Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Contro ogni previsione, l’Unione Europea ha accettato di avviare i negoziati di adesione con l’Ucraina

Contro ogni previsione, l’Unione Europea ha accettato di avviare i negoziati di adesione con l’Ucraina

Bruxelles — L’Unione Europea ha deciso giovedì di aprire i negoziati di adesione con l’Ucraina, un momento epocale e una sorprendente inversione di rotta per un paese in guerra che lotta per ottenere sostegno per le sue aspirazioni di adesione e che affronta da tempo l’ostinata opposizione del primo ministro ungherese Viktor Orban.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, che presiedeva il vertice di Bruxelles dei 27 leader dell’UE in cui è stata presa la decisione, ha descritto la decisione come un “chiaro segnale di speranza per i loro popoli e per il nostro continente”.

Anche se il processo tra l’inizio dei negoziati e l’adesione definitiva dell’Ucraina potrebbe richiedere molti anni, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha accolto l’accordo come una “vittoria per l’Ucraina”. “È una vittoria per tutta l’Europa.”

“La storia è fatta da coloro che non si stancano di lottare per la libertà”, ha detto Zelenskyj.

Il primo ministro belga Alexander De Croo ha detto che si tratta di un occhio nero per il presidente russo Vladimir Putin: “È un messaggio molto chiaro a Mosca. Noi europei non abbandoneremo l’Ucraina.

Orban ha affermato che la sua opposizione è rimasta ferma, ma che, essendo necessaria una decisione unanime, ha deciso di lasciare decadere il suo diritto di opposizione perché gli altri 26 erano fortemente favorevoli. Secondo le norme dell’UE, l’astensione non impedisce l’adozione della risoluzione.

Un funzionario dell’UE, che ha richiesto l’anonimato perché i negoziati del vertice erano privati, ha detto che Orban era “temporaneamente assente dalla stanza in modo costruttivo e pre-concordato” quando è stata presa la decisione.

READ  Abby Choi: Tre arrestati dopo che il corpo smembrato di una modella è stato trovato a Hong Kong

Orban ha detto di essersi dimesso perché tutti i suoi omologhi erano impegnati a mettere l’Ucraina sulla strada dell’adesione all’UE, anche se la loro posizione non gli ha fatto cambiare idea.

“Il punto di vista dell’Ungheria è chiaro: l’Ucraina non è pronta per noi ad avviare i negoziati sulla sua adesione all’Unione europea. È una decisione illogica, irrazionale e del tutto inappropriata”, ha affermato.

Altri hanno elogiato il gesto di Orban. Si stavano preparando per un vertice che alcuni temevano potesse prolungarsi per un giorno in più sabato.

“Sicuramente più velocemente di quanto ci aspettassimo”, ha detto il primo ministro irlandese Leo Varadkar.

Ha aggiunto: “In tutta onestà nei confronti del Primo Ministro Orban, ha presentato la sua causa in modo molto energico. “Non è d’accordo con questa decisione e non cambia idea in questo senso, ma sostanzialmente ha deciso di non esercitare il veto”, ha detto Varadkar.

Il leader irlandese ha aggiunto: “Rispetto il fatto che non lo abbia fatto, perché ciò ci avrebbe messo in una posizione molto difficile come Unione europea”.

De Croo, un belga, aveva una visione leggermente diversa, dicendo che credeva che Orban “non avesse usato il suo veto perché si era reso conto che era insostenibile”.

Contemporaneamente all’Ucraina, i leader dell’UE hanno deciso di avviare i negoziati di adesione anche con la Moldavia, paese vicino all’Ucraina.

Negli Stati Uniti, il Consigliere per la Sicurezza Nazionale Jake Sullivan ha accolto con favore “la storica decisione presa dall’Unione Europea di aprire i negoziati di adesione con Ucraina e Moldavia, che rappresenta un passo decisivo verso la realizzazione delle loro aspirazioni euro-atlantiche”.

READ  I talebani usano cannoni ad acqua contro le donne che protestano contro il sistema educativo in Afghanistan

Tutto ciò che rimane ora all’ordine del giorno del vertice è la promessa di dare all’Ucraina i soldi e i mezzi per evitare un’invasione russa, un altro punto all’ordine del giorno che Orban sta bloccando.

Il leader ungherese è arrivato al vertice promettendo di far fallire i piani dei suoi 26 colleghi di annunciare formalmente che i negoziati di adesione con l’Ucraina potrebbero iniziare e, più urgentemente, di negare a Kiev 50 miliardi di euro (54 miliardi di dollari) in aiuti finanziari di cui il paese ha un disperato bisogno. Per restare a galla.

“L’Unione europea sta per commettere un grave errore e deve essere fermata, anche se 26 di loro vogliono farlo, e noi siamo gli unici ad opporci”, ha detto Orban nei commenti pubblicati giovedì dal suo ufficio. “Questo è sbagliato, stiamo distruggendo l’Unione Europea”.

A Kiev questa notizia è stata accolta con cauto ottimismo.

“Noi siamo l’Europa. L’Ucraina è l’Europa, il centro dell’Europa. Voglio che abbiamo lo status di orgoglioso membro dell’Europa”, ha detto Olha Baradovska, 70 anni, residente a Kiev.

Ivan Olegko, 19 anni, ha detto che la decisione di avviare i negoziati di adesione era attesa da tempo. “Se le cose andranno bene, sarò felice, ma non sappiamo cosa succederà dopo”, ha detto.

I leader dell’UE si aspettavano che il vertice durasse almeno fino a venerdì inoltrato prima che si potesse raggiungere qualsiasi tipo di svolta, quindi il fatidico annuncio è arrivato del tutto inaspettatamente dopo che Orban non è stato bloccato dai suoi colleghi.

Un raggiante Michel è sceso nella sala stampa per il vertice in un momento non specificato e ha detto: “Questo è un momento storico e dimostra la credibilità dell’Unione europea. La forza dell’Unione europea. La decisione è stata presa”.

READ  Guerra in Ucraina: Zelenskyj afferma che la situazione a Bakhmut sta peggiorando

Ha aggiunto che i negoziati inizieranno prima di presentare un rapporto ai leader a marzo.

La sorpresa è arrivata in un momento difficile per Zelenskyj, subito dopo un viaggio di questa settimana a Washington, dove le sue richieste di maggiore aiuto da parte del Congresso degli Stati Uniti sono cadute nel vuoto. Il presidente ucraino cercava una risposta migliore a Bruxelles.

“È altrettanto importante che l’Ucraina abbia i mezzi per continuare la guerra e ricostruire il proprio Paese”, ha affermato De Croo.

Il presidente ucraino ha affermato in un discorso video ai leader riuniti a Bruxelles che l’urgente necessità di trovare una soluzione è pari solo a un potenziale colpo alla credibilità dell’Unione europea.

Nessuno vuole che l’Europa sia considerata inaffidabile. Oppure perché non è in grado di prendere decisioni, si è preparato”.

“A qualunque costo” è stata l’incessante promessa di sostegno dell’UE, i leader hanno indossato la maglia gialla e celeste dell’Ucraina e innumerevoli discorsi si sono conclusi con il grido di battaglia “Slava Ucraina”. – “Gloria all’Ucraina!”

Ancora una volta, nonostante le probabilità, l’Unione Europea ha avuto la meglio.

___

Hanno contribuito a questo rapporto gli scrittori dell’Associated Press Vasilisa Stepanenko a Kiev, Lorne Cook a Bruxelles e Justin Spike a Budapest.