Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’esercito israeliano dichiara una “tregua tattica” per cercare di aumentare il flusso di aiuti a Gaza

L’esercito israeliano dichiara una “tregua tattica” per cercare di aumentare il flusso di aiuti a Gaza

Gerusalemme – Domenica l’esercito israeliano ha annunciato una “pausa tattica” nella sua offensiva nel sud della Striscia di Gaza per consentire la consegna di quantità crescenti di aiuti umanitari.

L’esercito ha affermato che la tregua inizierà nella zona di Rafah alle 8:00 (05:00 GMT, 1:00 ora orientale) e rimarrà in vigore fino alle 19:00 (16:00 GMT, mezzogiorno orientale). Ha aggiunto che le sospensioni avverranno quotidianamente fino a nuovo avviso.

Lo ha detto a questo proposito l’ammiraglio Daniel Hagari, portavoce dell’esercito israeliano X Le pause non significano la fine dell’offensiva militare. Ha aggiunto: “Non c’è alcuna cessazione dei combattimenti nel sud della Striscia di Gaza, e i combattimenti a Rafah continuano”.

Questa fermata ha lo scopo di consentire ai camion degli aiuti di raggiungere il vicino valico di Kerem Shalom, controllato da Israele, il principale punto di ingresso per gli aiuti in arrivo, e di viaggiare in sicurezza verso l’autostrada Salah al-Din, una strada principale che collega nord e sud, per consegnare rifornimenti a altre aree. L’esercito ha detto in alcune parti di Gaza. Ha aggiunto che il cessate il fuoco avviene in coordinamento con le Nazioni Unite e le agenzie di soccorso internazionali.

Il passaggio è congestionato da quando le forze di terra israeliane sono entrate a Rafah all’inizio di maggio.

L’organismo di coordinamento delle attività governative nei territori, l’organismo militare israeliano che sovrintende alla distribuzione degli aiuti a Gaza, ha affermato che la strada aumenterebbe il flusso di aiuti verso altre parti di Gaza, tra cui Khan Yunis, Al-Mawasi e il centro di Gaza. L’area settentrionale di Gaza, duramente colpita, che è stata uno dei primi obiettivi della guerra, riceve merci che entrano da un valico nel nord.

READ  Come guardare la "rara" eclissi solare ibrida nell'aprile 2023

L’esercito ha detto che la tregua di domenica, che inizia quando i musulmani a Gaza e altrove iniziano a celebrare la festa dell’Eid al-Adha, è arrivata dopo discussioni con le Nazioni Unite e le agenzie di soccorso internazionali.

In seguito alle critiche sulla mossa degli ultranazionalisti del governo del primo ministro Benjamin Netanyahu, che si oppongono alla fine della guerra, l’esercito ha affermato che i combattimenti non si sono fermati nel resto del sud di Gaza e non vi è stato alcun cambiamento per quanto riguarda l’ingresso degli aiuti in generale.

Le agenzie umanitarie, comprese le Nazioni Unite, non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento. Scott Anderson, direttore degli affari di Gaza presso l’agenzia delle Nazioni Unite per i palestinesi, ha detto alla CNN che spera che la pausa “porti l’aiuto di cui la popolazione ha disperatamente bisogno”.

Lo stop lungo la rotta meridionale arriva mentre Israele e Hamas valutano l’ultima proposta di cessate il fuoco, un piano che il presidente Joe Biden ha dettagliato nella spinta diplomatica più mirata dell’amministrazione per fermare i combattimenti e rilasciare gli ostaggi detenuti. Dal gruppo armato. Sebbene Biden abbia descritto la proposta come israeliana, Israele non l’ha accettata completamente e Hamas ha chiesto cambiamenti che sembravano inaccettabili per Israele.

I combattimenti continuano senza sosta e Israele ha annunciato domenica i nomi di 11 soldati uccisi nei recenti attacchi a Gaza, compreso un soldato morto per le ferite riportate in un attacco la scorsa settimana. Ciò porta a 308 il numero dei soldati uccisi da quando Israele ha iniziato l’invasione di terra di Gaza lo scorso anno.

READ  L'esercito americano ha detto che un aereo da caccia cinese è arrivato a meno di 10 piedi da un bombardiere americano sul Mar Cinese Meridionale

Le autorità israeliane affermano che Hamas ha ucciso 1.200 persone durante l’attacco del 7 ottobre e ne ha presi 250 in ostaggio. Funzionari sanitari nella Striscia di Gaza gestita da Hamas affermano che più di 37.000 palestinesi sono stati uccisi nella guerra.

L’offensiva militare di Israele contro Hamas, durata otto mesi, innescata dall’attacco del gruppo del 7 ottobre, ha gettato Gaza in una crisi umanitaria, con le Nazioni Unite che denunciano una fame diffusa e centinaia di migliaia di persone sull’orlo della carestia.

La comunità internazionale ha esortato Israele a compiere maggiori sforzi per alleviare la crisi, ha affermato Combattimenti costantiLa situazione a Gaza, inclusa Rafah, ha complicato la distribuzione degli aiuti durante la guerra.

Dal 6 maggio al 6 giugno, le Nazioni Unite hanno ricevuto una media di 68 camion di aiuti al giorno, secondo i dati dell’Ufficio umanitario delle Nazioni Unite, noto come OCHA. Si tratta di una cifra in calo rispetto ai 168 camion al giorno di aprile e ben al di sotto dei 500 camion al giorno che i gruppi umanitari ritengono necessari.

I flussi di aiuti sono diminuiti nel sud di Gaza mentre i bisogni umanitari sono aumentati. Più di un milione di palestinesi, molti dei quali già sfollati, È fuggito da Rafah dopo l’invasioneSi affollano in altre parti della Gaza meridionale e centrale. La maggior parte ora vive in campi fatiscenti che utilizzano trincee come latrine e le acque reflue scorrono per le strade.

L’Ufficio per il Coordinamento delle Attività Governative nei Territori afferma che non ci sono restrizioni all’ingresso dei camion. Si dice che più di 8.600 camion di tutti i tipi, sia umanitari che commerciali, sono entrati a Gaza da tutti i valichi nel periodo dal 2 maggio al 13 giugno, ad una velocità di 201 camion al giorno. Ma gran parte di questi aiuti si accumulavano ai valichi di frontiera e non raggiungevano la destinazione finale.

READ  Liz Truss diventa il nuovo Primo Ministro del Regno Unito nel giorno della celebrazione

Shimon Friedman, portavoce dell’Ufficio per il coordinamento delle attività governative nei territori, ha affermato che la colpa delle Nazioni Unite è stata l’accumulo delle sue spedizioni al valico di Kerem Shalom a Gaza. Ha detto che le agenzie hanno “problemi logistici fondamentali irrisolti”, in particolare la carenza di camion.

Le Nazioni Unite negano tali accuse. Secondo lei, i combattimenti tra Israele e Hamas spesso rendono troppo pericoloso per i camion delle Nazioni Unite all’interno di Gaza raggiungere Kerem Shalom, che è proprio vicino al confine israeliano.

Dice anche che il ritmo delle consegne è rallentato perché l’esercito israeliano deve consentire agli autisti di recarsi sul posto, un sistema che secondo Israele è progettato per la sicurezza degli autisti. A causa dell’insicurezza, in alcuni casi i camion degli aiuti sono stati saccheggiati dalla folla mentre si muovevano sulle strade di Gaza.

La nuova disposizione mira a ridurre la necessità di coordinare le consegne fornendo una finestra giornaliera continua di 11 ore affinché i camion possano entrare e uscire dal valico.

Non è stato immediatamente chiaro se l’esercito avrebbe garantito la sicurezza per proteggere i camion degli aiuti mentre si muovevano sull’autostrada.