Febbraio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Elezioni in Tailandia: i partiti di opposizione avanzano mentre il conteggio continua

Elezioni in Tailandia: i partiti di opposizione avanzano mentre il conteggio continua

  • Scritto da Thomas Mackintosh
  • notizie della BBC

didascalia foto,

Il leader di Move Forward, Peta Limjaroonrat, ha lanciato una campagna con un messaggio semplice ma potente: “La Thailandia ha bisogno di cambiamento”.

Gli elettori thailandesi hanno respinto il governo sostenuto dai militari poiché i due partiti di opposizione sembrano essere sull’orlo dei colloqui di coalizione.

I risultati preliminari mostrano che i partiti Movement Forward e Pheu Thai sono alla guida del primo ministro Prayuth Chan-ocha.

Le elezioni sono state descritte come un punto di svolta per la Thailandia, che negli ultimi anni ha assistito a colpi di stato militari.

Prayuth ha guidato l’ultimo colpo di stato nel 2014 e ha cercato un altro mandato.

Ma ha dovuto affrontare forti sfide elettorali da parte di Move Forward e Pheu Thai, due partiti antimilitari.

Move Forward è guidato dall’ex dirigente tecnologico Peta Limjarronrat, mentre Paetongtarn Shinawatra – figlia dell’ex primo ministro Thaksin Shinawatra – è il candidato Pheu Thai.

Dopo che il 97% dei voti è stato contato, un conteggio Reuters basato sui dati della Commissione elettorale ha indicato che il Movimento in avanti avrebbe vinto il maggior numero di seggi, seguito da Pheu Thai al secondo posto.

Peta ha descritto il risultato come “entusiasmante” e ha promesso che il suo partito sarebbe rimasto contrario ai partiti sostenuti dai militari durante la formazione di un governo.

Il leader di Pheu Thai Paetongtarn Shinawatra si è congratulato con Move Forward per il loro successo e ha detto “possiamo lavorare insieme”.

“Siamo pronti a parlare con ‘la via da seguire’, ma stiamo aspettando l’esito ufficiale”, ha aggiunto.

didascalia foto,

Paetongtarn Shinawatra, candidata al primo ministro tailandese di Pheu, è la figlia dell’ex primo ministro Thaksin Shinawatra.

Il conteggio dei voti è iniziato dopo la chiusura dei seggi elettorali alle 17:00 (10:00 GMT) di domenica, nove ore dopo l’inizio delle votazioni in 95.000 seggi elettorali in tutta la Thailandia.

Si prevedeva che circa 50 milioni di persone avrebbero votato per eleggere i 500 membri della camera bassa del Parlamento – e circa 2 milioni di persone hanno votato in anticipo.

La Commissione elettorale non dovrebbe confermare ufficialmente il numero finale di seggi conquistati da ciascun partito per diverse settimane.

Ma segna un cambiamento importante nell’opinione pubblica thailandese, dove gli elettori di tutte le età sembrano pronti a rischiare con politici giovani, idealisti e relativamente inesperti.

didascalia foto,

Il primo ministro Prayuth Chan-ocha, il capo dell’esercito che ha guidato l’ultimo colpo di stato nel 2014, cerca la rielezione.

Alcune settimane dopo, un partito pro-militare formò il governo e nominò Prayuth come suo candidato a primo ministro in un processo che l’opposizione definì ingiusto.

Quasi 70 partiti hanno contestato queste elezioni, inclusi molti grandi partiti, e nessun partito ha ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi alla Camera dei rappresentanti.

La costituzione, che è stata scritta mentre la Thailandia era sotto il governo militare, ha creato il Senato nominato da 250 seggi, che ha il diritto di votare sulla selezione del prossimo primo ministro e gabinetto.

Dal momento che tutti i senatori sono nominati dai golpisti, hanno sempre votato per l’attuale governo allineato con i militari, e mai per l’opposizione.

Quindi, tecnicamente, un partito senza l’appoggio del Senato ha bisogno di una maggioranza assoluta di 376 seggi su 500, che è un obiettivo irraggiungibile.