Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Donne etrusche, “matrone liberate” dell’antica Italia

I greci li vedevano come bevitori spudorati, mentre i romani pensavano che fossero lussuriosi. Ma dietro questi scandali, l’élite femminile dell’Etruria godeva di alcune libertà eccezionali per il suo tempo, come mostra la storica Mary-Lawrence Hawke nel suo nuovo lavoro.

Con chi stanno ancora parlando? Etruschi ? Non lontano dalla penisola mediterranea dove si trova l’ombelico di questa civiltà italiana, risuonano in affascinanti echi i nomi dei popoli laziali, toscani e campani che un tempo vissero. Per molti l’Etruria fa scattare, come Assiria o come Bisanzio, Dipinti stranieri e, forse, lontano ricordo della Necropoli dipinta e degli ultimi re di Roma. Sotto l’apparenza dei secoli, e malgrado i duri resoconti dei loro contemporanei e dei loro discendenti, gli Etruschi non furono meno moderni nell’antichità. Le donne, in particolare, possono godere a lungo di una latitudine senza pari nell’Italia romana.

Vai a una festa con tuo marito, o vai agli eventi in città, sotto l’ombrellone, a volte a corse di carri, a volte a scazzottate tra valorosi atleti; Come testimonia la decorazione delle tombe etrusche di Targunia o Ciucci, queste attività ceramiche per il nostro tempo erano già diffuse nell’Italia centrale quasi 2.500 anni fa. Tuttavia, questa libertà concessa alle donne non è stata presa nel mondo antico, a metà del primo millennio aC. Secoli prima della lotta contemporanea contro la parità di retribuzione per il genere o la violenza contro le donne, tale coraggio ha gettato nella disperazione i vicini greci dell’Etruria.

Fama di zolfo

Abuso con una vita sedentaria per alcuni, cattivo e bevitore da esibizione per altri; Tra gli antichi scrittori si ritiene che le donne etrusche avessero il più basso contenuto di zolfo. In IVe Secolo a.C., lo storico greco Theobombe ispira con parole rozze la licenza delle feste etrusche, dove le donne, “Grandi enigmi”, È venuto a condividere il bere degli uomini. Prima di infilarsi, nudi, sotto le vesti dei loro mariti, anche Aristotele cita. Le scene diffamatorie dell’antica Grecia patriarcale, in questi momenti di civiltà della società non possono che essere prostitute straniere in patria, quindi maschi. “I greci avevano una visione particolare della famiglia in cui le donne dovrebbero essere al loro posto, cioè a casa, nella loro casa., Spiega la storica Mary-Lawrence Hawke, ateroscologa e professore alla Jules Verne University in PiccardiaTrovare Degli Etruschi (Ed. La Decoverte). È un modo per mantenere un ordine morale e per dire ai greci: “Aspettate le vostre donne, non siate come gli Etruschi”. Sottolinea anche le loro differenze con i loro vicini barbari”.

Sarcofago in terracotta policroma di Lardia Ciandi. Datato IIe Questa scultura etrusca, conservata nel Museo Archeologico di Firenze nel V secolo aC, è stata rinvenuta in una necropoli alla periferia dell’antica città di Cioux. Si riferisce a un’aristocrazia sdraiata su un letto di banchetto. Louisa Ricciarini / Limage

Questo doppio discorso, volto a screditare il prossimo, mantiene l’ordine fuori, dentro e dentro la casa, perdurando tra scherni e ammonimenti estremi nel mondo romano. Alla fine del IIIe Secolo aC, Platone deride il commercio del corpo femminile così praticato in Toscana. La Cassetta, Il senatore Catone il Vecchio insorse contro il potenziale sistema politico delle donne nel 195 aC, quando l’intera Italia, comprese le città etrusche, iniziò a passare sotto il dominio romano. “Cato ha cercato di preservare l’ordine morale e le influenze straniere non dovrebbero essere autorizzate a distorcere Roma”., Nota il falco di Mary-Lawrence.

READ  L'Italia impone la tessera sanitaria a tutti i dipendenti

Dietro le oltraggiose caricature dei loro vicini italiani o egei, le donne etrusche avevano dei margini di libertà che il mondo antico non aveva mai visto prima. impero romano. “Avevano una chiara forma di autonomia giuridica, sottolinea Mary-Lawrence Hawke. Oltre alle feste, possono partecipare a sport, cosa non possibile nella maggior parte dei paesi del mondo greco. Le donne etrusche avevano non solo il cognome che ricevevano dal padre, ma anche il nome. Questo periodo è compreso tra VIII, rispetto ai romani o ai grecie E ioC’è Secolo aC, era l’eccezione.

Strategie per la famiglia

Tuttavia, non vedere una sorta di femminilità nelle sue pratiche prima del tempo. In Etruria, come altrove, le relative libertà femminili non sono concesse indifferentemente. Nello stesso modo Ramo, L’educazione all’atletica e il matrimonio di donne successive – circa 18 anni contro i 14 in altre parti della Grecia – con l’obiettivo di dare alla luce piccoli spartani forti, la visione delle donne etrusche e delle loro famiglie, al marito , ha permesso di aumentare l’ereditarietà. Per evidenziare sua moglie e una preziosa alleanza.

L’arte etrusca ha più di una volta, mai mostrato austerità nelle rappresentazioni di coppie, per cui il fine indiretto non nega l’affetto. Uno degli esempi più noti è il sarcofago degli sposi al Museo del Louvre, che rappresenta una veduta dell’intimità del matrimonio. La scultura presenta un’urna monumentale, con un uomo sdraiato accanto a una donna a torso nudo, elegantemente vestita, con un braccio intorno a lui. Risalente alla fine del VIe Nel secolo aC, entrambi i morti portavano il solito sorriso dell’antichità. Esprimi il senso ideale di un legame felice sopra ogni altra cosa.

READ  La Francia si unisce all'Italia per raggiungere la finale
Il sarcofago degli sposi è conservato al Museo del Louvre (fine VI secolo).e secolo AV. J.-C.). Louisa Ricciarini / Limage

“Numerose immagini, dipinti e statue mostrano donne etrusche sedute su un piano di parità con i loro mariti”., sottolinea Mary-Lawrence Hawke. Almeno nell’aristocrazia, la presenza delle feste femminili etrusche rende la moglie un attore nella vita sociale e politica, tratto che perde sotto la dominazione romana. Quanto al funerale di una coppia unita in un rapporto di uguaglianza e affetto, va visto come una celebrazione dell’ideale matrimoniale quasi a due teste, contrapposto al personaggio centrale proprietario terriero romano.

Una delle più belle rappresentazioni di questa prelibatezza nuziale si trova sul coperchio del sarcofago etrusco del Museum of Fine Arts di Boston; Gli sposi si allungano sotto un lenzuolo teso, occhi negli occhi, le mani perse l’una nell’altra. “Questa scena è così sorprendente e davvero eccezionale per questo periodo dell’antichità.”, sottolinea Mary-Lawrence Hawke. Tuttavia, come fa notare lo storico, nel mondo antico il tatto e la gestualità erano gli affetti più rari del matrimonio, dove gran parte dello spazio emotivo passa attraverso le parole, soprattutto nei riti funebri.

Negli ultimi secoli prima della nostra era, molti profili etruschi sono scomparsi con la progressiva romanizzazione dell’Italia centrale. Il ricordo delle pause di libertà vissute dalle donne dell’Etruria è rimasto. Famoso personaggio dell’aeroscologia francese del Novecentoe Secolo, lo storico latino Jack Hergan non ha mancato di sorprendere Livio, era alla fine di IC’è Secolo aC, afferma che queste donne erano oziose in città e spesso andavano all’estero. La critica a queste libertà non precludeva alle matrone romane di conservare il diritto di assistere ai concerti.

READ  Springbox domina la Scozia, Poomas vince in Italia