Luglio 14, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli scienziati hanno scoperto la vera identità dell’antica lucertola marina

Gli scienziati hanno scoperto la vera identità dell’antica lucertola marina

I ricercatori hanno identificato un rettile marino preistorico trovato nel 1935 come un talatosauro, non come un corystoder, utilizzando scansioni TC e un nuovo esemplare. Ricostruzione Pachystropheus reticusemerse accanto a uno squalo Hybodont che si nutriva di a Bergeria Pescare. Credito: James Ormiston

Gli scienziati hanno riclassificato il rettile marino preistorico, scoperto nel 1935, come uno degli ultimi talattosauri, piuttosto che come i primi dinosauri, dopo nuove scoperte e fotografie dettagliate.

La vera identità di un rettile marino preistorico locale è stata rivelata, dopo che gli esperti hanno stabilito che alcuni dei suoi resti appartenevano effettivamente a pesci.

Ricercatori dell’Università di Bristol e dell’Università di Southampton hanno dimostrato che le ossa trovate in Triassico Le rocce del 1935 appartengono a uno degli ultimi talassosauri, una grande lucertola marina che si comportava come una lontra.

Per anni si è pensato che questo antico animale fosse uno dei primi rettili marini, un altro gruppo di rettili marini simili ai coccodrilli. Tuttavia, nello studio pubblicato in Giornale di paleontologia dei vertebratiil team ha esaminato l’esemplare originale che portava il nome del 1935. Lo hanno confrontato con un nuovo straordinario esemplare di PachistrofeoConosciuto come “Annie”, contiene centinaia di ossa di diversi individui, oltre a prove di squali, pesci ossei e persino dinosauri terrestri.

Tecnologie e funzionalità avanzate

Jacob Quinn, che sta studiando per un master in paleobiologia alla Bristol School of Geosciences, ha viaggiato con i due esemplari a Southampton dove sono stati sottoposti a scansione TC, producendo pile di raggi X attraverso i blocchi che gli hanno permesso di ricostruire un modello 3D completo. Per tutto ciò che è sepolto nei blocchi.

READ  Come creare un buco nero dal nulla

“I talatosauri esistevano in tutto il Triassico”, ha spiegato Jacob. “Alcuni erano lunghi fino a quattro metri (13 piedi) e sarebbero stati il ​​terrore dei mari. Ma li abbiamo Pachistrofeo Era lungo solo un metro, metà del quale era la sua lunga coda. Aveva anche un collo lungo, una piccola testa grande quanto una scatola di fiammiferi, che non abbiamo trovato, e quattro remi. Se fosse stato come i suoi parenti, avrebbe avuto tanti denti piccoli e affilati, perfetti per afferrare pesci e altre piccole prede che si dimenano.

La rete alimentare retica dell'arcipelago di Bristol

Retico (205 milioni di anni fa) Rete alimentare dell’arcipelago di Bristol contenente Pachystroeus rhaeticus. Le frecce indicano chi ha mangiato chi: il rosso e il nero indicano l’inferenza, le frecce blu si basano sull’ecologia e sulle associazioni fossili osservate durante questo studio. Credito: Jacob Quinn

Il professor Mike Benton, uno dei supervisori di Jacob, ha dichiarato: “In precedenza, Pachystroeus era stato riconosciuto come il primo choristoderes, un altro gruppo di rettili marini simili a coccodrilli, ed era trattato come molto importante perché era il più antico. “Jacob è riuscito a dimostrare che alcune ossa provenivano effettivamente da pesci, mentre altre ossa appartenute realmente a Pachystroeus hanno dimostrato che si trattava in realtà di un piccolo talattosauro. Quindi, dopo essere stato considerato il primo dei Cristosauri, ora è stato identificato come l’ultimo dei talattosauri.”

Sforzi di scoperta e ricostruzione

Evangelos R. Matthew Raven di Peterborough ha scoperto l’Annie mentre era in vacanza nel Somerset nel 2018, e successivamente l’ha assemblata e pulita con cura per esporre le ossa nel suo tempo libero. Ha detto: “Ho notato parti di una roccia caduta sulla spiaggia a circa 10 metri dalla base della scogliera. Ero entusiasta che le loro superfici esposte rivelassero alcune ossa fossili. Non sono riuscito a vedere i pezzi messi insieme fino a pochi giorni dopo. Dopo alcune settimane di preparazione, abbiamo potuto vedere emergere qualcosa di speciale. Il completamento del campione ha richiesto circa 350 ore e circa un anno.

Evangelos R.  Matto Corvo

Evangelos R. Matto-Ravin durante la preparazione del film “Annie”. Crediti: Evangelos R. Matteo Raven/Andrea Matteo Raven

Pachistrofeo Potrebbe aver vissuto la vita di una lontra moderna, mangiando piccoli pesci o… Invertebrati “Come i gamberetti”, afferma il dottor David Whiteside, un altro supervisore. “Questi sottili rettili avevano colli lunghi, code piatte per nuotare e arti anteriori straordinariamente potenti per un animale marino, suggerendo Pachistrofeo Potrebbero essere venuti sulla terra per nutrirsi o per evitare i predatori. A quel tempo, Bristol e gran parte dell’Europa erano caratterizzate da mari poco profondi e questi animali probabilmente vivevano in una grande colonia nelle acque calde e poco profonde che circondavano l’arcipelago delle isole.

READ  "Cos'è questa roba?": L'asteroide potenzialmente pericoloso Bennu sconcerta gli scienziati con la sua strana composizione

Annie sarà ora ospitata al Bristol Museum and Art Gallery per ulteriori studi.

“Siamo molto lieti che questo straordinario fossile faccia ora parte della collezione del Bristol Museum and Art Gallery, grazie al gentile aiuto degli Amici dei musei, delle gallerie e degli archivi di Bristol. Siamo lieti di poter condividere la storia di questo nuovo fossile e tutto il lavoro che il team ha svolto con i visitatori del museo”.

Riferimento: “Relazioni e paleoecologia di Pachystroeus rhaeticus, un enigmatico rettile marino del Triassico (Diapsida: Thalattosauria)” di Jacob J. Quinn e Evangelius R. Matto-Raven e David I. Whiteside e John E.E. Marshall e Deborah J. Hutchinson e Michael J. Benton, 4 giugno 2024, Giornale di paleontologia dei vertebrati.
doi: 10.1080/02724634.2024.2350408