Ottobre 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Ecco cosa dicono gli investitori mentre la crisi in Ucraina si intensifica

Ecco cosa dicono gli investitori mentre la crisi in Ucraina si intensifica

(Bloomberg) — Mentre il conflitto in Ucraina si intensifica e le conseguenze delle sanzioni più severe alla Russia si riverberano sui mercati globali, gli investitori si stanno affrettando a tenere il passo.

I più letti da Bloomberg

Lunedi sono aumentati i beni rifugio come obbligazioni, oro e dollaro USA, mentre il sentimento di rischio classico come il dollaro australiano si è attenuato. Anche le valute dei mercati emergenti sono state sotto pressione, con il rand sudafricano e la lira turca in calo. I futures su azioni statunitensi ed europee sono scesi. I prezzi del greggio sono aumentati.

Gli investitori si trovano ad affrontare un forte aumento dei prezzi delle materie prime globali oltre all’inflazione già elevata e al rallentamento della crescita globale dopo la ripresa dalla pandemia. Stanno anche cercando di farsi un’idea di come le banche centrali possano ripristinare la politica monetaria per far fronte alle sfide.

Questo è ciò che un gruppo di strateghi e investitori ha da dire sull’evoluzione della situazione tra le classi di attività.

Non c’è tempo per comprare lo snorkeling

Saxo Capital Markets mantiene una posizione difensiva sui titoli e vede un continuo rally dei titoli energetici, minerari e delle materie prime.

“Potrebbe non essere il momento di acquistare il calo, ma essere selettivi riguardo ai titoli e ai mercati che potrebbero trarre vantaggio dal peggioramento delle tensioni geopolitiche e da un rimbalzo delle materie prime”, ha scritto in una nota Jessica Amir, analista di mercato a Sydney.

Amir si aspetta che le azioni statunitensi scendano ulteriormente dato che “c’è molta incertezza nell’aria” e “l’inflazione è ai livelli più alti degli ultimi decenni ed è destinata a peggiorare”.

READ  Wall Street si prepara ad aprire al rialzo e il prezzo del petrolio estende le perdite

colpire per crescere

Rajiv de Mello, global macro portfolio manager, ha affermato che Gama Asset Management ha aumentato alcune delle sue coperture vendendo l’euro dopo l’aumento delle sanzioni occidentali contro la Russia.

L’aumento dei prezzi dell’energia influenzerà la crescita europea e la fiducia sarà scossa. La Banca centrale europea sarà più lenta nel normalizzare la sua politica monetaria rispetto alle altre banche centrali”.

La banca centrale “incompetente”.

La banca centrale russa potrebbe diventare “impotente” per difendere il rublo se le sanzioni dovessero funzionare, secondo gli strateghi della National Australia Bank.

Ray Atrell, Head of FX Strategy, ha dichiarato: “Anche se non è chiaro esattamente cosa significhi in pratica, il CBR è stato sanzionato con l’intento di negargli l’accesso illimitato a[$ 643 miliardi di dollari]di riserve FX”. , Mercati, ha scritto in una nota. “Se la CBR non ha accesso alle riserve, non sarà in grado di proteggere il rublo russo da una caduta libera”.

Decisioni monetarie difficili

“Dal punto di vista della politica monetaria, questo conflitto segnala un ulteriore deterioramento dei già difficili compromessi tra crescita e inflazione che le banche centrali devono affrontare, rendendo le decisioni future particolarmente difficili”, ha affermato Silvia Dal Angelo, capo economista di Federated Hermes. Nota.

“Nel contesto attuale di inflazione già elevata e preoccupazioni per gli effetti del secondo round, è probabile che le banche centrali continueranno a rimuovere lo stimolo monetario”, ha affermato. Ma i rischi al ribasso derivanti dal contesto geopolitico significano che è probabile che prosegua gradualmente e con cautela. È giusto dire che la crisi sta aumentando la portata degli errori di politica della banca centrale”.

READ  Elon Musk sta seriamente considerando di costruire una nuova piattaforma di social media

Banche europee sotto pressione

“Le banche europee potrebbero subire una certa pressione lunedì a causa dell’esposizione russa e delle preoccupazioni su cosa significherebbe se i pagamenti fossero limitati”, hanno scritto in una nota gli strateghi di TD Securities, incluso Rich Kelly.

“Le banche austriache sono le più esposte, con le parti russe che rappresentano l’1,6% delle attività bancarie, seguite dall’Italia lo 0,6% e dalla Francia lo 0,2%”, hanno scritto. “Ci si aspetta che la Banca centrale europea fornisca ampia liquidità e le autorità nazionali forniscano supporto e tolleranza adeguati per gestire queste esposizioni”.

È difficile essere brevi

“Anche se non stiamo facendo una chiamata lunga, è difficile essere short sul mercato a lungo termine (di nuovo, stiamo assumendo conseguenze non disastrose)”, hanno affermato in una nota i 22V Research Strategists guidati da Denis Debuchere. Il sentimento di riacquisto e dividendo rimane a livelli molto elevati, il che supporta il futuro rendimento in contanti. Inoltre, dividendi e riacquisti, come percentuale del flusso di cassa operativo, non sono elevati”.

“In conclusione, essere paralizzati da guadagni lenti e inasprimento delle condizioni finanziarie è molto più difficile ora. Essere bassi perché hai una forte visione dei prezzi del petrolio che salgono a $ 150 mentre la Russia cresce ulteriormente, crolla e trascina l’Europa in una profonda recessione, è un storia diversa”.

Guardando le fluttuazioni quotidiane passate

“È probabile che i mercati asiatici mostrino una significativa volatilità giornaliera, ma date le tendenze a lungo termine, non è irragionevole iniziare ad acquistare”, ha affermato Jung Sang Jin, senior equity manager di Korea Investment Management. Ogni sviluppo è a breve termine. “

La preoccupazione più grande, ha detto Jung, è se le pressioni inflazionistiche continueranno per tutta la seconda metà dell’anno, ma in caso contrario “possiamo ignorare altri fattori a breve termine”.

READ  La Securities and Exchange Commission punta alle SPAC con nuove regole su previsioni e fusioni

picco di infezione?

“L’avversione al rischio associata al conflitto potrebbe aver già raggiunto il picco”, hanno affermato in una nota gli strateghi di JPMorgan Chase & Co., guidati da Mixo Das. “I mercati tendono a sopravvalutare le incognite note, e questo porta al consueto schema di ‘truth buying’. Sebbene l’entità dell’invasione fosse peggiore del temuto, la mancanza di una rapida vittoria per la Russia probabilmente ha ridotto il potenziale di propagazione del conflitto”.

Das ha aggiunto che gli investitori devono ricordare che Russia e Ucraina rappresentano meno del 2% del PIL globale e che l’esposizione delle banche globali alla Russia è inferiore a $ 100 miliardi.

Siepi con energia

“Il rischio più grande di questa crisi è l’interruzione dell’energia”, così come l’impatto sul cibo e su altre materie prime globali, ha dichiarato a Bloomberg TV Ben Emmons, analista macroeconomico globale presso Medley Global Advisors. “Vuoi posizionarti in quella direzione, aziende che si concentrano su diverse materie prime, inclusa l’energia”, ha detto.

Ha aggiunto che altre società potrebbero annunciare la vendita di investimenti sulla scia del piano di BP di rinunciare alle sue azioni nella più grande compagnia petrolifera russa, Rosneft PJSC. Emmons ha affermato che è probabile che inizialmente le società energetiche statunitensi facciano molto meglio delle società europee.

(Aggiornamenti con commenti aggiuntivi da Saxo, GAMA Asset)

I più letti Bloomberg Businessweek

© Bloomberg LP 2022