Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

ChatGPT: Scarlett Johansson se n’è andata ‘furiosa’ per l’imitazione dei chatbot

ChatGPT: Scarlett Johansson se n’è andata ‘furiosa’ per l’imitazione dei chatbot

Scarlett Johansson scioccata dall’imitazione del chatbot AI

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Scarlett Johansson

  • autore, Matt Murphy
  • Ruolo, notizie della BBC

La star di Hollywood Scarlett Johansson si è detta “scioccata” e “indignata” dopo che OpenAI ha lanciato un chatbot con una voce “stranamente simile” alla sua.

L’attrice ha affermato di aver precedentemente rifiutato l’approccio dell’azienda di dare voce al suo nuovo chatbot, che legge ad alta voce il testo agli utenti.

Quando il nuovo modello ha debuttato la scorsa settimana, i commentatori si sono affrettati a fare paragoni tra la voce “Sky” del chatbot e la voce di Johansson nel film Her del 2013.

OpenAI ha detto lunedì che avrebbe rimosso l’audio, ma ha insistito sul fatto che non era inteso come una “imitazione” della stella.

Tuttavia, Johansson ha accusato l’azienda, e il suo fondatore, Sam Altman, di imitare deliberatamente la sua voce, in una dichiarazione vista dalla BBC lunedì sera.

“Quando ho ascoltato la demo pubblicata, sono rimasta scioccata, arrabbiata e incredula che il signor Altman avrebbe seguito una voce che suonava stranamente simile alla mia”, ha scritto.

“Il signor Altman ha anche lasciato intendere che la somiglianza era intenzionale, twittando una parola ‘lei’ – un riferimento al film in cui ho doppiato un sistema di chat, Samantha, che instaura una relazione intima con un essere umano.”

Salta il contenuto di Twitter

Vuoi consentire i contenuti di Twitter?

Questo articolo contiene contenuti forniti da Twitter. Chiediamo il tuo permesso prima di caricare qualsiasi cosa, poiché potrebbero utilizzare cookie e altre tecnologie. Potresti voler leggere Twitter Gestione dei Cookie E politica sulla riservatezza Prima dell’accettazione. Per visualizzare questo contenuto, seleziona Accetta e continua.

Attenzione: la BBC non è responsabile per il contenuto dei siti web esterni.

Fine dei contenuti di Twitter

L’attrice, nominata a due Oscar, ha detto che il signor Altman le aveva inizialmente chiesto di dare voce al nuovo chatbot a settembre.

“[Mr Altman] “Mi ha detto che sentiva che, dando voce al sistema, avrei potuto colmare il divario tra aziende tecnologiche e creatori e aiutare i consumatori a sentirsi a proprio agio con il cambiamento epocale in relazione agli esseri umani e all’intelligenza artificiale”, ha scritto Johansson.

“Ha detto che sentiva che la mia voce sarebbe stata di conforto per le persone.”

Ma ha detto che alla fine ha rifiutato l’offerta per motivi personali.

Ha aggiunto che due giorni prima del lancio del chatbot di Sky, Altman ha chiamato il suo agente e ha esortato Johansson a riconsiderare il suo rifiuto iniziale di collaborare con la società.

L’attrice ha aggiunto che ha dovuto assumere degli avvocati e ha detto di aver inviato due lettere legali alla società, spiegando come produrre il suono.

In una dichiarazione condivisa da OpenAI con la BBC, Altman ha negato che la società avesse cercato di imitare la voce di Johansson.

“La voce di Sky non è la voce di Scarlett Johansson, e non è mai stata concepita per suonare come la sua”, ha scritto.

“Abbiamo scelto un doppiatore per la voce di Skye prima di qualsiasi comunicazione con la signora Johansson. Per rispetto verso la signora Johansson, abbiamo temporaneamente smesso di usare la voce di Skye nei nostri prodotti. Ci scusiamo con la signora Johansson per non aver comunicato meglio. “

Separatamente, la società ha affermato che stava “mettendo in pausa” il suono mentre rispondeva alle domande su come è stato selezionato in un post su X, ex Twitter.

Nel suo post sul blog, OpenAI ha affermato che le cinque voci utilizzate dal suo chatbot sono state campionate dai doppiatori con cui ha collaborato.

Ciò avviene appena sei mesi dopo che gli attori hanno accettato di porre fine agli scioperi che hanno congelato l’industria dell’intrattenimento tra le richieste di salari migliori e tutele sull’uso dell’intelligenza artificiale.

La signora Johansson ha partecipato all’evento di settore lo scorso anno, che riguardava in parte il modo in cui gli studi cinematografici utilizzano l’intelligenza artificiale per imitare i volti e le voci degli attori.

“Che OpenAI abbia addestrato la nuova voce di Sky utilizzando la voce di Scarlett Johansson o una voce simile, resta il fatto che lei ha rifiutato il permesso e la sua identità è stata sfruttata comunque.

“Costituisce un pericoloso precedente per il diritto d’autore e il consenso se l’azienda più importante del settore agisce in questo modo”.

OpenAI deve affrontare diverse sfide legali relative al modo in cui utilizza le informazioni protette da copyright disponibili online.

A dicembre, il New York Times ha dichiarato di voler intentare una causa contro la società per le accuse di aver utilizzato “milioni” di articoli pubblicati dall’organizzazione dei media per addestrare il suo modello AI ChatGPT.

A settembre, anche gli autori George R.R. Martin e John Grisham hanno annunciato un piano per intentare una causa, per accuse di violazione del loro copyright sul sistema di formazione.