Aprile 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli astronomi osservano una “Terra gigante” a 137 anni luce di distanza

Gli astronomi osservano una “Terra gigante” a 137 anni luce di distanza

NASA/JPL-Caltech

L'illustrazione di un artista raffigura l'esopianeta “super-Terra” TOI-715b in orbita all'interno della zona abitabile attorno a una stella nana rossa.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l'universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Gli astronomi hanno scoperto una “super-Terra”, ovvero un mondo più grande del nostro pianeta, in orbita attorno a una stella a circa 137 anni luce di distanza. È anche possibile che un altro pianeta, ritenuto grande quanto la Terra, orbiti attorno alla stessa stella.

L’esopianeta gigante, noto come TOI-715b, orbita attorno a una stella nana rossa che è più fredda e più piccola del nostro sole. Gli astronomi hanno scoperto il pianeta utilizzando la missione TESS della NASA, o il Transiting Exoplanet Survey Satellite. Uno studio che descrive dettagliatamente questa scoperta è stato pubblicato a gennaio sulla rivista Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

I ricercatori hanno scoperto che il pianeta, che si stima sia una volta e mezza più largo del nostro pianeta, impiega poco più di 19 giorni terrestri per completare un’orbita attorno alla sua stella. Un pianeta è abbastanza vicino alla sua stella da trovarsi all’interno della zona abitabile, o dalla distanza dalla stella che fornisce al pianeta la giusta temperatura affinché l’acqua liquida possa esistere sulla sua superficie.

La zona abitabile viene solitamente calcolata in base a fattori quali la dimensione, la temperatura e la massa della stella, nonché la riflettività della superficie del pianeta. Ma ci possono essere ampi margini di errore associati a questi fattori, sollevando dubbi sul fatto che il pianeta sia effettivamente nella zona abitabile, ha detto l’autrice principale dello studio, la dott.ssa Georgina Dranfield, ricercatrice post-dottorato presso la Scuola di Fisica e Astronomia dell’Università di Birmingham. gli Stati Uniti Uniti. Regno Unito.

READ  Cosa è successo a tutti i buchi neri supermassicci? Gli astronomi sono rimasti sorpresi dai dati di Webb

Gli astronomi ritengono che TOI-715b esista in una regione ristretta e più ideale attorno alla stella, nota come zona abitabile, che ha meno probabilità di essere influenzata da margini di errore.

“Questa scoperta è entusiasmante perché è la prima super-Terra TESS ad essere trovata all'interno della zona abitabile”, ha detto Dransfield. “Inoltre, grazie alla sua relativa vicinanza, il sistema è adatto per ulteriori indagini aeree.”

Dal suo lancio nel 2018, TESS ha aiutato gli astronomi a scoprire pianeti attorno a stelle relativamente vicine Adatto per osservazioni di follow-up utilizzando osservatori terrestri e spaziali.

“Questo ci consente di ottenere un quadro molto più chiaro della diversità dei sistemi esoplanetari che orbitano attorno a un'ampia gamma di tipi stellari”, ha affermato Dransfield.

I telescopi possono rilevare cali di luce stellare che indicano che un pianeta passa davanti alla sua stella, e questi cali di luce stellare sono chiamati transiti. TOI-715b è vicino alla sua stella e ha un'orbita veloce, il che significa che il pianeta passa davanti o attraversa frequentemente la sua stella. Di conseguenza, l’esopianeta è un candidato ideale per future osservazioni utilizzando il telescopio spaziale James Webb. Il telescopio Webb vede l'universo nella luce infrarossa, invisibile all'occhio umano, e può scrutare le atmosfere planetarie.

Mentre il pianeta passa davanti alla stella, la luce stellare filtra, consentendo a Webb di cercare prove di un'atmosfera e persino di determinare la composizione dell'atmosfera del pianeta. Capire se i pianeti hanno un’atmosfera potrebbe rivelare di più sul loro potenziale di essere abitabili per la vita.

“Vogliamo davvero conoscere la massa del pianeta con alta precisione per capire se si tratta di una vera super-Terra o di un membro di una nuova classe di mondi oceanici”, ha detto Dransfield, riferendosi alle lune con oceani globali come Giove Europa o Giove. Giove. Encelado di Saturno. “Ciò ci consentirà di modellare le nostre indagini di follow-up e di imparare di più sulla demografia degli esopianeti nel loro insieme”.

READ  La danza galattica rivela che l'universo è più piccolo di quanto si pensasse

Dransfield ha affermato che per confermare l'esistenza di un possibile secondo pianeta delle dimensioni della Terra, i ricercatori hanno bisogno di osservazioni più riuscite dei transiti del pianeta in diverse lunghezze d'onda della luce.

Se verrà confermato un pianeta delle dimensioni della Terra, diventerà il pianeta più piccolo in una zona abitabile scoperta da TESS fino ad oggi.

Le stelle nane rosse sono le stelle più comuni nella nostra galassia e si è scoperto che alcune di esse ospitano piccoli mondi rocciosi, come il pianeta scoperto di recente. Il sistema TRAPPIST con i suoi sette pianeti, situato a 40 anni luce di distanza. I pianeti che orbitano più vicini a queste stelle più piccole e più fredde potrebbero ricevere abbastanza calore per essere abitabili.

Ma la domanda chiave è se questi pianeti siano anche abbastanza vicini da essere esposti a brillamenti stellari e radiazioni, che potrebbero erodere le loro atmosfere, far evaporare l’acqua e limitare la loro capacità di essere abitabili.

TOI-715b ha mostrato solo pochi brillamenti negli ultimi due anni e non è considerata attiva, rendendola una vecchia stella, ha detto Dransfield.

In futuro, gli astronomi sperano di essere in grado di cercare pianeti in orbita attorno a stelle più simili al nostro Sole, il che richiederà la capacità di bloccare l'intensa luce stellare per trovare pianeti deboli delle dimensioni della Terra.

Prossimi compiti come Platone dell'ESALa sonda, o i transiti planetari e le oscillazioni delle stelle, trasporterà 26 telecamere per studiare i pianeti simili alla Terra nelle zone abitabili orbitanti attorno a stelle simili al Sole. Il lancio della missione è previsto nel 2026.

READ  L'antenato preistorico degli anfibi si chiamava Kermit la rana

“Finora nessun telescopio è stato in grado di raggiungere questo obiettivo, ma dovrebbe essere possibile entro il prossimo decennio”, ha detto Dransfield, riferendosi a Platone. “Questa sarà una delle scoperte più attese, perché ci mostrerà quanto i pianeti comuni siano davvero simili alla Terra”.