon, che riporterà la partenza al top, e alla fine dei Mondiali 2006 ingrandirà la scuola italiana dei migliori portieri, se non del più grande pianeta. Tutto il tempo! Dagli anni ’90, l’apparente novità dello stile italiano è stata descritta per la prima volta a livello fisico, con quasi tutti questi grandi compagni che superano i novanta metri (tranne Perussy, 1,81 m). Continua il trend nella selezione con Abiati (1,91 m), Siriku (1,92 m) o Donarumma (1,97 m).

READ  Qualificazioni Mondiali 2022 - Italia Limitazione Svizzera (0-0)

Un’altra caratteristica forte dei portieri trascendentali è il loro rapido adattamento al gioco del calcio, essendo stato vietato di prendere la palla nel passaggio posteriore dal 1992. Pacliuca si è distinta in questa zona. Come il suo follower Gigi Buffon: “I cambiamenti del destino non mi hanno sorpreso, me li aspettavo e basta, ha tagliato Francia calcio. Ad esempio, giocare troppo con il portiere e la sua partecipazione non mi ha creato problemi perché già in Cadetti o Primavera avevo un approccio innovativo al ruolo. Posso funzionare come indipendente e posso amplificare gli interventi al piede. ” Personaggio glorioso di grandi difensori Squadra Infine, se si sono qualificati (Zoff, Buffon e Peruzzi, portiere sostituto ai Mondiali 2006 all’età di 36 anni) o verranno con Donorumma, è dovuto alla loro durata straordinariamente lunga ai massimi livelli. “Con Buffon sempre più vecchio, siamo preoccupati per il futuro, Respira il giornalista italiano Simone Rovera. Poi è arrivato Gianluigi Donarumma. Improvvisamente, con noi, nell’esame molti sentono che siamo stati tranquilli in questa posizione per 20 anni. ” Gijio ha un futuro per pareggiare il Dino Soap vincendo l’Euro (è finito) e il Mondiale. è giocabile…

dello sceriffo Chamorro