Giugno 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli scienziati hanno scoperto le violente tattiche di caccia delle orche californiane, come schiaffeggiare la coda e colpire con la testa, dopo aver studiato il misterioso gruppo di predatori per 16 anni.

Gli scienziati hanno scoperto le violente tattiche di caccia delle orche californiane, come schiaffeggiare la coda e colpire con la testa, dopo aver studiato il misterioso gruppo di predatori per 16 anni.

  • Le orche usano colpi di testa, schiaffi sulla coda e violenza di massa contro le loro prede
  • Coloro che vivono nella Baia di Monterey in California hanno chiaramente un pasto preferito: i leoni marini
  • Ma il loro secondo spuntino preferito sono i piccoli delle balene grigie in migrazione stagionale
  • Per saperne di più: Gli osservatori di balene hanno una straordinaria visione ravvicinata della caccia all'orca assassina

Un nuovo studio rivela che le orche assassine nella baia di Monterey utilizzano tecniche di caccia violente per abbattere le loro prede.

Un team di scienziati ha studiato un gruppo specifico di animali temibili dal 2006 e ha scoperto che queste balene predano di tutto, dai leoni marini e uccelli marini agli elefanti marini e ai cuccioli di balena grigia, e utilizzano qualsiasi metodo per procurarsi il pasto.

Le loro tecniche di caccia includevano colpi di testa, colpi di coda per stordirli e persino lanciare la preda in aria.

Le immagini catturate in natura mostrano predatori che si riuniscono per separare un cucciolo di balena grigia dalla madre prima di uccidere e mangiare il piccolo, e altre orche catturate vengono mostrate mentre lanciano un delfino in aria come una bambola di pezza.

I risultati offrono uno sguardo raro sul mondo di questo gruppo di orche, che cacciano principalmente mammiferi in acque aperte e non sono ben comprese dagli scienziati.

L'orca assassina insegue il leone marino della California. I leoni marini hanno rappresentato quasi la metà delle prede del gruppo delle orche tra il 2006 e il 2021.
Un maschio di orca di passaggio sbatte la coda contro l'acqua nel tentativo di stordire un giovane elefante marino.

Gli scienziati hanno scoperto che le balene modificavano il loro comportamento di caccia a seconda che stessero spazzando le acque aperte o cercando prede nei canyon sottomarini.

Per saperne di più: All'altezza del loro nome “killer”!

Guarda il momento “incredibile” in cui un'orca assassina uccide e mangia da sola un grande squalo bianco in soli due minuti.

Durante le interazioni osservate per questo evento, almeno due squali bianchi furono uccisi, come evidenziato dal ritrovamento di una seconda carcassa di 3,55 m (11,6 piedi) nelle vicinanze.

READ  Piccoli nuovi geni nel DNA umano mostrano come ci stiamo ancora evolvendo: ScienceAlert

In acque libere si espandono e si muovono in modo irregolare, forse per coprire un'area più ampia e rendere i loro movimenti più difficili da prevedere per le prede.

Ma nella valle si muovevano furtivamente e gli scienziati sospettano che ascoltino il movimento dell'acqua per cacciare le prede in questo ambiente.

Negli ultimi anni, le orche assassine hanno guadagnato una significativa attenzione internazionale per i loro attacchi coordinati contro altri predatori come gli squali, e per aver effettuato attacchi simili contro le barche.

Lo scorso marzo, ad esempio, una coppia britannica terrorizzata ha assistito impotente mentre un branco di orche assassine speronava ripetutamente la loro barca a vela, rompendo il timone.

Anche loro cacciano da soli, come è stato osservato il mese scorso quando un'orca assassina ha ucciso un grande squalo bianco e gli ha rimosso il fegato, la parte dello squalo che preferiscono, in meno di due minuti.

Nel nuovo studio, gli scienziati hanno scoperto che le orche della baia di Monterey mangiano più leoni marini di qualsiasi altra preda, e gli animali costituiscono circa il 48% delle loro prede.

Un'osservazione ha catturato un'orca assassina che stordeva un elefante marino con un massiccio schiaffo della coda.

I vitelli di balena grigia erano la seconda preda più comune, rappresentando circa il 22% delle uccisioni di orche nella baia di Monterey.

In terzo luogo, i più comuni erano gli enormi elefanti marini, che possono pesare fino a 9.000 libbre. Questi grandi mammiferi rappresentavano circa il 7% delle loro uccisioni.

Un'orca assassina lancia in aria un delfino dal fianco bianco del Pacifico. Le balene spesso cacciano questi delfini arrivando dal basso e gettandoli fuori dall'acqua.
L'orca usa i denti per afferrare la piattaforma o la mascella superiore di una balenottera minore adulta. Le orche spesso mantengono immobili le loro prede più grandi mentre altri le attaccano.

I successivi nella lista sono le foche comuni e i delfini comuni, con circa il 6% ciascuno. Uccelli marini occasionali, focene, delfini dal lato bianco del Pacifico e focene di Dall erano i meno vulnerabili alla predazione occasionale.

READ  La luna rosa sorge durante la notte! Guarda la luna piena di aprile in un webcast gratuito

Oltre a ciò che catturano le balene, i ricercatori hanno anche cercato dove vengono catturate.

Notano che il profondo sistema di canyon sottomarini nella baia di Monterey sembra fornire un terreno di caccia vitale per i predatori oceanici.

Le acque profonde e i fondali rocciosi rendono questa zona della valle un habitat ideale per krill, calamari e pesci, alimenti che le loro prede amano mangiare.

Sapendo che queste gustose creature del fondale predavano leoni marini, foche e altri mammiferi marini nella baia di Monterey, questo gruppo di orche sembra aver imparato a procurarsi il cibo da solo.

I ricercatori hanno documentato cosa succede quando le orche si uniscono per dare la caccia a un vitello di balena grigia.
Dopo che le orche hanno separato il cucciolo dalla madre, un maschio adulto gli ha sbattuto contro la testa, stordendolo.

Esistono tre tipi principali di orche: transitorie, residenti e balene marine.

I residenti tendono a vivere in un posto e catturano pesci di piccole e medie dimensioni come l'irresistibile salmone. I loro grandi gruppi familiari li rendono più bravi a localizzare le fonti di cibo e la nutrizione.

Le creature marine tendono a vivere in grandi gruppi a nove o più miglia dalla terra e cacciano gli squali.

I transitori vivono in gruppi più piccoli e cacciano soprattutto mammiferi, rendendo ogni viaggio una potenziale lotta all'ultimo sangue.

Dopo aver stordito un vitello di balena grigia, le orche hanno immerso e annegato il vitello stringendolo con i loro corpi.
Dopo aver ucciso il vitello, le orche si nutrono della mascella inferiore e della lingua del vitello, i suoi intestini appaiono sopra l'acqua e la sua coda appare sotto la superficie dell'acqua nella parte inferiore dell'immagine.
I ricercatori hanno osservato come le orche assassine (orche) cacciatrici di mammiferi nella baia di Monterey in California trascorrevano il loro tempo durante 270 ore di osservazioni comportamentali. I risultati forniscono informazioni sulle interazioni predatore-preda in questo canyon sottomarino e nell’ambiente delle acque profonde.

Il loro nome è in realtà impreciso, perché tendono a rimanere nelle stesse zone costiere della popolazione. Ma decenni fa, gli scienziati pensavano che fossero nomadi e il nome rimase.

Sono questi gruppi di transitori che gli scienziati hanno osservato nell'ultimo studio, in cui hanno catalogato attentamente ogni loro avvistamento nella baia di Monterey, hanno tracciato la loro posizione e hanno annotato esattamente cosa stavano facendo.

Trascorrevano la maggior parte del tempo (51%) alla ricerca di prede, dividendo equamente quel tempo tra il canyon marino e il mare aperto.

Il 10% del loro tempo è stato speso a caccia di prede, il 23% a nutrirsi, il 9% a viaggiare, il 6% a socializzare e l'1% a riposare.

READ  Delta 4 Heavy Rocket lancia il satellite spia sull'ultimo volo della costa occidentale
Questo grafico mostra il numero medio di orche assassine (linea continua nera) e di balene grigie (linea tratteggiata grigia) nelle acque della baia di Monterey ogni mese. Il numero delle orche è aumentato da marzo a giugno, quando le balene grigie migravano attraverso la baia di Monterey. In primavera, le balene grigie migrano dai tropici con i loro piccoli sulla via del ritorno dalle zone di nascita tropicali alle zone di alimentazione nell'Artico.
I segni incisi con lo stampino su un'orca indicano che trascorre molto tempo in mare aperto, dove vive lo squalo stampino.

Il gruppo di balene incluso nel presente studio era transitorio e, sebbene alcuni di loro cacciassero in acque aperte, venivano avvistati per lo più dentro e intorno alla baia.

Ma recentemente è stato individuato un quarto gruppo di orche: quelle oceaniche.

Secondo un rapporto pubblicato dal quotidiano britannico “Daily Mail”, un branco di 49 orche assassine, mai studiato in precedenza, ha cacciato fino a 190 miglia al largo delle coste della California e dell'Oregon, cacciando grandi prede come i capodogli. Stare Pubblicato la settimana scorsa.

Gli scienziati possono dire che queste balene trascorrono la maggior parte del loro tempo in oceano aperto perché portano segni di morsi di squali stampino, che vivono solo lì.

Le persone hanno visto queste ferite distintive sulle orche che vivono nelle regioni meridionali e occidentali dell’Oceano Pacifico, vicino alla Nuova Zelanda e all’Antartide, per più di un decennio.

Il cucciolo di balena grigia deceduto è stato trovato spiaggiato nel 2011. Il giorno prima, gli scienziati avevano visto un branco di orche assassine attaccarlo nella baia di Monterey. A e C mostrano la mascella mancante dell'animale e B mostra le fessure parallele lasciate dai denti dell'orca.
Infatti, nel corso degli anni, le orche “transitori” hanno avuto la tendenza a cacciare nella stessa zona, soprattutto nelle acque del Monterey Canyon, un sistema di canyon sottomarini che costituisce un habitat ideale per gli animali di cui si nutrono le orche.

Ma vederli nelle orche che vivono vicino al Nord America era una novità.

Ciascuno di questi gruppi di balene vive vite molto diverse e gli scienziati hanno notato che non parlano nemmeno la stessa lingua.

Tuttavia, nel tempo, i cambiamenti nell’ambiente cambiano le loro abitudini.

Le popolazioni residenti di orche stanno crollando in molte aree poiché i salmoni stanno diminuendo di numero.

In alcuni casi, i migranti vengono a prendere il loro posto, prosperando grazie alle foche e ad altre creature che sopravvivono nutrendosi di calamari e piccoli pesci che possono reagire dove i salmoni non possono.

Nel corso del tempo, vedremo come anche le orche transitorie si adattano a un mondo che cambia.

IL Stare È stato pubblicato oggi sulla rivista PLOS One.