Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Confessioni del patrimonio: l’Università di Harvard è stata accusata di favorire prevalentemente studenti bianchi

Confessioni del patrimonio: l’Università di Harvard è stata accusata di favorire prevalentemente studenti bianchi

fonte dell’immagine, Immagini Getty

didascalia foto,

Uno studente di Harvard tiene un cartello durante una manifestazione per protestare contro la decisione della Corte Suprema

La pratica di Harvard di dare la preferenza ai candidati universitari con legami familiari al college d’élite deve affrontare una sfida legale.

I gruppi di difesa hanno chiesto al governo di interrompere le ammissioni alle università della Ivy League.

La politica è sempre stata vista come un vantaggio per i bianchi e per i ricchi.

La denuncia federale arriva pochi giorni dopo che la Corte Suprema ha stabilito che Harvard e altri college statunitensi non possono più considerare la razza come un fattore importante nelle ammissioni.

In una decisione storica giovedì, la più alta corte della nazione ha votato 6-3 per ribaltare l’azione affermativa, una misura vecchia di decenni.

L’azione affermativa è stata a lungo sostenuta come una politica utile per aumentare la diversità nei campus universitari, ma il giudice capo John Roberts ha scritto nell’opinione della maggioranza che il processo utilizzato da Harvard e altri “seleziona vincitori e vinti sulla base del colore della loro pelle. “

Spronato dalla decisione, Lawyers for Civil Rights (LCR) – un’organizzazione no profit con sede a Boston – ha presentato lunedì una denuncia federale per i diritti civili contro l’Università di Harvard per aver dato “una preferenza speciale nel processo di ammissione a centinaia di studenti bianchi – non per qualcosa che hanno compiuto, è solo a causa dei loro parenti.”

Harvard ha rifiutato di commentare.

La denuncia cita studi pubblicati dal National Bureau of Economic Research, un think tank, che mostrano che quasi il 70% dei richiedenti legati a donazioni e eredità sono bianchi e che questi studenti hanno da sei a sette volte più probabilità di essere accettati Harvard rispetto ad altri. Candidati legacy: il rapporto NBER aggiunge anche che tra gli studenti bianchi che ottengono l’ammissione, oltre il 43% sono atleti, lasciti, quelli nell’elenco degli interessi del preside e figli di docenti e personale.

Aggiunge che queste preferenze “sono concesse senza tener conto delle qualifiche o dei meriti del richiedente” e “svantaggiano sistematicamente gli studenti di colore”.

Presentata per conto di tre gruppi che rappresentano le comunità nere e latine nell’area del New England, la denuncia chiede al Dipartimento dell’Istruzione di indagare sulle vecchie preferenze di Harvard, ritenute illegali e ordinando all’università di porre fine alla pratica se desidera continuare a ricevere fondi federali .

“Non esiste alcun diritto di nascita ad Harvard”, ha dichiarato in una nota il CEO di LCR Ivan Espinosa Madrigal. Come ha recentemente notato la Corte Suprema, “l’eliminazione della discriminazione razziale significa eliminarla completamente”.

Ha aggiunto: “Perché ricompensiamo i bambini per i privilegi e i benefici che hanno ricevuto dalle generazioni precedenti? Il tuo cognome e le dimensioni del tuo conto in banca non sono una misura di merito, né dovrebbero avere un impatto sul processo di ammissione all’università”.

La deputata Barbara Lee è d’accordo. Il California Democrat ha scritto su Twitter: “Sia chiaro: esiste ancora un’azione affermativa per i bianchi. Si chiama confessioni ereditarie”.

L’università ha dichiarato giovedì in una dichiarazione che continuerà ad accogliere “persone di diversa estrazione, prospettive ed esperienze vissute”.

Le ammissioni legacy sono già state vietate presso istituzioni tra cui l’UCLA e tutte le università pubbliche del Colorado, con diversi sforzi mirati alla pratica altrove.

Ma rappresenta ancora quasi un quarto degli studenti appena ammessi in alcune delle migliori scuole della nazione, e i sostenitori sostengono che la politica sta costruendo una forte comunità di ex studenti e una base di donatori.