Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Esperto: L'Iran è a lungo termine con il dirottamento di petroliere

Esperto: L'Iran è a lungo termine con il dirottamento di petroliere

  • Il recente sequestro della petroliera MSC Aries durante il fine settimana segna almeno la sesta nave recentemente sequestrata dall’Iran e dai suoi delegati.
  • È improbabile che l’Iran chiuda lo Stretto di Hormuz al traffico delle petroliere data l’importanza dell’esportazione del suo petrolio in Cina.
  • Ma le petroliere dirottate probabilmente rimarranno detenute per molto tempo, secondo Samir Madani, co-fondatore di Tankertrackers.com. “Vogliono mantenere l'acqua in un costante stato di caos”, dice.

I soldati iraniani partecipano a un'esercitazione militare annuale sulla costa del Golfo di Oman e vicino allo stretto strategico di Hormuz.

Anatolia | Anatolia | Immagini Getty

Nave portacontainer MSC Ariete Catturato dall'Iran Il fine settimana dell’anniversario ha segnato il dirottamento di almeno una sesta nave da parte dell’Iran e dei suoi delegati in risposta alla guerra tra Israele e Gaza, sfidando ulteriormente i principi di lunga data della libertà di navigazione da cui dipende la navigazione marittima.

Prima del sequestro della petroliera avvenuto questo fine settimana, l'ultima nave sequestrata dall'Iran era stata la St. Nicholas il 1° gennaio. Secondo il Comando Centrale delle Forze Navali degli Stati Uniti, ciò porta a cinque il numero totale di navi trattenute, con più di 90 membri dell'equipaggio in ostaggio. Prima di ciò, gli Houthi sostenuti dall’Iran avevano dirottato la nave Galaxy Leader il 19 novembre.

Gli ultimi sviluppi spingono gli esperti di spedizioni ed energia a prepararsi ad una tempistica di incertezza a lungo termine.

“L’Iran rimarrà in questa situazione a lungo termine”, ha affermato Samir Madani, co-fondatore di Tankertrackers.com, un servizio online indipendente che tiene traccia delle spedizioni di petrolio greggio in diversi punti di interesse geografico e geopolitico.

L’Iran ha stabilito che la MSC Aries ha un collegamento con Israele. La nave portacontainer ha una capacità di carico di 15.000 TEU (container equivalenti a venti piedi). La nave è stata noleggiata da MSC, ma è di proprietà di Zodiac Maritime, una filiale del miliardario israeliano Eyal Ofer.

READ  Aggiornamenti in tempo reale dell'Ucraina: la Russia afferma che si sta ritirando dalla città di Kherson

MSC ha rifiutato di commentare.

Madani ha detto che non si aspetta un rilascio rapido o negoziato. “Tratterranno la MSC Aries per molto tempo. L'Iran trattiene alcune petroliere da circa un anno, se non di più”, ha detto.

Secondo le informazioni di TankerTracker, Madani ha detto che la nave si trovava nello stretto del Corano, non lontano da altre tre petroliere dirottate dall'Iran: Advantage Sweet, Niovi e San Pietroburgo.

Un'immagine satellitare di Planet Labs della posizione della nave MSC Aries e di altre navi cisterna recentemente dirottate dall'Iran.

Planet Laboratories PBC

Mentre gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di imporre ulteriori sanzioni all’Iran in risposta al suo recente attacco a Israele, l’Iran sta utilizzando le navi dirottate come mezzo di ritorsione per le sanzioni.

“L'Iran ha già sequestrato il petrolio kuwaitiano che era a bordo della nave Advantage Sweet e caricato sulla superpetroliera Navarz. L'Iran ha scelto di farlo come un modo per compensare le sanzioni”, ha detto Madani.

Mentre la Newvi era vuota al momento della sua cattura, la St. Nicholas era piena di un milione di barili di petrolio iracheno.

Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha detto martedì che il governo potrebbe fare di più per bloccare la capacità dell’Iran di esportare petrolio nonostante le sanzioni statunitensi. Gli acquisti di petrolio iraniano da parte della Cina negli ultimi anni hanno consentito all'Iran di mantenere le proprie riserve petrolifere Saldo commerciale positivo.

Secondo l’Agenzia americana per l’informazione sull’energia, la Cina, il più grande importatore mondiale di petrolio greggio, Importava 11,3 milioni di barili al giorno di petrolio greggio Nel 2023, il 10% in più rispetto al 2022. L’Iran è al secondo posto nelle esportazioni di petrolio verso la Cina dopo la Russia. I dati doganali indicano che la Cina ha importato il 54% in più di petrolio greggio (1,1 milioni di barili al giorno) dalla Malesia nel 2023 rispetto al 2022, con Analisti del settore Si ipotizza che gran parte del petrolio spedito dall’Iran alla Cina sia stato riclassificato come proveniente da paesi come Malesia, Emirati Arabi Uniti e Oman per evitare ciò. Sanzioni americane.

READ  L’alleato di Putin offre all’Ucraina un pacchetto di aiuti salvavita

I mercati continuano a valutare i rischi di un’ulteriore escalation delle tensioni militari tra Israele e Iran, che potrebbe portare all’interruzione dello Stretto di Hormuz, attraverso il quale, secondo JPMorgan, passa circa il 30% del petrolio mondiale trasportato via mare. Martedì i prezzi del petrolio sono aumentati in mezzo alle voci sulle sanzioni.

Un blocco iraniano farebbe salire i prezzi del petrolio, ma il rischio è basso dato che lo stretto non è mai stato chiuso nonostante le numerose minacce di Teheran in tal senso negli ultimi quattro decenni, secondo JPMorgan.

“Non possono chiudere lo Stretto di Hormuz, ma possono arrecare danni significativi alle infrastrutture energetiche e alle navi nella regione”, ha detto lunedì alla CNBC Helima Croft, responsabile della strategia globale sulle materie prime e della ricerca su Medio Oriente e Nord Africa presso RBC. In riferimento alle capacità dell'Iran.

“Anche se non riesco a immaginare che l’Iran voglia riempire i suoi ancoraggi di navi, vuole mantenere le acque in un costante stato di caos”, ha detto Madani. Ma in conclusione ha detto: “Si spareranno sui piedi perché il loro più grande cliente è la Cina”.

Andy Lipow, presidente di Lipow Oil Associates, afferma che la chiusura dello Stretto di Hormuz spingerà i prezzi del greggio Brent nella fascia compresa tra 120 e 130 dollari. “Ciò metterebbe a dura prova le relazioni con Cina e India, che acquistano grandi quantità di petrolio del Golfo Persico per soddisfare la maggior parte del loro fabbisogno energetico”.

Lippo ha anche affermato che l’Iran potrebbe essere riluttante a chiudere il corso d’acqua per paura di inimicarsi l’Arabia Saudita, il Kuwait e l’Iraq, che dipendono dall’apertura dello stretto per la maggior parte delle loro esportazioni di petrolio. Ha detto che il più grande timore immediato nel mercato petrolifero è che l'attacco lanciato dall'Iran sul territorio israeliano porti ad un contrattacco da parte di Israele contro l'Iran che danneggerebbe la produzione di petrolio e le strutture di esportazione.

READ  La battaglia ucraina di Sievierdonetsk imperversa per le strade della città

Kevin Book, amministratore delegato di ClearView Energy Partners, afferma che i mercati devono tenere d’occhio le potenziali sanzioni sia degli Stati Uniti che delle Nazioni Unite.

In una nota ai clienti, ClearView ha sottolineato che la Camera dei Rappresentanti ha aggiunto alla sua agenda diversi progetti di legge sulle sanzioni contro l’Iran da esaminare questa settimana, in base alle regole di sospensione, comprese nuove sanzioni sulle esportazioni di petrolio iraniano verso la Cina. Book ha detto che la Camera dei Rappresentanti sta studiando 11 progetti di legge in risposta all'attacco iraniano contro Israele.

“Crediamo che la maggior parte, se non tutti, i progetti di legge potrebbero (ipoteticamente) ricevere un sostegno bipartisan e a prova di veto”, si legge nella nota. “L'approvazione della risoluzione richiede la maggioranza dei due terzi di tutti i membri presenti e votanti.”

Israele ha anche chiesto alle Nazioni Unite di reimporre le sanzioni multilaterali che erano state revocate in base all’accordo sul nucleare iraniano, ma affinché ciò accada, Francia, Germania e Regno Unito, parti dell’accordo sul nucleare, devono essere d’accordo. “Ci sono molti pericoli in corso”, ha detto Bock. “La foresta è in fiamme”.