Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Cosa sai questa settimana?

Cosa sai questa settimana?

Le azioni hanno chiuso un'altra settimana sfiorando i massimi storici, poiché si prevede che sarà una delle settimane più impegnative del trimestre per gli investitori.

Gli utili di cinque dei “magnifici sette” titoli tecnologici – Apple (AAPL), Alphabet (GOOGL, GOOG), Microsoft (MSFT), Amazon (AMZN) e Meta (META) – metteranno in risalto una settimana ricca di rapporti trimestrali. Secondo FactSet, in tutto, 106 società S&P 500, inclusi sei componenti del Dow Jones, pubblicheranno i loro resoconti la prossima settimana.

La Federal Reserve annuncerà la sua ultima decisione politica mercoledì pomeriggio. Gli investitori si aspettano che la banca centrale lasci i tassi di interesse invariati in un intervallo compreso tra il 5,25% e il 5,50%. Gli investitori seguiranno attentamente qualsiasi commento durante la conferenza del presidente della Federal Reserve Jerome Powell di mercoledì su quando la Fed potrebbe iniziare a tagliare i tassi di interesse.

Venerdì sarà pubblicato il rapporto sull'occupazione di gennaio, con gli economisti che si aspettano un modesto calo delle buste paga aggiuntive, mentre il tasso di disoccupazione dovrebbe rimanere stabile al 3,7%.

In altre parti del programma, importanti aggiornamenti sull’attività nei settori manifatturiero e dei servizi dell’economia, nonché gli ultimi dati sulle opportunità di lavoro, evidenziano il lato economico delle cose.

Al di fuori di Big Tech, i risultati di AMD (AMD), Starbucks (SBUX), Pfizer (PFE), CVX), Exxon Mobil (XOM) e Boeing (BA) sono in cima al calendario dei report.

Le azioni entreranno nell’ultima settimana del mese vicino ai massimi storici. Dopo un inizio d'anno difficile, l'indice S&P 500 (^GSPC) e il Nasdaq Composite (^IXIC) sono entrambi in rialzo di oltre il 2% a gennaio. Nel frattempo, il Dow Jones Industrial Average (^DJI) è cresciuto di oltre l’1%.

La narrativa del mercato è cambiata radicalmente dall’ultima volta che Jerome Powell è salito sul palco a dicembre. Gli investitori hanno prezzato in modo aggressivo il taglio a marzo e poi hanno ridotto le scommesse mentre la sorprendente crescita economica continuava a tendere al rialzo.

Ma con l’inflazione ai livelli più bassi degli ultimi tre anni, molti economisti di Wall Street credono ancora che la Fed inizierà a tagliare i tassi di interesse nel prossimo futuro.

READ  Il biglietto gratta e vinci vincente è stato venduto per $ 777.777 in una stazione di servizio di Chicago

“È tempo che i funzionari della Fed prendano i guadagni e inizino presto a ridurre la politica monetaria”, ha scritto venerdì in una nota ai clienti Andrew Hunter, vice capo economista statunitense presso Capital Economics.

Gli investitori hanno ancora scommesse contrastanti su quando arriverà questa riduzione. Venerdì pomeriggio, i mercati prevedevano una probabilità del 47% che la Fed tagliasse i tassi di interesse a marzo. Secondo FedWatch dell'ECM. Guardando avanti a maggio, gli investitori ritengono che ci sia una probabilità dell’88% che i tassi di interesse scendano entro la fine di quella riunione.

L'economista della Bank of America Michael Gapen si aspetta che la Fed modifichi la sua dichiarazione dopo la riunione con un linguaggio più neutrale riguardo alla moderazione politica, agendo come un “orientamento di fatto all'allentamento della politica”. Ma non crede che Powell e la banca centrale cambieranno completamente le loro mani per ora.

“I mercati del lavoro si sono raffreddati e l'inflazione è scesa più rapidamente del previsto in assenza di un aumento significativo della disoccupazione, ma non crediamo che la Fed sia pronta a inviare un segnale forte sulle sue intenzioni”, ha scritto Gaben in una nota a la posta. clienti venerdì.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell arriva a parlare in una conferenza stampa dopo una riunione di due giorni a porte chiuse del Federal Open Market Committee sulla politica dei tassi di interesse della Federal Reserve a Washington, Stati Uniti, il 13 dicembre 2023. REUTERS/Kevin Lamarque

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell arriva a parlare in una conferenza stampa dopo una riunione di due giorni a porte chiuse del Federal Open Market Committee sulla politica dei tassi di interesse della Federal Reserve a Washington, Stati Uniti, il 13 dicembre 2023. REUTERS/Kevin Lamarque (Reuters/Reuters)

Jabin ritiene che la Fed guadagnerà tempo per vedere più dati. Alcuni di questi dati arriveranno nei giorni successivi alla riunione della Fed.

Il rapporto sull’occupazione di gennaio sarà pubblicato venerdì alle 8:30 ET. Sebbene i licenziamenti abbiano dominato i titoli dei giornali nelle ultime settimane, gli economisti si aspettano che qualsiasi segnale di un ampio rallentamento del mercato del lavoro rimanga assente dai dati.

Si prevede che il rapporto mostri che il mese scorso sono stati aggiunti all’economia statunitense 175.000 posti di lavoro non agricoli, insieme alla disoccupazione. Secondo i dati Bloomberg è leggermente salito al 3,8%. A dicembre, l’economia statunitense ha creato 216.000 posti di lavoro mentre il tasso di disoccupazione è rimasto invariato al 3,7%.

READ  Il primo tweet NFT di Jack Dorsey è in vendita per $ 48 milioni, ottiene un'offerta di $ 280

“Nel complesso, i temi relativi al miglioramento dell'offerta, al raffreddamento della domanda e alla normalizzazione complessiva del mercato del lavoro probabilmente persisteranno a gennaio”, ha scritto il team di economisti di Wells Fargo guidato da Jay Bryson in una nota settimanale ai clienti. “Sebbene la crescita salariale abbia resistito in modo significativo di recente, ci sono molti segnali di ulteriore moderazione nei prossimi mesi. A livello netto, sempre meno industrie aggiungono personale ogni mese e le opportunità di lavoro e i piani di assunzione continuano a diminuire.”

Come se il calendario economico da solo non fosse sufficiente a tenere gli investitori sulle spine, la settimana più importante per gli utili societari di questo trimestre porrà anche le basi per come le aziende reggeranno in un contesto di tassi di interesse in aumento.

L’analisi di FactSet di venerdì mostra quanto gli utili futuri potrebbero spingere la narrativa del mercato. Escludendo Tesla, gli altri titoli tecnologici “Magnificent Seven” dovrebbero essere i sei principali motori degli utili per l’S&P 500, contribuendo ad una crescita degli utili anno su anno del 53,7%. Escludendo queste sei società, le restanti 494 società annunceranno una diminuzione dei loro profitti del 10,5%.

Cinque di queste grandi aziende – Alphabet, Microsoft, Meta, Amazon e Apple – dovrebbero riferire la prossima settimana.

Julien Emmanuel, amministratore delegato di Evercore ISI, ha descritto la reazione del prezzo delle azioni a questi rapporti come “importante per la direzione generale del mercato”.

Calendario settimanale

Lunedi

Dati economici: Attività manifatturiera della Fed di Dallas, gennaio (in precedenza -9,3)

Guadagni: Cleveland Cliffs (CLF), Philips (PHG), SOFI Technologies (SOFI), Whirlpool (WHR)

Martedì:

Dati economici: S&P CoreLogic NSA per 20 città su base annua (in precedenza 4,87%); Conference Board Fiducia dei consumatori, gennaio (112,5 previsto, 110,7 precedente) JOLTS Offerte di lavoro, dicembre (precedentemente 8,79 milioni); Attività dei servizi federali a Dallas, gennaio (in precedenza -8,7)

Guadagni: Advanced Micro Devices (AMD), Alphabet (GOOGL), Electronic Arts (EA), General Motors (GM), JetBlue (JBLU), Juniper Networks (JNP), Match Group (MTCH), Marathon Petroleum Corporation (MPC), Microsoft ( MSFT), Pfizer (PFE), Starbucks (SBUX), UPS (UPS)

READ  Activision Blizzard ha risolto una causa per discriminazione sul posto di lavoro da 54 milioni di dollari con la California

Mercoledì

Dati economici: Domande di mutuo MBA, settimana terminata il 26 gennaio (3,7%); Occupazioni del settore privato ADP, gennaio (+150.000 previsti, +164.000 in precedenza); Indice del costo del lavoro, quarto trimestre (1,0% previsto, 1,1% precedente) Decisione di politica monetaria della Fed (nessuna variazione del tasso di interesse prevista)

Guadagni: Aflac (AFL), Boeing (BA), Hess (HES), MasterCard (MA), MetLife (MET), Novo Nordisk (NVO), Philips 66 (PSX), Qualcomm (QCOM)

Giovedì

Dati economici: Tagli di posti di lavoro Challenger, anno su anno, a gennaio (in precedenza -20,2%); Costo unitario del lavoro, quarto trimestre (+2,6% previsto, -1,2% precedente); Produttività non agricola, quarto trimestre (+1,6% previsto, +5,2% in precedenza); Richieste iniziali di disoccupazione, settimana terminata il 27 gennaio (in precedenza 214.000); PMI manifatturiero globale statunitense S&P, ultimo gennaio (in precedenza 50,3); Spesa per costruzioni, su base mensile, dicembre (+0,5% previsto, 0,4% in precedenza); Indice ISM manifatturiero, gennaio (previsto 47,5, precedente 47,2); Tariffe ISM pagate, gennaio (in precedenza 45,2)

Guadagni: Apple (AAPL), Amazon (AMZN), Deckers Brand (DECK), Honeywell (HON), Meta (META), Merck (MRK), Royal Caribbean Group (RCL), Peloton (PTON), SiriusXM (SIRI), Skechers ( SKX), Tractor Supply (TSCO), Clorox Company (CLX), United States Steel (X)

Venerdì

Calendario economico: Rapporto sull'occupazione non agricola, gennaio (+175.000 previsti, +216.000 in precedenza); Tasso di disoccupazione, gennaio (3,8% previsto, 3,7% in precedenza); Retribuzione oraria media, mese su mese, gennaio (+0,3% previsto, +0,4% il precedente); Retribuzione oraria media, anno su anno, gennaio (+4,1% previsto, +4,1% in precedenza); Ore medie settimanali lavorate, gennaio (34,4 previste, 34,3 precedenti); Tasso di partecipazione alla forza lavoro, gennaio (in precedenza 62,5%); Sentiment dell’Università del Michigan, lo scorso gennaio (78,8 previsto, 78,8 precedente); Ordini alle fabbriche, dicembre (+0,5% previsto, 2,6% precedente); Ordini di beni durevoli, dati finali di dicembre (in precedenza 0,0%)

Guadagni: Chevron (CVX), Exxon Mobil (XOM), Charter Communications (CHTR)

Josh Schaeffer è un giornalista di Yahoo Finance. Seguitelo su X @_joshschafer.

Clicca qui per le ultime notizie sul mercato azionario e analisi approfondite, compresi gli eventi di movimento dei titoli

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finanza