Ottobre 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Giurassico: il vomito 150 milioni di anni fa rivela predatori preistorici

Circa 150 milioni di anni fa, nell’attuale Utah, un animale si strozzò con una piccola rana e una salamandra. Poi ha perso il pranzo. Avanti veloce fino ad oggi, quando un team di paleontologi ha identificato ed esaminato il vomito fossilizzato, rivelando un mistero lungo la strada.

I ricercatori hanno pubblicato a Studio sul vomito a Paleos alla fine del mese scorso. Gli scienziati hanno trovato ossa di rana, tra cui alcune probabilmente provenienti da girini, e frammenti di salamandre. “Aspetti di questo nuovo fossile, relativi alla disposizione e alla concentrazione delle ossa nel sedimento, al miscuglio animale e alla chimica delle ossa e delle matrici, suggeriscono che il tumulo osseo fosse indossato da un predatore”, Parchi statali dello Utah In un comunicato di martedì.

Questa deliziosa illustrazione mostra due pesci, uno che caccia e l’altro che vomita una preda.

Brian Ing

Chi stava vomitando? Il vomito risale al tardo Giurassico, un’epoca in cui dinosauri come il Brachiosauro di dimensioni enormi e lo Stegosauro corazzato stavano ancora vagando. Grida a Rebecca Hunt-Foster, un paleontologo del Dinosaur National Monument nello Utah, per coniare la frase “Jurassic Barf”. Tuttavia, il vomito non proveniva da un dinosauro.

Il sito di scavo, famoso per i suoi resti vegetali, è stato a lungo uno stagno, dimora di anfibi e pesci. I ricercatori hanno scoperto che le pulcinelle di mare hanno maggiori probabilità di vomitare. È possibile che i pesci antichi fossero capovolti per distrarre un predatore. Gli Utah State Parks notano che i paleontologi hanno scherzosamente definito il ritrovamento fossile come un “girino vomitato dal pesce”.

Sebbene si sia verificato diversi milioni di anni fa, il vomito è uno spettacolo comune.

“C’erano tre animali che sono ancora in circolazione oggi, che interagiscono in modi noti anche tra quegli animali: prede mangiate dai predatori e predatori che potrebbero essere inseguiti da altri predatori”, ha affermato il coautore dello studio John Foster, curatore della Utah Field House Museo. Dal Museo di Storia Naturale del Parco Statale. “Questo di per sé mostra quanto alcuni ecosistemi antichi siano simili ai luoghi sulla Terra oggi”.

I ricercatori sperano di trovare altri fossili simili all’interno della Formazione Morrison nello Utah, uno strato di storia che conserva anche molti resti di dinosauri. Il vomito potrebbe non sembrare l’argomento più affascinante della paleontologia, ma è una finestra affascinante (e leggermente grossolana) sulla vita di molto tempo fa.

READ  Terra, vere capre, battete il record di lunga velocità