Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

È stato identificato un antenato coccodrillo di 215 milioni di anni che è antecedente ai dinosauri

È stato identificato un antenato coccodrillo di 215 milioni di anni che è antecedente ai dinosauri

La recente identificazione di fossili di una specie di antichi antenati coccodrilli pesantemente corazzati, noti come etosauri, offre uno sguardo sul nostro mondo 215 milioni di anni fa.

Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'Università del Texas ad Austin e pubblicato sulla rivista Documentazione anatomica All'inizio di quest'anno, ha annunciato una nuova specie di etosauro: Garzapelta muelleri.

“A differenza dei loro parenti dinosauri, gli etosauri non sono il gruppo di animali di cui si parla comunemente”, ha detto ad ABC News William Reyes, uno studente di dottorato presso la UT Jackson School of Geosciences che ha condotto lo studio.

Gli etosauri sono una specie simile ai moderni coccodrilli vissuti durante il periodo Triassico, da 229 milioni a 200 milioni di anni fa, che ha preceduto il periodo giurassico, secondo i ricercatori, che notano anche che fossili di etosauri sono stati scoperti in tutti i continenti tranne l'Antartide e l'Australia . .

Secondo i ricercatori, il carapace dorsale fossilizzato di Garzapelta muelleri – la dura placca corazzata che ne ricopre la schiena – è completo al 70%, con grandi pezzi dalla regione del collo e delle spalle fino all'estremità della coda intatti.

Ha detto William Reyes, uno studente di dottorato presso la UT Jackson School of Geosciences che ha condotto lo studio, che è stato pubblicato a gennaio. Phys.org Lunedì i risultati sono notevoli perché “di solito si trova materiale molto limitato”.

Secondo lo studio, la parte esterna dello scheletro di Garzapelta è chiamata osteoderma, che consiste di robuste placche rocciose e calli ricurvi, entrambi fatti di ossa.

READ  Il mammut lanoso ritorna. Dovremmo mangiarli?

“Prendi un coccodrillo moderno e trasformalo in un armadillo”, ha detto Reyes alla pubblicazione, descrivendo l'antica creatura.

Lo studio ha scoperto che i fossili di garzapelta risalgono a 215 milioni di anni fa e che la specie era in gran parte carnivora, il che contrasta con il suo cugino moderno, il coccodrillo carnivoro.

Il nome Garzapelta muelleri è un riferimento alla contea di Garza, nel nord-ovest del Texas, dove è stato scoperto il fossile, mentre “pelta” è la parola latina per armatura, riferendosi al guscio simile ad un'armatura di questa specie. La seconda metà del nome, Muelleri, è un riferimento a Bill Mueller, il paleontologo della Texas Tech che inizialmente scoprì lo scheletro fossilizzato di Aetosaurus con il collezionista amatoriale locale Emmett Shedd nel 1989, secondo Reiss, che notò la morte di Mueller nel 2019.

“Hanno trovato il fossile un giorno mentre scavavano nel terreno”, ha detto Reyes alla ABC News. “Hanno notato alcuni frammenti ossei sulla superficie e hanno deciso di scavare, e si sono resi conto di aver trovato un'armatura associata a un grande etosauro.”

Dopo la morte di Mueller, Reyes ha detto che i colleghi del defunto scienziato “si sono incontrati per finire alcuni dei progetti di Bill, poiché stava lavorando su materiale molto importante”.

Per determinare che Garzapelta è in realtà una nuova specie di etosauro, i ricercatori hanno confrontato lo scheletro con quelli di antichi etosauri simili.

READ  La trasmissione laser spaziale colpisce la Terra da 140 milioni di miglia di distanza: NASA

“Il carapace di G. muelleri mostra un sorprendente grado di somiglianza tra il carapace del paratipothoracine Rioarriba suchus chamaensis e quello del desmato suchins”, hanno detto i ricercatori nello studio.

Tuttavia, secondo Reiss, le caratteristiche uniche dello scheletro di Garzapelta, dalla formazione delle placche osteodermiche ai segni distintivi e alle creste sulle ossa della specie, lo rendono nettamente diverso dai suoi parenti etosauri.

“Fin dalla sua scoperta originale, molti specialisti di etosauri sono rimasti perplessi sull'identità tassonomica di Garzapelta”, ha detto Reyes. “Tutti erano d’accordo sul fatto che si trattava davvero di una nuova specie perché mostrava molte caratteristiche uniche”.

Reyes ha parlato dell'impatto delle sue scoperte, dicendo: “Garzapelta è un ottimo esempio di quanto siano straordinari questi animali, ed è fantastico essere nella posizione di presentare al pubblico i 'carri armati mobili' che esistevano milioni di anni prima”. anchilosauridi”. Dinosauri.”