Giugno 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Crypto Lender Voyager File digitali per fallimento

Crypto Lender Voyager File digitali per fallimento

6 lug (Reuters) – Voyager Digital, prestatore di criptovalute statunitense (VOYG.TO) Mercoledì, ha dichiarato di aver dichiarato bancarotta, diventando un’altra vittima di un massiccio calo dei prezzi che ha scosso il settore delle criptovalute.

I prestatori di criptovalute come Voyager hanno prosperato durante la pandemia di COVID-19, attirando depositanti con tassi di interesse elevati e un facile accesso a prestiti che le banche tradizionali raramente offrono. Tuttavia, la recente flessione dei mercati delle criptovalute, innescata dal crollo di due importanti monete a maggio, ha danneggiato gli istituti di credito.

Celsius, con sede nel New Jersey, a giugno ha congelato i prelievi e ha assunto consulenti per una potenziale dichiarazione di fallimento. Voyager ha bloccato i prelievi questo mese, così come un’altra banca, Singapore’s Fold. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La scorsa settimana, Voyager ha dichiarato di aver emesso un avviso di default all’hedge fund cripto con sede a Singapore Three Arrows Capital (3AC) per non aver effettuato pagamenti su un prestito crittografico per un totale di oltre $ 650 milioni. Leggi di più

Più tardi quella settimana, 3AC ha dichiarato fallimento secondo il Capitolo 15, che consente ai debitori esteri di proteggere i beni statunitensi, diventando uno degli investitori di spicco colpiti dal calo dei prezzi delle criptovalute. Reuters ha riferito la scorsa settimana che 3AC è ora in liquidazione. Leggi di più

“La volatilità prolungata e il contagio nei mercati delle criptovalute negli ultimi mesi e l’inadempienza su tre azioni Capital che cercano un prestito dalla sussidiaria dell’azienda, Voyager Digital, LLC, ci richiedono di intraprendere un’azione deliberata e decisiva ora”, il funzionario Stephen Ehrlich detto in una dichiarazione.

READ  Musk vende 6,9 ​​miliardi di dollari in azioni Tesla a causa dell'accordo su Twitter probabilmente forzato

Capitolo 11

Nella sua dichiarazione di fallimento secondo il Capitolo 11 di martedì, Voyager – che ha sede nel New Jersey ma quotata a Toronto – ha stimato di avere più di 100.000 creditori e tra $ 1 miliardo e $ 10 miliardi di attività e passività dello stesso valore.

Voyager il mese scorso ha firmato un accordo con la società commerciale Alameda Ventures, fondata da Sam Bankman-Fried, amministratore delegato della principale borsa FTX, per una linea di credito revolving. Un deposito presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti nel distretto meridionale di New York ha mostrato che Alameda era il più grande creditore di Voyager, con $ 75 milioni di prestiti non garantiti.

Alameda non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il capitolo 11 delle procedure fallimentari pone un freno a tutte le questioni di contenzioso civile e consente alle aziende di preparare piani di risanamento mentre l’attività continua.

In un messaggio ai clienti su Twitter, Ehrlich ha affermato che il processo proteggerà le risorse e “massimizzerà il valore per tutte le parti interessate, in particolare i clienti”.

Voyager ha dichiarato mercoledì di avere a disposizione oltre 110 milioni di dollari in contanti e risorse crittografiche proprietarie. Intende pagare i dipendenti nel modo consueto e continuare i loro vantaggi di base e determinati programmi per i clienti senza interruzioni.

Voyager ha nominato Moelis & Company e The Consello Group come consulenti finanziari, Kirkland & Ellis LLP come consulente legale e Berkeley Research Group LLC come consulente per la ristrutturazione.

Rapporti aggiuntivi di Shivam Patel a Bengaluru, Sinead Cruz e Tom Wilson a Londra; Segnalazione aggiuntiva di Anne-Maria Shipu; Montaggio di Rashmi Aish, Bradley Perrett, Alexandra Hudson

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.