Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Funzionari di Hamas arrivano al Cairo per i colloqui di tregua a Gaza, ma non c'è segno della presenza di Israele  Notizie della guerra israeliana a Gaza

Funzionari di Hamas arrivano al Cairo per i colloqui di tregua a Gaza, ma non c'è segno della presenza di Israele Notizie della guerra israeliana a Gaza

Secondo un resoconto dei media israeliani, Israele ha impedito alla sua delegazione di partire dal Cairo perché Hamas ha respinto una delle sue richieste.

Funzionari di Hamas sono arrivati ​​al Cairo, in Egitto, per colloqui sulla garanzia di una tregua nella guerra di Gaza dopo che un funzionario americano ha indicato che Israele aveva accettato un quadro per un cessate il fuoco temporaneo e lo scambio di ostaggi israeliani e prigionieri palestinesi.

I rappresentanti di Hamas sono arrivati ​​al Cairo domenica, ma in prima serata non c'era nessuna delegazione israeliana a partecipare ai colloqui mediati dagli inviati di Qatar, Egitto e Stati Uniti, e i media israeliani hanno riferito che Israele non ha inviato una squadra a inseguire il movimento palestinese. rifiutato di partecipare. Condividi l'elenco dei prigionieri ancora vivi nella zona assediata.

Il sito web israeliano Ynet ha citato funzionari israeliani non identificati che hanno affermato: “Non c’è alcuna delegazione israeliana al Cairo”. Ha aggiunto: “Hamas si rifiuta di fornire risposte chiare, e quindi non c'è motivo di inviare la delegazione israeliana”.

Non c’è stato alcun commento immediato da parte dei funzionari israeliani.

Un alto funzionario di Hamas ha detto ad Al Jazeera che la delegazione del movimento è al Cairo “per incontrare i fratelli egiziani e del Qatar e per presentare la visione del movimento”. Ha detto che per noi non ha importanza se la delegazione di occupazione arriva o meno al Cairo.

Una fonte vicina ai colloqui aveva detto il giorno prima all'agenzia di stampa Reuters che Israele potrebbe stare lontano dal Cairo a meno che Hamas non presenti prima un elenco dei prigionieri.

READ  Cina e Giappone riaffermano la “relazione strategica” nei rari colloqui tra i due leader

Una fonte palestinese ha detto all'agenzia che Hamas ha finora respinto questa richiesta.

Un funzionario statunitense aveva precedentemente affermato che Israele aveva accettato un quadro di un accordo di tregua da discutere al Cairo.

“Esiste un accordo quadro. Gli israeliani lo hanno accettato in un modo o nell'altro”, ha detto sabato un alto funzionario americano dell'amministrazione del presidente Joe Biden.

Il funzionario americano ha affermato che la proposta quadro prevede un cessate il fuoco di sei settimane, oltre al rilascio da parte di Hamas dei prigionieri considerati vulnerabili, tra cui malati, feriti, anziani e donne.

Israele e Hamas hanno avanzato diverse richieste, nonostante la crescente pressione da parte degli Stati Uniti, per concludere un accordo su una tregua che entrerà in vigore prima dell'inizio del Ramadan, previsto per il 10 o 11 marzo.

Il quadro menzionato dal funzionario americano potrebbe portare alla prima tregua prolungata nella guerra in corso dal 7 ottobre, con una pausa di solo una settimana a novembre. Ma non riuscirà a soddisfare la principale richiesta di Hamas di porre fine definitivamente alla guerra.

Tariq Abu Azoum di Al Jazeera a Rafah, nel sud di Gaza, ha affermato che Hamas continua a chiedere che Israele accetti il ​​”pieno ritiro militare dalla Striscia di Gaza, così come il pieno ritorno della popolazione al nord”.

Un potenziale accordo di tregua prevederebbe anche il rilascio dei prigionieri detenuti da Hamas in cambio del rilascio dei detenuti palestinesi. L’accordo potrebbe anche portare ad un aumento delle consegne di aiuti in un momento in cui le agenzie umanitarie hanno avvertito che molti palestinesi a Gaza sono sull’orlo della fame.

READ  Duro colpo per Boris Johnson con le dimissioni di importanti ministri del governo del Regno Unito, Rishi Sunak e Sajid Javid

La guerra è iniziata il 7 ottobre quando Hamas ha attaccato Israele, uccidendo 1.139 persone e prendendo 253 ostaggi, secondo i funzionari israeliani. Israele ha risposto con un devastante bombardamento e un’invasione di terra di Gaza che ha ucciso più di 30.400 persone, secondo i funzionari palestinesi. L’attacco israeliano ha portato al radere al suolo gran parte dei territori assediati e allo sfollamento di oltre l’80% della popolazione.