Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli Stati Uniti rilasciano riserve di petrolio mentre Biden si occupa di prezzi alla pompa più elevati

Gli Stati Uniti rilasciano riserve di petrolio mentre Biden si occupa di prezzi alla pompa più elevati

WASHINGTON (Reuters) – Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato mercoledì un piano per vendere 15 milioni di barili di greggio dalle forniture di emergenza della nazione e iniziare a rifornire le riserve mentre cerca di abbassare i prezzi elevati della benzina in vista delle elezioni di medio termine del 1° novembre. 8.

La mossa è arrivata due settimane dopo che l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) a guida saudita ha spinto Biden a schierarsi con la Russia e ad accettare di tagliare la produzione, sollevando i timori di un nuovo aumento dei prezzi alla pompa negli Stati Uniti.

“Con il mio annuncio di oggi, continueremo a stabilizzare i mercati e ad abbassare i prezzi in un momento in cui le azioni di altri paesi hanno causato tale volatilità”, ha affermato Biden in un evento alla Casa Bianca.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Biden ha accusato l’invasione dell’Ucraina da parte del presidente russo Vladimir Putin per l’impennata dei prezzi del greggio e della benzina, mentre osserva che i prezzi sono del 30% in meno rispetto al picco di inizio anno.

Ha anche ripetuto un appello alle società energetiche statunitensi, ai rivenditori di benzina e alle raffinerie, dicendo loro di smettere di utilizzare i guadagni record per riacquistare azioni e di investire invece nella produzione.

Ha detto che i prezzi “non stavano scendendo abbastanza velocemente”.

“Le famiglie sono ferite”, ha aggiunto, e i prezzi della benzina stanno mettendo sotto pressione i loro budget.

Il piano di Biden mira ad aggiungere abbastanza forniture di petrolio al mercato per prevenire aumenti dei prezzi che potrebbero danneggiare i consumatori e le imprese, assicurando al contempo agli operai del paese che il governo entrerà nel mercato come acquirente se i prezzi scendono troppo.

READ  È stato rivelato il vincitore del jackpot da 1,08 miliardi di dollari del Powerball nel sud della California

Il presidente, che sta affrontando le critiche dei repubblicani che lo accusano di attingere alla Strategic Petroleum Reserve (SPR) per motivi politici piuttosto che per un’emergenza, ha detto che ricostituirà le scorte del Paese nei prossimi anni.

Biden ha già annunciato il rilascio record di 180 milioni di barili di Strategic Petroleum Reserve all’inizio di quest’anno per contrastare una potenziale crisi di approvvigionamento derivante dalle sanzioni imposte alla Russia ricca di petrolio in seguito all’invasione dell’Ucraina a febbraio.

Biden ha affermato che la Strategic Petroleum Reserve, ora al livello più basso dal 1984, è riempita per più della metà con oltre 400 milioni di barili di petrolio, “più che sufficienti per qualsiasi ritiro di emergenza”.

Ha detto che il suo obiettivo sarebbe quello di ricostituire le azioni quando il greggio statunitense ha raggiunto circa $ 70 al barile, un livello che consentirebbe alle aziende di trarre profitto pur essendo un buon affare per i contribuenti. Il benchmark statunitense era di circa $ 85 mercoledì.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiesto un’esenzione fiscale federale per il gas mentre parla dei prezzi del gas durante le osservazioni nell’aula del tribunale meridionale dell’Eisenhower Executive Building alla Casa Bianca a Washington, Stati Uniti, il 22 giugno 2022. REUTERS/Kevin Lamarck

Gli sforzi di Biden per utilizzare le autorità federali per bilanciare il mercato petrolifero statunitense sottolineano fino a che punto la guerra in Ucraina, l’inflazione dilagante e il taglio dell’OPEC hanno ribaltato i piani del presidente in carica che ha promesso di ritirarsi dall’industria petrolifera e muoversi rapidamente il Paese verso un futuro senza combustibili fossili.

“Dobbiamo aumentare in modo responsabile la produzione di petrolio degli Stati Uniti senza ritardare o ritardare la nostra transizione verso l’energia pulita”, ha affermato Biden mercoledì.

I prezzi della benzina fanno male

I presidenti degli Stati Uniti hanno scarso controllo sui prezzi del petrolio, ma il massiccio consumo di benzina del paese – il più alto al mondo – significa che gli aumenti dei prezzi alla pompa possono essere politicamente tossici. I prezzi al dettaglio della benzina sono scesi dai massimi di giugno, ma rimangono al di sopra delle medie storiche, un importante contributo all’inflazione.

READ  Perché nonostante la bassa inflazione i prezzi non scendono e perché secondo un esperto finanziario è un bene
Reuters grafica Reuters

Il piano di gestione era quello di porre fine alla vendita di 180 milioni di barili precedentemente annunciata iniziata a maggio, a novembre. ma, Acquisti aziendaliCompreso il petrolio della maratona (MPC.N)Exxon Mobile Corporation (XOM.N) E Valero Energy Company (VLO.N)Durante l’estate è stato più lento del previsto e sono rimasti invenduti circa 15 milioni di barili.

Un alto funzionario dell’amministrazione statunitense ha detto che le armi sarebbero state appaltate per la consegna a dicembre. Biden ha detto mercoledì che potrebbe essere fornito anche petrolio aggiuntivo, se necessario.

Spingere le aziende energetiche a fare di più

Biden ha affermato che le compagnie petrolifere dovrebbero sentirsi più sicure di investire nella produzione con l’impegno di riacquistare la nuova Strategic Petroleum Reserve.

Ha detto: “Il mio messaggio a tutte le aziende è: state mantenendo profitti record e vi stiamo dando più certezze. Quindi potete agire ora per aumentare la produzione di petrolio”.

Le aziende “non dovrebbero usare i tuoi profitti per riacquistare azioni o per dividendi. Non ora, non durante la guerra”, ha detto, chiedendo loro di abbassare i prezzi che applicano alla pompa.

Nelle ultime settimane, l’industria petrolifera è diventata sempre più preoccupata per il fatto che l’amministrazione possa compiere il passo drastico di vietare o limitare le esportazioni di benzina o diesel per aiutare a ricostruire le scorte statunitensi in diminuzione. Hanno chiesto all’amministrazione di togliere l’opzione dal tavolo, una mossa che i funzionari non sono disposti a fare.

“Stiamo tenendo tutti gli strumenti sul tavolo, sai, tutto ciò che può aiutare a garantire la stabilità dell’offerta interna”, ha affermato il funzionario.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

READ  I futures statunitensi sono aumentati dopo che la misura dell'inflazione preferita dalla Federal Reserve ha continuato a rallentare

(copertina) di Garrett Renshaw e Steve Holland, più Doina Chiaco e Andrea Shalal; Montaggio di Lincoln Fest, Heather Timmons, Lisa Shumaker e Margarita Choi

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.