Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Donovan Mitchell riflette sul tempo allo Utah prima della prima partita contro i Jazz: "Mi stava prosciugando le energie"

Donovan Mitchell riflette sul tempo allo Utah prima della prima partita contro i Jazz: “Mi stava prosciugando le energie”

usatsi

Non esiste una città perfetta nella NBA, ma un mercato che sembra costantemente creare problemi tra giocatori e tifosi è Salt Lake City. il Jazz dell’Utah Suonano lì da più di quattro decenni, ma il filo conduttore all’epoca sono i giocatori che esprimono frustrazione per le azioni dei loro fan lì. Russell Westbrook e Ja Morant hanno avuto entrambi incontri con questi fan negli ultimi anni, ma anche gli stessi giocatori dello Utah hanno avuto difficoltà a interagire con loro.

Donovan Mitchell è uno di quei giocatori. Ha trascorso le prime cinque stagioni della sua carriera nello Utah, ma ora è un membro del Cavalieri di ClevelandParla del modo in cui i fan della sua città venivano trattati in NBA.

“Non è un segreto che ci siano molte cose con cui ho avuto a che fare nello Utah che è lontano dalla Terra”, ha detto Mitchell. Mark J Spears di Andscaped. “Se devo essere onesto con te, non l’ho mai detto, ma è stato estenuante. Stava prosciugando la mia energia solo perché non potevi sederti nella tua stanza a fare il tifo per me e poi fare tutte queste cose diverse. Non sono dicendo nello specifico ogni fan, ma sento che c’erano molte cose [Utah] senatore dello stato [Stuart Adams] Dico che ho bisogno di conoscere la mia storia nera. Vedere bambini neri vittime di bullismo a causa del colore della loro pelle. Vedi una bambina [Isabella Tichenor] Si impicca perché è vittima di bullismo.

Ora che Mitchell ha suonato in una Cleveland più diversificata, la definisce “una benedizione tornare con persone che mi assomigliano”. Ha anche raccontato la storia di un’interazione particolarmente stressante con un agente di polizia. Mitchell ha spiegato: “Sono stato fermato una volta. Ho preso un poliziotto finché non gli ho dato la mia carta d’identità”. E questo mi ha fatto chiedere per sempre cosa succede a un ragazzino nero nello Utah che non ha il potere di dire, ‘Questo è quello che sono.'” E questa è stata una delle cose che ho preso molto sul serio.

Purtroppo, il razzismo esiste in ogni mercato della NBA e, di fatto, in tutti gli Stati Uniti. Non può essere completamente evitato. Ma le storie di Mitchell sullo Utah non sono esclusive della sua esperienza lì. Diversi giocatori hanno espresso problemi con i tifosi a Salt Lake City. Mitchell è contento di aver trovato una nuova casa, ma è un peccato che abbia dovuto affrontare questi problemi in primo luogo.

READ  I Washington Capitals hanno selezionato Ryan Leonard con l'ottava scelta assoluta nel Draft NHL 2023