Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Causa Ad Astra contro Disney, CAA archiviata – The Hollywood Reporter

Causa Ad Astra contro Disney, CAA archiviata – The Hollywood Reporter

Disney, 20th Century Studios e CAA non dovranno affrontare una causa sul copyright intentata dal dirigente di produzione Madison Jones, che li ha accusati di aver cospirato insieme per rubare idee dalla sua sceneggiatura. Ad Astra.

Il giudice distrettuale statunitense Fred Slaughter ha ritenuto che i realizzatori del film di fantascienza del 2019 non avrebbero potuto plagiare il lavoro di Jones perché non avevano accesso alla sceneggiatura del film, che era stata completata dopo Ad Astra È già stato scritto. Anche se leggessero la sceneggiatura, i film non sono abbastanza simili da poter dimostrare una violazione del diritto d’autore, secondo l’ordinanza del giudice emessa martedì.

Peter Ticktin, l’avvocato di Jones, ha detto che il suo cliente intende ricorrere in appello contro la decisione del giudice di impedire una perquisizione forense sul disco rigido degli scrittori James Gray e Ethan Gross. Ha sostenuto che si sarebbe potuto dimostrare che il loro coinvolgimento nella frode supportava l’argomentazione secondo cui avevano completato la loro sceneggiatura prima che Jones offrisse il suo lavoro.

“Qui non è stata fatta giustizia e intendiamo ricorrere in appello contro la decisione di non richiedere agli imputati di produrre un’immagine del disco rigido degli imputati che dimostrerebbe se vi sia stata o meno una creazione indipendente”, ha detto Ticktin.

La causa di Jones ruota attorno a una sceneggiatura intitolata “Cosmic Power”, che segue un soldato reclutato per condurre una missione nello spazio per trovare il padre astronauta scomparso e scopre una strana fonte di energia che minaccia l’universo. Il capo della de Passe Entertainment ha affermato che le idee del suo lavoro sono state rubate dopo averle condivise con gli agenti della CAA, che avrebbero poi cospirato con Gray e Gross per usarle come base per… Ad Astra.

Per dimostrare la violazione del diritto d’autore, di solito deve esserci la prova che la copiatura è stata facilitata dall’accesso all’opera in questione. Dimostrare semplicemente che l’agenzia ha ricevuto uno scenario, ad esempio, non è sufficiente. È invece necessario fornire la prova della sottomissione a un intermediario che possa condividere l’opera con gli autori sospettati di essere coinvolti nella violazione.

READ  Nia Long rompe il silenzio sulla relazione del fidanzato con l'allenatore dei Boston Celtics con uno dei suoi assistenti

In questo caso, la corte ha concluso che ciò non era possibile data la tempistica in cui gli scenari sono stati completati. Secondo i documenti del tribunale, Jones ha affermato di aver creato “Cosmic Power” alla fine del 2014, ma Gray e Gross avevano terminato la prima bozza del libro. Ad Astra Nell’anno 2013.

“È indiscusso che gli imputati Gray e Gross abbiano presentato ricorso Ad Astra “SMS del 29 novembre 2013 a un agente della CAA nel novembre 2013 e inviato il testo del 22 maggio 2015 ad altri agenti della CAA il 22 maggio 2015”, si legge nell’ordine, in cui si sottolinea che il lavoro di Jones non è mai stato caricato nel repository della CAA di script. “Al contrario, il querelante ha fornito per la prima volta una copia del Cosmic Power al convenuto CAA il 10 novembre 2015 e poi di nuovo il 23 settembre 2016.”

Al centro dell’esito è stata l’incapacità di Jones di rispondere tempestivamente alla richiesta di ammissione della CAA, che è una serie di dichiarazioni inviate tra le parti in causa allo scopo di convincere una parte ad ammettere o negare le accuse. Tralasciando di rispondere, la corte ha considerato, tra le altre cose, dichiarazioni di fatto a sostegno della posizione della CAA secondo cui essa avrebbe ricevuto la sceneggiatura del film per la prima volta nel novembre 2015 e solo uno dei suoi agenti avrebbe ricevuto il suo lavoro.

Jones ha anche indicato diverse comunicazioni con persone della CAA, Davis Entertainment e Fox 21 Television Studios come ulteriore prova che i creatori della serie Ad Astra È stato in grado di accedere al proprio scenario. Ma Slaughter ha detto che non c’erano prove di contatto tra l’agente della CAA incontrato da Jones – che non aveva espresso alcun interesse nello sviluppo del “potere cosmico”, secondo i documenti del tribunale – e gli agenti che rappresentavano Gray.

READ  La star di 'Queer Eye' Tom Jackson muore a 63 anni dopo una battaglia contro il cancro

Sebbene Jones abbia presentato una versione realizzata per la TV della sceneggiatura del suo film nel 2016 a Gloria Phan, CEO della società sorella 20th Century Fox 21 Television Studios, lei non ha condiviso il lavoro con nessuno e non ha avuto nulla a che fare con esso. ad astra, A seconda dell’ordine. Indipendentemente da ciò, Phan ha detto in un annuncio alla corte che non è mai stata interessata allo sviluppo di “Cosmic Power” e ha solo ringraziato Jones per aver condiviso la sua sceneggiatura perché “ha ritenuto opportuno dire qualcosa di educato”.

Slaughter ha inoltre affermato che le opere non erano abbastanza simili da dimostrare una violazione del copyright. Ha notato “differenze significative” nella trama, nei temi, nei personaggi e nell’umore, tra le altre cose.

“In questo caso, nonostante il potere cosmico e… Ad Astra “Entrambi coinvolgono eroi che viaggiano nello spazio alla ricerca delle missioni perdute gestite dai loro padri, e la corte ha concluso che le somiglianze tra i due lavori finiscono qui”, ha scritto il giudice.

Mentre “Cosmic Force” è un thriller pieno di scene d’azione che coinvolgono personaggi armati, inseguimenti in limousine e coinvolgimenti romantici (“un personaggio grida a un certo punto,”[E]Con un po’ di caldo! Mentre spara con il blaster, nota il testo con la didascalia “BOOSH! BOOSH! BOOSH! BOOSH! Il suo corpo sta fumando buchi ma lo riparano subito”) Ad Astra È un dramma triste basato più sulla realtà, previo accordo.

“Inoltre, la trama generale del protagonista alla ricerca di una missione perduta gestita da suo padre non è sostenibile”, ha scritto Slaughter.

READ  Mark Burnett della MGM esce da Amazon - Scadenza

Le richieste di violazione diretta, concorso e indiretta, nonché violazione del contratto implicito, vengono respinte.

CAA e Disney hanno rifiutato di commentare.

Negli ultimi anni, c’è stata una campagna da parte della Corte d’Appello del Nono Circuito degli Stati Uniti per limitare i rigetti anticipati delle denunce di violazione del copyright. L’anno scorso una corte d’appello federale ha rilanciato un caso che coinvolgeva M. Night Shyamalan che avrebbe copiato un film indipendente del 2013 per la sua serie Apple TV+ ServoAnche se non era nella fase del giudizio sommario come nella causa Jones. L’ordinanza è stata emessa tra una serie di altre revocazioni delle azioni sul diritto d’autore che hanno reso vacante il licenziamento dell’opera.