Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli scienziati hanno scoperto uno straordinario fiume di stelle che scorre nello spazio: ScienceAlert

Gli scienziati hanno scoperto uno straordinario fiume di stelle che scorre nello spazio: ScienceAlert

Uno straordinario fiume di stelle è stato avvistato mentre scorre attraverso lo spazio intergalattico in un ammasso di galassie a circa 300 milioni di anni luce di distanza.

Questi ponti sono conosciuti come flussi stellari; Con una lunghezza di 1,7 milioni di anni luce, il gigantesco Coma Stream, recentemente ribattezzato, è il più lungo che abbiamo mai visto. E non è tutto: il debole fiume è il primo del suo genere ad essere visto al di fuori della galassia.

La scoperta è una grande sorpresa. In un ambiente così dinamico e gravitazionalmente complesso come un ammasso di galassie, non ci si aspetterebbe che qualcosa di debole come un flusso stellare persista a lungo.

Eppure eccoci qui. Questa scoperta potrebbe essere utilizzata per studiare più in dettaglio gli ammassi di galassie e la misteriosa materia oscura contenuta al loro interno.

“Questo ruscello gigante ha attraversato il nostro percorso per caso.” dice l’astrofisico osservativo Javier Roman Università di Groningen nei Paesi Bassi e Università di La Laguna in Spagna.

“Stavamo studiando gli aloni stellari attorno alle grandi galassie”.

Corrente di coma gigante (linea nera al centro). (Telescopio William Herschel/Roman et al.)

I flussi stellari sono abbastanza comuni nella Via Lattea. Si ritiene che siano i resti frammentati di densi ammassi stellari sferici, divisi dalle forze di marea nella Via Lattea. Ma sono difficili da riconoscere; L’associazione delle stelle non è immediatamente evidente, perché è molto difficile misurare le distanze delle stelle e le tabelle sono molto deboli.

Nello spazio intergalattico, questa debolezza rende anche difficile rilevare connessioni allentate tra gli oggetti. Lo spazio è pieno di oggetti molto luminosi; Più una cosa è noiosa, più è probabile che vada perduta.

READ  In video viene mostrato un uomo che cerca di scappare dal negozio con beni di lusso rubati

Ma negli ultimi anni, la tecnologia dei telescopi e le tecniche analitiche hanno rivelato oggetti molto più deboli di quelli che eravamo in grado di identificare in passato; Questo è il caso del gigantesco flusso di coma.

Roman e i suoi colleghi stavano utilizzando il telescopio Jean Rich da 0,7 metri e il telescopio William Herschel da 4,2 metri per cercare deboli strutture all’interno della galassia. Gruppo in comaÈ un gruppo contenente migliaia di galassie conosciute.

Stavano cercando di studiare gli aloni galattici, regioni sferiche diffuse di stelle sparse e materia oscura che compongono i piani abitati delle galassie.

Tuttavia, i loro dati hanno rivelato l’inaspettato: un lungo ed esteso nastro di stelle, situato non all’interno di una galassia, ma tra gli ammassi di galassie.

Questo nastro è nettamente diverso dai fragili fili della rete cosmica che legano insieme le galassie anche all’interno degli ammassi. Assomigliava ai flussi stellari della Via Lattea, ma su una scala molto più mitica.

Sebbene siano molto grandi e appaiano pacifici, gli ammassi di galassie sono ambienti caotici a causa della gravità, con gli oggetti massicci al loro interno che si spingono e si trascinano a vicenda in ogni direzione.

I ricercatori hanno scoperto che non ci si aspetta che un flusso stellare sopravviva a lungo in un ambiente del genere, ma questo ambiente ci fornisce alcuni indizi sulle origini del flusso.

Zoom nel sito di streaming. (Roman et al., A&A, 2023)

Hanno eseguito simulazioni e hanno scoperto che tali getti, sebbene rari, possono formarsi in un ammasso di galassie, a partire da una galassia nana che si rompe a causa della gravità di galassie più grandi.

Cosmicamente parlando, non si prevede che duri a lungo; Fortunatamente, in questo momento della storia dell’universo, disponiamo della tecnologia per vedere la struttura continuare a disintegrarsi.

READ  Organizzazione YGO | [RD/KP13] Nuovo supporto "Voidvelgr".

Ma la loro presenza può essere utilizzata per studiare l’ambiente del cluster. Poiché gli ammassi di galassie sono pieni di misteriosa materia oscura, ciò suscita l’interesse degli scienziati che stanno cercando di scoprire in cosa consiste questa materia.

Il flusso gigante del coma suggerisce anche che strutture simili possano essere trovate in altri gruppi. I ricercatori sperano di utilizzare telescopi più grandi per osservare più da vicino questi enormi ammassi, per scoprire altri segreti che potremmo aver perso.

Sperano di poter dare un’occhiata più da vicino alla gigantesca corrente di coma stessa.

“Vorremmo osservare le singole stelle dentro e vicino al flusso e saperne di più sulla materia oscura”. dice l’astronomo Reinier Pelletier Dall’Università di Groningen.

La ricerca è stata pubblicata in Astronomia e astrofisica.