Gennaio 28, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Come vedi la cometa verde durante la luna nuova?

Una cometa verdastra proveniente dal sistema solare esterno è destinata ad attraversare le vicinanze della Terra nei prossimi giorni per la prima volta in 50.000 anni.

La cometa sta diventando sempre più luminosa e raggiungerà il suo punto più vicino il 2 febbraio, quando si troverà a 26,4 milioni di miglia dal pianeta, 110 volte la distanza dalla luna. Dall’emisfero settentrionale, la cometa sarà probabilmente debolmente visibile ad occhio nudo.

Ma non devi aspettare fino a febbraio per individuare questo raro visitatore. Questo prossimo fine settimana potrebbe offrire opportunità di osservazione favorevoli con un binocolo mentre la luna nuova crea cieli bui.

La cometa è nota come C/2022 E3 (ZTF) perché gli astronomi l’hanno scoperta nel marzo 2022 utilizzando un telescopio sul Monte Palomar in California chiamato Zwicky Transit Facility (o ZTF).

A quel tempo, l’intruso cosmico era presente nell’orbita di Giove ed era circa 25.000 volte più debole della stella più debole visibile ad occhio nudo. Ma lo ZTF, con la sua telecamera ad ampio campo visivo, scansiona l’intero cielo visibile ogni notte ed è adatto per individuare tali oggetti.

Le comete sono ammassi di polvere e gas congelati, che gli astronomi a volte descrivono come “palle di neve sporche”. Si pensa che la maggior parte provenga dalle distese ghiacciate e lontane del sistema solare, dove a volte le esplosioni gravitazionali le spingono verso il sole, un’interazione che le trasforma in splendidi corpi cosmici.

Quando lasciano il loro profondo congelamento, il calore del sole erode le loro superfici e iniziano a emettere gas e polvere fino a quando non ospitano un nucleo luminoso, noto come chioma, e una coda simile a una fiamma che può estendersi per milioni di miglia.

READ  Su Nettuno sono state rilevate variazioni impreviste della temperatura atmosferica

“Sono vivi”, ha detto Lawrence O’Rourke, astronomo dell’Agenzia spaziale europea. “Quando sono lontani dal sole, dormono, e quando sono vicini al sole, sono svegli.”

C/2022 E3 (ZTF), per esempio, adesso verde brillante Perché i raggi ultravioletti del sole vengono assorbiti da una molecola nella cometa chiamata carbonio biatomico – due atomi di carbonio fusi insieme. La reazione emette una luce verde.

La luminosità delle comete può essere imprevedibile. Quando gli scienziati hanno scoperto per la prima volta l’oggetto l’anno scorso, sapevano solo che era probabilmente visibile dalla Terra.

“Poiché ogni cometa è il proprio organismo, non sai come reagirà fino a quando non passerà vicino al Sole”, ha detto il dottor O’Rourke.

La cometa C/2022 E3 (ZTF) ha fatto il suo avvicinamento più vicino al Sole il 12 gennaio, e la cometa ora brilla stabilmente mentre sfreccia verso la Terra. Sebbene la cometa non passerà fino al 2 febbraio, è già visibile ad occhio nudo, un segnale incoraggiante di opportunità di osservazione, ha affermato Mike Kelly, astronomo dell’Università del Maryland e co-leader del Sistema Solare. Gruppo di lavoro presso la Zwicky Transit Facility.

Tuttavia, vedere una cometa può “richiedere cieli bui e un osservatore esperto”, ha affermato il dott. Kelly.

Inoltre, le comete possono sempre sorprenderci. A volte può verificarsi un’enorme esplosione di gas e polvere e la cometa può improvvisamente diventare più luminosa anche dopo aver lasciato il Sole alle spalle.

Per catturare una cometa, guarda a nord.

Il 21 gennaio, la notte della luna nuova e quindi del cielo più scuro, la cometa sarà vicina al Draco, una costellazione a forma di drago che si estende tra l’Orsa Maggiore e l’Orsa Minore.

READ  Guarda il lancio di SpaceX Falcon 9 nella sua 14a missione record venerdì sera

Nelle notti successive, la cometa striscia lungo la coda del drago. E il 30 gennaio, la cometa risiederà direttamente tra la “coppa” dell’Orsa Maggiore e Polaris, la stella polare. Se eri abituato a trovare la stella polare seguendo le due stelle alla fine della Coppa dell’Orsa Maggiore, dovresti essere in grado di individuare la cometa. Basta cancellare questa linea immaginaria finché non vedi una debole macchia.

Se stai lottando, la cometa potrebbe essere ancora troppo debole o potrebbe esserci molto inquinamento luminoso. Esperimento con il binocolo.

“Anche con un binocolo relativamente modesto, l’aspetto polveroso, nebbioso o fumoso della stella dovrebbe chiarire che si tratta di una cometa”, ha dichiarato E.C. Krupp, direttore del Griffith Observatory di Los Angeles.

Un telescopio ti aiuterà a individuare colori e dettagli fini, tra cui la chioma luminosa della cometa e la lunga coda.

Per chiunque viva al di sopra del 35° parallelo – immagina una linea est-ovest che si estende dalla Carolina del Nord attraverso il Texas Panhandle fino alla California meridionale – la cometa sarà visibile tutta la notte a partire dal 22 gennaio. Ma è relativamente basso sull’orizzonte in prima serata, quindi potrebbe essere meglio cercare la cometa più tardi la sera o anche la mattina presto quando la cometa oscilla più in alto nel cielo.

Il dottor Krupp consiglia di guardare questo fine settimana quando la fase lunare è nuova, quindi non proietterà un bagliore nel cielo. Ma la cometa diventerà più luminosa man mano che si avvicina alla Terra e sarà più facile da individuare alla fine del mese. Se aspetti fino ad allora, potresti voler provare la mattina presto dopo che la luna è tramontata.

READ  Il secondo pianeta delle dimensioni della Terra potenzialmente abitabile trovato in orbita attorno a una stella vicina

In ogni caso, la pesca sarà divertente.

“È come cercare una specie in via di estinzione, e poi viene fuori”, ha detto il dottor Krupp. “Questa è un’esperienza davvero magica.”

Le comete sono i resti del primo sistema solare e potrebbero essere state responsabili della semina della Terra primordiale con i mattoni della vita.

“È davvero una situazione in cui probabilmente non esisteremmo senza di loro”, ha affermato il dott. O’Rourke.

Tuttavia, non abbiamo molte opportunità di studiare questi oggetti, dal momento che solo pochi ogni anno sono abbastanza luminosi da poter essere visti ad occhio nudo. Pertanto, nei prossimi mesi gli astronomi monitoreranno le comete in tutto il mondo C/2022 E3 (ZTF).

“Stiamo cercando il posto del nostro sistema solare nell’universo”, ha detto il dottor Kelly, che utilizzerà il Telescopio spaziale James Webb Per osservare la cometa alla fine di febbraio. Vuole capire meglio come si è formato il nostro pianeta per annotare le condizioni che hanno dato origine alla vita sulla Terra.

Ma il dottor Kelly e gli altri devono lavorare in fretta. Dopo una breve apparizione nel cielo notturno, non è chiaro dove potrebbe essere diretto C/2022 E3 (ZTF). Poiché questi oggetti sono così strettamente associati al nostro sistema solare, l’influenza gravitazionale del sole potrebbe costringere la cometa a compiere un altro viaggio intorno alla nostra stella, forse per non tornare prima di altri 50.000 anni. Oppure la cometa potrebbe essere espulsa dal sistema solare interamente dal sole.