Maggio 30, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Danny Bennett, figlio di Tony Bennett, nell’ultima corsa vittoriosa di suo padre – Variety

Danny Bennett, figlio di Tony Bennett, nell’ultima corsa vittoriosa di suo padre – Variety

La leggenda del pop e del jazz Tony Bennett è morto il 21 luglio all’età di 96 anni, dopo che sette anni prima gli era stato diagnosticato il morbo di Alzheimer. La sua carriera di 75 anni ha seguito una classica struttura in tre atti: un’ascesa negli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60 culminata nel suo più grande successo, “I Left My Heart in San Francisco” nel 1962; Opportunità pop perse quando il rock ha preso il sopravvento, portando a esplorazioni più profonde nel jazz; e un ritorno alla celebrità negli anni ’90 come Album dell’anno ha vinto un Grammy per “MTV Unplugged”.

Infatti, “abbiamo avuto un quarto capitolo, con Lady Gaga, che è durato 10 anni”, dice suo figlio, Danny Bennett. Danny è diventato il manager di suo padre nel 1979 e ha supervisionato uno dei più grandi ritorni della musica, che è iniziato con molteplici apparizioni su MTV, ha diretto album di duetti all-star e si è concluso con Bennett e Gaga che hanno registrato un evento speciale finale al Radio City Music Hall nel suo 95esimo.si compleanno.

Danny Bennett ha parlato con diversi Monday su suo padre, che come tutti lo chiamavano “Tony”, E festeggiare oltre che addolorarsi. Seguono estratti della nostra conversazione con lui.

In un certo senso seguiamo i desideri di Tony, ed è stato molto con i piedi per terra in tutto ciò. Tutti stavano guardando. Stiamo solo cercando di rimanere onesti con lui. Sua moglie, Suzanne, è stata meravigliosa 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Siamo tutti un po’ storditi in questo momento, ma abbiamo tutto il tempo per scoprirlo.

Questa è stata una ripresa ampia che è stata ascoltata in tutto il mondo. Con lo sfogo d’amore per quest’uomo, sapevo che aveva toccato così tante persone, ma con i commenti che avevo ricevuto dalle persone che mi avevano contattato nel corso dei decenni, ero così confuso. … Non ero sorpreso prima, ma di sicuro lo sono cuorecolpo.

Comprendeva molto bene il suo strumento. Ha fatto le scale per tutto il tempo. belcanto Era un convinto sostenitore di ciò. Anche se è un cliché, come una buona bottiglia di vino, è appena migliorato. Quando eravamo in tour con Lady Gaga, uscivano a turno e lei lo guardava tutte le sere. Tirava via il microfono e tu dicevi: “Cos’è un lavoro?Ho detto: “Il pubblico sta guardando. Ha tolto il microfono e tutti si stanno avvicinando perché vogliono ascoltarlo”. È come, “Oh mio Dio”. Il tuo istinto è di alzare la voce, ma no – disse Tony, “Vieni da me”. Questa comprensione è il motivo per cui artisti come Bill Evans, a cui non piacevano molto i cantanti, o Count Basis e Duke Ellingtons, apprezzavano questo lato di lui come musicista. Cantava tutti i giorni. Così ha fatto Gaga, motivo per cui i due erano come i piselli in un sacco – solo la loro età era diversa.

READ  La star di "General Hospital" Robyn Bernard è morta all'età di 64 anni in California

Ho sempre detto che Sinatra era come i Rolling Stones e Tony era come i Beatles. Questa scissione è avvenuta… la gente voleva portarsela a casa.

Ma Sinatra era su un piedistallo per Tony. Ha chiamato la scuola che ha fondato dopo di lui: la Frank Sinatra School of Art, ad Astoria. Ho litigato con lui per questo! Io sono così per te Eredità!” E lui disse: “No, è quello che fai. Onori i tuoi mentori.” Era sempre così umile.

Ha sempre voluto indossare una cravatta, per essere diverso (dai suoi coetanei). Parla di come Lenny Bruce ha detto: “Non c’è niente di più triste di un vecchio gatto”. Quindi, quando c’è stato il grande terremoto a Los Angeles, lui alloggiava al Peninsula Hotel; Erano le 3 del mattino e avevano evacuato l’albergo e tutti erano fuori in media a Little Santa Monica. Sono tutti in pigiama e c’è Tony in giacca e cravatta!

Negli anni ’50, lui e Mitch Miller [Bennett’s mentor at Columbia Records] litigare all’impazzata. Erano cani e gatti. A merito di Mitch, “A causa di te” e “Rass to Riches”, questi successi erano tutti i dischi di Mitch. Ma Tony voleva solo cantare jazz. Tony ha detto che quando interpretava la Paramount in quel periodo, si sentiva come se stesse facendo a pezzi il pubblico, perché voleva interpretare Duke Ellington, e pensava che fosse solo una specie di gomma da masticare, pop. Poi Mitch lo ha quasi abbandonato dall’etichetta, fino a quando non è successo “I Left My Heart in San Francisco” (nel 1962).

Mitch mi ha chiamato due mesi prima di morire, e mi ha detto: “Oh mio Dio, il jazz, è tutto ciò di cui voleva parlare. Jazz, jazz, jazz. Gli ho detto di non cantare jazz, e il jazz è qualcosa che gli ha salvato la carriera. Dovresti dirlo a Tony: mi sbagliavo”. E io ero tipo, wow, okay. OK. Mi sono incontrato con Tony un paio di giorni dopo e ho detto: “Ehi, a proposito, Mitch Miller ha chiamato e voleva che te lo dicessi…” I nostri incontri spesso lo disegnavano mentre parlavo… Ho detto: “Mitch voleva dirti che aveva torto”. E Tony non mi ha nemmeno guardato. Ha solo detto: “Dimmi qualcosa di nuovo”.

READ  Il campione assoluto wXw Andy muore a 40 anni; Gunther e gli altri si salutano

Dopo gli anni ’90, la gente continuava a dire che avevo contribuito a reinventarlo. Dico: non è mai cambiato. Questa non è una reinvenzione. Ho reinventato il pubblico, ma non l’ho toccato per lui. Questa è la sua bellezza. Ho visto quella visione che aveva. Odiava i dati demografici. Ma tutti dicono: “Oh, MTV. Chi l’avrebbe mai detto? “Beh, un giorno ero nel mio ufficio e lui ha messo la testa dentro e ha detto: “Ehi, guardo MTV… posso farlo”. E poi è uscito. Sapevo che questi erano i miei ordini di carriera! Quindi ho dovuto capirlo. Quando ho presentato l’idea di Tony agli MTV Awards, (in anticipo) con i Red Hot Chili Peppers, non avresti creduto alle telefonate che avevo ricevuto prima, tipo “Stai rovinando la sua carriera; stai alienando il suo pubblico”. Non so se fosse troppo sicuro di sé, ma ero tipo “Chiamami il giorno dopo lo spettacolo”.

Ha fatto MTV Unplugged dopo, e quando gli è stato assegnato il Grammy Award come Album dell’anno per l’album, so che suona banale, ma ho detto a tutti che Tony scritto al contrario è YNOT. Diceva sempre: “Quando zoppicano, voglio fare rock”.

Una volta, mentre lo mettevo in quei programmi natalizi che facevano le stazioni radio alternative. Ricordo il primo, con WHSF all’RFK Stadium di Washington nel 1995, con 60.000 ragazzini, saltellando tra PJ Harvey e Nine Inch Nails. Per lui era come se si trovasse nello spazio. Si è rivolto a me dietro le quinte e ha detto: “Lascia che ti chieda una cosa. Pensi che Frank lo farebbe?” E io ho detto: “No. Ed è per questo che sei lì”. Mi ha guardato e mi ha dato quella cosa che indicava Tony, ed è uscito e l’ha ucciso.

Ci piaceva rischiare. Ma ha corso dei rischi sul palco ogni sera. Dico sempre che non ha mai cantato due volte la stessa cosa, motivo per cui i musicisti gli vogliono tanto bene.

Fare l’atto finale con Gaga al Radio City Music Hall due anni fa è stato snervante. Abbiamo finito con questo documentario intitolato “The Lady and the Legend”, che sarà su Paramount+ a settembre, raccontando la loro relazione decennale. Quello che vedi in questo documentario non è quello che hai visto nella visione privata. Vedi dietro le quinte, dove le persone dicono “Non ha idea di dove sia”. E Gaga era, giustamente, tipo “È la cosa giusta da fare?” Ma sapevo che quando fosse arrivato a quel punto, tutti sarebbero tornati. È andata così bene che sono stato effettivamente accusato di aver detto che aveva il morbo di Alzheimer come trovata pubblicitaria, perché la gente non ci credeva. Ero nervoso, ma ho pensato: “Lo vedo nei suoi occhi. Questo è il modo in cui vuole uscire. Questo è ciò di cui ha bisogno”. E sono così orgoglioso che siamo stati in grado di farlo per lui.

READ  La vignetta di Bill sull'uomo del Wisconsin che vinse il concorso per sosia di Ernest Hemingway: NPR

La cosa bella del documentario è che intervistiamo Gaga in un momento in cui non si sentiva a posto con le cose – sai, “Artpop” e una rottura con Troy (Carter, il suo ex manager), e lei dubitava di se stessa. E guardi Tony che la nutre e le dice di andare avanti e di credere in se stessa. Alla fine, lei lo sostiene. È un cerchio completo ed è bellissimo.

Sono così entusiasta che le persone lo vedano perché acquisisci davvero una comprensione di questi due grandi artisti e della loro passione per la musica – e guarda, questo è ciò che rappresentava Tony. Ha incapsulato il sogno americano e ha dimostrato che se rimani con la tua passione, se mantieni la qualità, se ti attieni alle tue pistole, si aprono opportunità. Quindi sta a te sfruttare queste opportunità. E mostraci le possibilità, sai?

Quando stava lavorando con Amy Winehouse al loro duetto, erano amici e continuava a dire: “Devo parlarle. Devo dirle… Bill Evans mi ha chiamato prima di morire, e lui diceva: ‘Sto peccando contro il mio talento.'”

Era sempre amichevole; Non avevi sicurezza intorno a lei, non volevo niente di tutto questo. Ogni volta che passava un fan, diceva: “Non sarei qui senza di loro”. Aveva una fiducia incrollabile nel pubblico. E in questo mondo pazzo, confuso, sottosopra in cui viviamo in questi giorni, porta la sanità mentale.