Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Decisione di estradarlo in Italia il 24 novembre

L’AFP ha appreso mercoledì da una fonte giudiziaria che la Corte d’Appello di Parigi deciderà sul suo arresto in Francia il 24 novembre e deciderà sulla consegna di un uomo pakistano sospettato di aver ucciso sua nuora in Italia. Dopo essere stato rinviato al 20 ottobre per motivi pratici, il danese H.C. È comparso di nuovo in tribunale mercoledì.

In questo caso, che ha generato attenzione e rabbia in Italia, si descrive“Profilo più alto” Dal tribunale, il danese h. Uno dei cinque membri della famiglia di Saman Abbas, una giovane donna di 18 anni, è sospettato di essere coinvolto nel suo omicidio. Il corpo non è stato trovato. Il 20 ottobre, il tribunale ha ordinato al danese H.C. “Questa giovane donna è stata accusata di averla rapita e uccisa in un campo”. Mentre l’ufficio del pubblico ministero ha chiesto che l’Italia si arrendesse, il suo avvocato, la signora Laila Syedi, si è opposto, sostenendo che il procedimento non era valido.

Saman Abbas, che vive a Novellara, vicino Bologna, nel nord Italia, nel 2020 ha respinto la richiesta della sua famiglia di sposare un parente in Pakistan. Minore, è tornato ai servizi sociali ed è stato portato in un rifugio nel novembre 2020. Si è lamentato con la polizia dei suoi genitori, ma è tornato l’11 aprile per vederli. Quando la polizia ha iniziato a cercarla il 5 maggio, la casa di famiglia era vuota e i suoi genitori si erano trasferiti in Pakistan. La polizia ha trovato i filmati delle telecamere a circuito chiuso della fine di aprile, una sera tardi, di cui cinque persone hanno lasciato la casa di famiglia con pale, corvi e secchi e sono tornate due ore e mezza dopo.

READ  Mangas ed Ellis in avvicinamento, fondamentali per l'Italia

Su richiesta dell’italiano, il danese h. È stato arrestato il 22 settembre in un appartamento a Corques-Les-Cones. Davanti all’aula del processo, durante la prima udienza del 29 settembre, il danese H.C. Ha sostenuto le accuse contro di lui in Punjabi: “Non ho niente a che fare con questo, è tutto sbagliato.” “Qualcuno mi ha visto lì?” Sono uscito di casa?”, Era particolarmente contrario. H. danese da consegnare alle autorità italiane. Rifiutato, che potrebbe ritardare la sua consegna all’Italia in caso di accordo da parte dei tribunali francesi.