Ottobre 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Giovedì le esportazioni attraverso l'Ucraina sono aumentate

Giovedì le esportazioni attraverso l’Ucraina sono aumentate

  • Giovedì le esportazioni di gas russe verso l’Europa attraverso l’Ucraina sono aumentate di circa il 38%, Bloomberg riportato, citando i dati dell’operatore di rete ucraino.
  • Nello stesso giorno i prezzi del gas naturale in Europa sono aumentati fino al 62%.
  • La Germania questa settimana si è ritirata dal progetto del gasdotto Nord Stream 2 con la Russia.

Le esportazioni di gas naturale che fluiscono dalla Russia all’Europa attraverso l’Ucraina sono aumentate giovedì, con un balzo di circa il 38% rispetto al giorno precedente, secondo i dati riportati. Bloomberg.

I dati dell’operatore di rete ucraino hanno inoltre mostrato che questi flussi dovrebbero aumentare di circa il 24% venerdì rispetto ai livelli di giovedì, secondo Bloomberg.

L’Europa occidentale è fortemente dipendente dalle forniture di gas russe e l’aumento del flusso di giovedì ha sottolineato che la dipendenza continuerà. Circa il 41% delle importazioni di gas dell’UE proviene dalla Russia, più del doppio di quella della Norvegia, il secondo fornitore più grande, secondo gli ultimi dati dell’UE.

L’aumento dei flussi di gas dalla Russia all’Europa è arrivato giovedì dopo il presidente russo Vladimir Putin Ho ordinato alle truppe di entrare in Ucraina. I governi mondiali hanno colpito la Russia Sanzioni In risposta, gli Stati Uniti hanno difeso la propria decisione di non includere il settore energetico nelle proprie azioni.

Il gigante russo dell’energia Gazprom ha dichiarato giovedì che il flusso di gas verso l’Europa attraverso l’Ucraina è stato come previsto.

Giovedì i prezzi del gas in Europa sono aumentati fino al 62%, il più grande aumento dal 2005, secondo i dati riportati da Bloomberg.

READ  L'inquinamento climatico in Amazzonia sta peggiorando

La Russia è il secondo produttore mondiale di gas naturale dopo gli Stati Uniti, secondo Gestione delle informazioni energetiche.

All’inizio della settimana, la Germania, che dipende per gran parte del suo gas naturale dalla Russia, Ferma l’accordo sul gasdotto Nord Stream 2 Con Mosca dopo che le forze russe sono entrate a Donetsk e Luhansk, due regioni orientali separate dell’Ucraina. La sospensione del Nord Stream 2 non ha avuto alcun effetto sulla fornitura di gas perché il gasdotto non funzionava.

Kenneth Griffin, CEO di Citadel, ha scritto sul Wall Street Journal che L’Europa deve ridurre la sua dipendenza Per quanto riguarda le esportazioni di gas russe, gli Stati Uniti dovrebbero aiutare il continente a soddisfare il proprio fabbisogno energetico aumentando la produzione di petrolio.