Luglio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gary Wright, cantante della canzone “Dreamweaver” a metà degli anni ’70, è morto all’età di 80 anni.

Gary Wright, cantante della canzone “Dreamweaver” a metà degli anni ’70, è morto all’età di 80 anni.

Gary Wrightil musicista conosciuto soprattutto per i suoi singoli di successo”Il sogno di WeaverL’uomo è morto all’età di 80 anni e la notizia è stata confermata dal figlio di Wright, Dorian diversificato; La causa della morte non è stata annunciata.

È stato un membro fondatore della band britannica Spooky Tooth ed è stato un artista molto richiesto dalla fine degli anni ’60 in poi, suonando tutti i Gli album solisti di George Harrison, incluso il suo debutto del 1970 All Things Must Pass – e nei primi singoli di Ringo Starr (e molto più tardi, con la Starr’s All-Starr Band) così come Nilsson, Tim Rose, BB King e molti altri. Tuttavia, è ricordato soprattutto per i suoi successi della metà degli anni ’70, che facevano parte di un oscuro stile di singoli dell’epoca basato sui sintetizzatori – “Fly Like an Eagle” di Steve Miller è un altro esempio – che lo vide emergere. spettacoli musicali, indossa abiti di raso e suona la tastiera.

Il suo primo album per la Warner Bros., “The Dream Weaver”, con una traccia del titolo ispirata a un viaggio in India con Harrison, fu pubblicato nel 1975 e, sebbene il singolo fosse lento da costruire, nella primavera successiva divenne un successo. e Wright era diventato una star importante. Tuttavia, passarono quasi due anni prima che continuasse con “The Light of Smiles”, e i suoi sforzi successivi non si avvicinarono al suo successo precedente. Il suo ultimo singolo fu “Really Wanna Know You” del 1981.

Negli anni successivi, Wright si specializzò nel settore della musica e delle colonne sonore, nonostante fece un’apparizione a sorpresa nel film del 1992 “Wayne’s World”, dove cantò una versione ri-registrata di “Dream Weaver” – ma tornò al rock più tradizionale e ha pubblicato una serie di album, il più recente dei quali Connected è stato pubblicato nel 2010. È stato spesso in tournée, come solista, con gli Spooky Tooth e con la Ringo’s All-Starr Band.

READ  Il Giubileo di platino della regina Elisabetta: la tua guida alle celebrazioni

Nel corso degli anni, le sue canzoni hanno continuato ad essere coverizzate – Chaka Khan ha registrato una versione di grande successo di “Love Is Alive” per il suo album di successo del 1984 “I Feel for You” – e campionate da artisti che vanno da Jay-Z a Tone Look.