Dicembre 9, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Sembra un guscio, ma al suo interno vivono un polpo e 40.000 uova

Sembra un guscio, ma al suo interno vivono un polpo e 40.000 uova

Argonauta Argo non è un tipico polpo. Quando una femmina si accoppia, prima tiene la punta del suo partner piena di sperma separato dentro di sé. Quindi inizi a creare qualcosa come una borsetta.

Usa le due estremità delle sue lucide braccia blu per far scoppiare una composizione metallica, trasformandola in un cestino a forma di conchiglia sottilissimo. La muratura può raggiungere quasi un piede di lunghezza, diventando la casa di oltre 40.000 feti. Il polpo argonaut striscia all’interno della sua sacca a forma di conchiglia, intrappola alcune bolle d’aria all’interno, quindi usa la sua galleggiabilità per vagare sott’acqua negli oceani caldi di tutto il mondo.

Questo portatore di uova ha una somiglianza così curiosa con i gusci duri dei polpi, lontani parenti del polpo, che gli scienziati hanno soprannominato il precursore delle gambe “Paper Nautilus”. Ma ora, i dati del sequenziamento genetico rivelano che i polpi hanno sviluppato in modo indipendente i loro geni per creare una complessa armatura embrionale, invece di riutilizzare il DNA che hanno ereditato dai loro squamosi antenati.

Questi risultati ribaltano alcune idee sbagliate tra gli scienziati su come si sono evoluti i cefalopodi Davin Setiamargaricercatore presso il National Institute of Technology, Wakayama College in Giappone, che ha dettagliato i nuovi dati il ​​mese scorso con i colleghi nella rivista Biologia genomica ed evoluzione.

È probabile che l’ultimo antenato comune della maggior parte dei cefalopodi avesse una camera perlacea, a differenza dell’icona indossata dal nautilus, i cefalopodi proiettili sopravvissuti fino ad oggi. Ma nel corso di milioni di anni di evoluzione, cefalopodi dal corpo molle come polpi, calamari e seppie si sono evoluti per accogliere e restringere quel guscio esterno adattandosi ai loro habitat individuali. Ecco perché quando pensi a un polpo, pensi che sia soffice (anche se ci sono alcune eccezioni, come il calamaro dal corno di montone).

READ  L'immagine del portale ispira teorie sulla vita su Marte

Poiché il precursore con le gambe aveva ancora una struttura simile a una conchiglia di nautilus, ha acceso il dibattito scientifico sul fatto che un animale potesse perdere una tale struttura durante l’evoluzione e come perderla, per poi riguadagnarla. Altri ricercatori inizialmente ipotizzarono che gli argonauti riattivassero antichi geni dell’età dei molluschi per formare il guscio delle loro uova. Ma dopo aver sequenziato il genoma di A. argo da campioni raccolti nel Mar del Giappone, i dati indicavano diversamente. Gli scienziati, come i loro parenti nautilus, hanno scoperto che gli argonauti hanno geni codificanti proteine ​​necessari per costruire quelli che gli scienziati chiamano “veri gusci”, del tipo che trovi intorno alle ostriche. Ma usano geni completamente diversi da quelli usati da nautilus per creare queste formazioni. Ciò significa che il guscio d’uovo simile a un guscio non si è evoluto dal guscio ancestrale, ma piuttosto dall’innovazione evolutiva dei pionieri dell’argon per un nuovo scopo.

“Osservando il genoma, vediamo che ci sono molti modi diversi in cui gli animali possono creare strutture biominerali” Carolina Albertina, un ricercatore presso il Marine Biology Laboratory nel Massachusetts, che non è stato coinvolto in questo studio. “Ci dice che l’evoluzione può prendere molti percorsi diversi per creare tipi simili di cose”.

I risultati alimentano anche un dibattito sul fatto che il guscio di un uovo di argonaute debba davvero essere chiamato caso.

“Voglio dire, guardali”, ha detto il dottor Setiamarga, tenendo i due scafi davanti alla sua faccia durante una videochiamata, evidenziando la nave pioniera con le gambe. “Si somigliano, certo, ma sono molto croccanti. È proprio come un biscotto, sai, è come un biscotto su cui metti del formaggio.”

READ  Questo straordinario video mostra la simulazione più grande e dettagliata dell'universo primordiale fino ad oggi

Michele VikionD., uno zoologo dello Smithsonian National Museum of Natural History che non è stato coinvolto nello studio, sostiene da tempo che non dovrebbe essere chiamato un guscio “perché c’è così tanta differenza nel modo in cui è costruito”. Altri molluschi fanno i loro gusci con il tessuto del mantello secreto dalla ghiandola, ha detto il dottor Viccione, mentre le punte delle braccia di A. argo secernono materiale di conchiglia argonaute.

Spera che queste nuove scoperte convincano finalmente le persone a smettere di prescriverlo come un caso e iniziare a rebranding. In realtà mi fa impazzire che la gente chiami “nautilus di carta”, ha detto il dottor Viccione.

Al di là della controversia sulle conchiglie, il sequenziamento del nuovo genoma del dottor Setiamarga e dei suoi colleghi può aiutare gli scienziati a capire di più su come le gambe si sono evolute sulla superficie del mare, o vivere in acque libere, piuttosto che sul fondo, come altri polpi che preferiscono le profondità.

Ha anche alcune ramificazioni a lungo termine per le domande sull’evoluzione verticale nel suo insieme perché colma alcune delle lacune tra il modo in cui l’evoluzione è passata dai Nautiloidi ai polpi moderni, secondo Masa Aki YoshidaD., direttore della Aoki Marine Biological Station presso la Shimane University, in Giappone, e un altro autore dello studio.

Il dottor Yoshida e il dottor Setiamarja stanno già lavorando a ulteriori ricerche. “Possiamo dire che il polpo non è alieno”, ha detto il dottor Yoshida.