Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Ciò che sappiamo e il suo effetto mortale

Ciò che sappiamo e il suo effetto mortale

Per i palestinesi del campo profughi di Nuseirat, il drammatico raid diurno che ha liberato quattro ostaggi di Hamas in poche ore si è concluso, dopo che spari e missili Hellfire hanno lasciato corpi sparsi per le strade.

Ma per l’IDF, era la fine di quella che sembrava essere un’operazione più lunga: forze speciali note per confondersi tra gli abitanti di Gaza avevano operato nell’area nei giorni precedenti l’attacco a sorpresa di sabato, incentrato su un programma sul canale Telegram dell’IDF.

L’esercito israeliano si trova ora ad affrontare un esame accurato degli effetti di morte e distruzione lasciati dall’operazione. Ha pubblicato alcuni dettagli su come Almog Meir Gan (21 anni), Andrei Kozlov (27 anni), Shlomi Ziv (40 anni) e Noa Argamani (26 anni) – “i diamanti” come li chiamavano – erano rilasciato.

Le forze israeliane entrano nell’appartamento dove erano tenuti degli ostaggi a Gaza.Tramite la polizia israeliana

Mentre c’era giubilo nelle case e nelle strade di tutto Israele, c’è stato un dolore intenso a Gaza, dove i funzionari sanitari hanno detto che almeno 274 persone, tra cui dozzine di bambini, sono state uccise durante il raid. Sabato l’esercito israeliano ha stimato che il bilancio delle vittime sia inferiore a 100. Da allora questo numero non è stato più aggiornato.

L’attacco ha costretto due gruppi di residenti a fare i conti con la guerra in corso, giunta al suo nono mese, con funzionari sanitari della Striscia che affermano che il bilancio delle vittime ha superato le 37.000 e più di 100 ostaggi sono ancora detenuti a Gaza.

Raid durante il giorno

Il raid nel campo profughi di Nuseirat è iniziato alle 11 ora locale (4:00 ET) lo scorso sabato mattina, ha detto l’ammiraglio Daniel Hagari, portavoce dell’IDF, in una video conferenza stampa poco dopo il raid. Ha aggiunto che l’esecuzione del raid in quel momento ha dato alle forze armate l’elemento sorpresa.

Paracadutista La squadra dell’unità di ricognizione da combattimento ha guidato l’operazione. Lo ha detto domenica l’esercito israeliano in un post su Telegram. Ha affermato che i membri della sua squadra di combattimento della Brigata Kfir hanno operato “per diversi giorni nell’area”, insieme a paracadutisti e forze speciali dell’unità Duvdevan, che l’IDF ha descritto sul suo sito web come operante “apertamente e segretamente tra la popolazione araba locale”. .” “.

L’esercito israeliano non ha commentato quando NBC News gli ha chiesto se qualcuno dei soldati coinvolti nell’operazione indossasse abiti civili o altri travestimenti, ma l’esercito israeliano ha una lunga storia nell’uso di tali forze.

Un portavoce della polizia israeliana ha detto che anche l’Unità nazionale antiterrorismo della polizia israeliana, conosciuta come “Al-Yamam”, ha partecipato al raid e uno dei suoi membri, l’ispettore capo Arnon Zamora, è rimasto gravemente ferito e in seguito è morto per le ferite riportate.

Lunedì l’esercito israeliano ha diffuso il filmato del raid, che NBC News ha geolocalizzato in un condominio su una strada laterale della principale via dello shopping che divide in due Nuseirat.

Nel video, gli agenti sembrano chiedere agli ostaggi i loro nomi prima che si senta Kozlov gridare “Andrei” mentre i due uomini alzano le mani, visibilmente tremanti.

READ  È morto all'età di 91 anni l'ultimo leader sovietico, Gorbaciov, che pose fine alla Guerra Fredda e vinse un premio Nobel

Il video sembra quindi indicare la loro fuga dall’edificio. A questo punto, viene visualizzato un timestamp che mostra 10:15. Quando è stato chiesto perché il filmato fosse stato girato 45 minuti prima che Hagari dicesse che l’operazione sarebbe iniziata, la polizia israeliana ha indirizzato NBC News all’esercito israeliano, che ha rifiutato di commentare.

Hajjari ha detto alla conferenza stampa che l’appartamento dove era tenuto Argamani era a circa 220 metri dall’appartamento dove erano tenuti gli altri tre ostaggi, aggiungendo che gli edifici erano alti tre o quattro piani. Ha detto che entrambi avevano famiglie in vita e guardie armate all’interno. Hajari ha detto che l’esercito israeliano ha lanciato raid nei due appartamenti contemporaneamente.

Non ha spiegato come le forze israeliane siano arrivate a Nuseirat, e non è chiaro perché l’esercito israeliano non abbia condiviso un video del raid per liberare Argamani, diventata il simbolo della crisi degli ostaggi dopo un video del suo rapimento dalla Nova. Festival musicale. Condiviso in tutto il mondo.

Hagari ha detto che l’esercito israeliano è stato colpito pesantemente dopo essersi ritirato dagli appartamenti, ma non ha fornito prove a sostegno delle sue affermazioni.

Attacco aereo “senza preavviso”

Il proprietario del negozio Abdul Rahman Al-Tahawy ha detto domenica alla NBC News di aver visto un camion di medie dimensioni entrare nell’area con altri veicoli. Ha detto che le forze hanno rimosso due scale dal camion e sono arrivate all’edificio prima di andarsene con le persone che ha descritto come “prigionieri”.

Un video ampiamente condiviso sui social media e geolocalizzato da NBC News nella stessa posizione mostra un camion Mercedes-Benz 519 CDI bianco parcheggiato fuori dall’edificio accanto a quella che sembra una scala sul muro e un corpo a terra. Un video girato più tardi quel giorno mostra l’edificio completamente distrutto, con parte del camion visibile sotto le macerie.

Le Nazioni Unite hanno descritto il raid come “atroce” e hanno affermato in un comunicato che l’esercito israeliano “è entrato a Nuseirat travestito da sfollati e operatori umanitari in un camion umanitario”.

“Questi metodi mettono a maggior rischio gli operatori umanitari e la fornitura degli aiuti umanitari più necessari e rivelano un livello senza precedenti di brutalità nelle azioni militari israeliane”, si legge nella dichiarazione. L’esercito israeliano non ha rilasciato commenti a NBC News su questo argomento.

Al-Tahawi ha detto che le forze “hanno lasciato il posto sotto una pesante copertura di fuoco” e poi hanno bombardato diverse case. Ha aggiunto che in quello che è sembrato un minuto, “più di 20” persone sono state uccise per strada.

In un’intervista separata di domenica, Khalil Al-Kahlot ha detto che erano circa le 11:30 quando improvvisamente “gli aerei hanno iniziato a sparare e la gente giaceva per strada, senza preavviso”.

Si alza il fumo dopo gli attacchi israeliani al campo profughi di Nuseirat, nel centro della Striscia di Gaza, l’8 giugno.Marwan Dawoud/Xinhua News Agency tramite Getty Images

Domenica l’IDF ha affermato in una dichiarazione su Telegram che i membri dell’unità specializzata Shaldag dell’aeronautica israeliana hanno diretto “attacchi aerei e colpi di arma da fuoco durante tutta l’operazione”, insieme ai membri dell’unità Yamam della polizia. L’esercito israeliano non ha commentato quando NBC News gli ha chiesto quali fossero gli obiettivi presi di mira e perché fossero stati scelti.

READ  Trump chiede sfacciatamente a Putin di rilasciare lo sporco intorno a Bidens

In un video verificato da NBC News si sono sentiti spari ed esplosioni in un miglio quadrato a nord-est del campo. Un’altra clip mostrava due missili che si avvicinavano da direzioni diverse e colpivano una stazione degli autobus dove le persone avevano allestito rifugi temporanei. Si possono vedere persone fuggire dalla zona, anche se il filmato non mostra le conseguenze del raid.

Filmati separati catturati da una troupe della NBC News sul posto poco dopo il raid di sabato mostravano corpi sparsi per le strade di Nuseirat, uno dei quali bruciato vicino a un’auto.

Missili Infernali

Secondo Richard Weir, un ricercatore di armi presso Human Rights Watch, l’analisi dei frammenti di missili fotografati da una troupe della NBC News e raccolti dai residenti ha mostrato che si trattava di pezzi di missili aria-superficie AGM-114 Hellfire.

Ha detto di essere giunto a questa conclusione basandosi sul peso indicato sui detriti e sulle palline arancioni chiamate collettori d’aria trovati dai residenti.

L’ex maggiore dell’esercito britannico Chris Cobb-Smith, esperto di armi e munizioni, ha affermato che si trattava “quasi certamente” di missili Hellfire.

Andrei Kozlov, 27 anni, al centro, e Almog Meir Gan, 21 anni, arrivano in elicottero allo Sheba Medical Center di Ramat Gan, in Israele, l’8 giugno.Tomer Appelbaum/AP

Gli Hellfire sono missili aria-superficie guidati con precisione che possono essere lanciati da elicotteri e altri velivoli.

Gli Stati Uniti hanno approvato l’acquisto da parte di Israele di 3.000 missili Hellfire nel 2015. Ma il Dipartimento di Stato non ha commentato quando venerdì NBC News gli ha chiesto se avrebbe fornito missili a Israele da allora. Un portavoce delle Nazioni Unite ha dichiarato: “Non abbiamo la capacità di verificare l’uso di munizioni specifiche nei conflitti in cui gli Stati Uniti non sono parte”. Hanno aggiunto: “Permetteremo all’esercito israeliano di parlare delle armi utilizzate nelle sue operazioni”.

L’appaltatore militare Lockheed Martin possiede un marchio registrato e brevetti per i missili, e Ware ha affermato che sono stati progettati e sviluppati a Orlando, in Florida, e fabbricati in strutture in diversi stati tra cui Texas e Alabama.

Lockheed Martin ha affermato in una dichiarazione che le vendite militari straniere sono “transazioni da governo a governo e lavoriamo a stretto contatto con il governo degli Stati Uniti su qualsiasi vendita militare a clienti internazionali”. Ha aggiunto che le questioni riguardanti l’uso delle piattaforme americane da parte di Israele “sarebbero affrontate meglio dal governo americano o da quello israeliano”.

“Massacro assoluto”

Maureen Kaki, una palestinese-americana di San Antonio, Texas, stava lavorando all’ospedale Al-Awda di Jabalia “quando abbiamo sentito una specie di esplosioni e spari, solo una varietà di suoni che erano ovviamente molto vicini”.

Non passò molto tempo prima che le vittime “iniziassero ad arrivare”, ha detto giovedì Kaki, coordinatore logistico della Glea Healthcare con sede in Canada. Ha aggiunto che è rimasta turbata nel vedere “molte donne e molti giovani” tra loro.

Travis Mellen, MD, anestesista e medico di terapia intensiva di Portland, Oregon, era di stanza all’ospedale Shuhada Al-Aqsa come parte del CADUS International Disaster Response Team.

Giovedì ha detto in un’intervista di aver sentito delle esplosioni intorno alle 10 o alle 11, ora locale, e che l’ospedale si è riempito di vittime poco dopo. Ha aggiunto che la cosa più sorprendente è stato il numero di bambini tra loro. “Per me, questo è stato un vero e proprio massacro di civili e giovani”, ha detto.

READ  Il Messico afferma di non accettare l'invasione russa dell'Ucraina

Più di 37.000 persone sono state uccise a Gaza, secondo i funzionari sanitari locali, da quando Israele ha lanciato il suo assalto alla Striscia in seguito agli attacchi di Hamas del 7 ottobre, in cui, secondo Israele, sono state uccise circa 1.200 persone e altre 250 circa sono state prese in ostaggio. Funzionari.

Un ragazzo palestinese sta sul balcone di casa sua in mezzo alle macerie dopo che l’esercito israeliano si è ritirato da Nuseirat, nel centro della Striscia di Gaza, il 9 giugno.Khamis Al-Rafi/Immagini Medio Oriente/AFP tramite Getty

Si ritiene che più di 100 persone siano ancora prigioniere, compreso l’amico di Argamani, Avenatan Or. Si ritiene che almeno un quarto di loro sia morto, secondo i funzionari israeliani.

Mentre gli attacchi cadevano dall’aria, l’esercito israeliano ha detto alla NBC News che un veicolo che trasportava i tre ostaggi si è rotto mentre era sotto il fuoco, costringendo i commando a caricare frettolosamente gli ostaggi su un veicolo separato prima di trasferirli su un elicottero in attesa. L’esercito israeliano ha rifiutato di commentare se l’auto si è rotta o è stata danneggiata durante lo scontro a fuoco.

Aseel Jaber Jameel, 28 anni, ha detto che l’auto aveva un aspetto “ordinario” e poteva essere utilizzata per trasportare sfollati o trasportare merci. Quando si è fermato, ha aggiunto, “i suoi membri hanno cominciato a sparare come dei matti”.

L’esercito israeliano ha anche diffuso un video di un elicottero che trasporta Argamani in salvo. Una seconda foto mostrava i tre ostaggi trasportati in aereo.

Mentre decollavano dalla spiaggia vicino a un molo costruito dagli Stati Uniti per facilitare la consegna di aiuti a Gaza, il Comando Centrale americano ha affermato che “non è stato utilizzato nell’operazione”.

Tuttavia, un funzionario statunitense a conoscenza della questione ha dichiarato a NBC News che gli Stati Uniti hanno fornito informazioni di intelligence per sostenere l’operazione di salvataggio. I droni americani sorvolano Gaza da mesi e gli Stati Uniti condividono le informazioni raccolte da questi droni.

Doaa Argamani, 26 anni, abbraccia un parente allo Sheba Tel Hashomer Medical Center vicino a Tel Aviv sabato dopo essere stata salvata.IDF/AFP – Getty Images

Un portavoce dello Sheba Medical Center vicino a Tel Aviv ha detto che gli elicotteri che trasportavano gli ostaggi hanno iniziato ad atterrare sulla struttura intorno alle 12:30 (5:30 ET).

Nel giro di poche ore, l’esercito israeliano ha diffuso foto e filmati di un’emozionante riunione tra gli ostaggi e le loro famiglie. Kozlov è stato filmato mentre cadeva in ginocchio alla vista di sua madre, Evgeniya Kozlova, con le lacrime che gli rigavano il viso.

Argamani, che era entrata nel suo 245esimo giorno di prigionia quando è stata salvata, è andata al Sourasky Medical Center di Tel Aviv per vedere sua madre, Liora, che sta ricevendo cure per un cancro terminale al cervello.

In una telefonata con il presidente israeliano Isaac Herzog, ha detto: “Sono molto felice di essere qui”.

A Gaza ne stavano contando i costi.

Al-Kahlot ha detto: “Il crimine è che il mondo intero guarda morire i nostri figli e nessuno fa nulla”. “Abbiamo il diritto di vivere.”