Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Cardinale cattolico e altri arrestati ai sensi della legge sulla sicurezza di Hong Kong

Cardinale cattolico e altri arrestati ai sensi della legge sulla sicurezza di Hong Kong

HONG KONG (Associated Press) – Un cardinale cattolico di 90 anni, un cantante e almeno altri due sono stati arrestati a Hong Kong con l’accusa di collusione con forze straniere per mettere in pericolo la sicurezza nazionale cinese, con una mossa ampiamente condannata come un altro crimine . Un segno dell’erosione dei diritti sulla città da parte di Pechino.

Gli arresti ampliano ulteriormente la portata di un giro di vite a tutto campo su tutte le forme di dissenso in città che appare sempre più ritorsivo nel perseguimento delle azioni intraprese prima dell’emanazione della legge sulla sicurezza nazionale. La repressione sta permeando le istituzioni economiche, religiose ed educative a lungo rispettate della città, insieme alle ONG, molte delle quali hanno chiuso le loro attività a Hong Kong.

Una dichiarazione della polizia afferma che due uomini e due donne, di età compresa tra 45 e 90 anni, che erano amministratori del Fondo di soccorso umanitario 612, che ha fornito assistenza legale alle persone che hanno partecipato alle proteste pro-democrazia del 2019 che erano state precedentemente eliminate, sono stati arrestati. Forze di sicurezza.

Un’altra persona, identificata solo come un uomo di 37 anni, è stata citata per non aver correttamente registrato il fondo, che ha chiuso nel 2021. Ai detenuti è stato ordinato di consegnare i documenti di viaggio e saranno rilasciati su cauzione.

La dichiarazione della polizia afferma che sono ancora pendenti altri arresti nel caso e non specifica i nomi degli arrestati.

“Le indagini della polizia mostrano che le persone di cui sopra sono tutte fiduciarie del” Fondo di sostegno umanitario 612 “, sospettate di aver avanzato richieste da agenzie straniere o estere, di aver imposto sanzioni alla regione amministrativa speciale di Hong Kong (e) di mettere in pericolo la sicurezza nazionale”, afferma la dichiarazione .

READ  Il gruppo di resistenza elettronica ucraino prende di mira la rete elettrica e le ferrovie russe

I gruppi per i diritti umani hanno identificato il cardinale Joseph Zane, la cantante e attrice Denise Ho, l’avvocato Margaret Ng, la ricercatrice Hui Bo Kyung e l’ex legislatore Syed Ho Sao Lan. Non era chiaro se Hoy fosse stato formalmente arrestato. Zain è stato visto lasciare la stazione di polizia poco prima della mezzanotte di mercoledì.

Decine di attivisti pro-democrazia sono stati arrestati in base all’ampia legge sulla sicurezza nazionale che Pechino ha imposto alla città nel 2020 sulla scia delle manifestazioni, tra cui il deputato veterano Martin Lee e l’editore Jimmy Lai. I media indipendenti della città sono stati distrutti e la legislatura è stata riorganizzata per includerla tra i lealisti di Pechino.

Zen, l’arcivescovo in pensione di Hong Kong, è un feroce critico della Cina ed è stato feroce nella sua condanna dall’accordo del 2018 del Vaticano con Pechino sulle nomine dei vescovi, che secondo lui era una vendita a cripto-cristiani in Cina.

Il portavoce vaticano Matteo Bruni ha detto che la Santa Sede “ha appreso con preoccupazione la notizia dell’arresto del cardinale Zin e segue con grande interesse l’evolversi della situazione”.

Anche lei è stata schietta nella sua difesa dei diritti civili e politici. Il suo manager, Gilly Cheng, ha confermato l’arresto di Ho, ma ha detto che non aveva ulteriori informazioni.

L’organizzazione per i diritti umani con sede nel Regno Unito Hong Kong Watch ha affermato che Hui è stato arrestato all’aeroporto internazionale di Hong Kong mentre cercava di lasciare la città.

“Gli arresti di oggi indicano al di là di ogni dubbio che Pechino intende intensificare la repressione dei diritti e delle libertà fondamentali a Hong Kong”, ha affermato l’amministratore delegato del gruppo, Benedict Rogers.

READ  Divieto di voli russi sulle compagnie aeree di 36 paesi - Civil Aviation Authority

“Esortiamo la comunità internazionale a far luce su questa brutale campagna e chiediamo l’immediato rilascio di questi attivisti”, ha affermato Rogers.

La Casa Bianca ha anche chiesto alle autorità cinesi e di Hong Kong di smettere di prendere di mira i difensori di Hong Kong e di rilasciare immediatamente Zain e altri “che sono stati ingiustamente arrestati e accusati”, ha detto mercoledì il vice segretario stampa Karen-Jean-Pierre.

Molti attivisti di spicco a Hong Kong sono fuggiti a Taiwan, in Gran Bretagna o altrove, mentre migliaia di altri residenti di Hong Kong hanno scelto di lasciare la città, sollevando preoccupazioni per il futuro economico del centro finanziario asiatico di 7,4 milioni di persone.

Gli arresti seguono domenica la scelta del nuovo leader di Hong Kong. John Lee, l’ex capo della sicurezza intransigente che ha corso incontrastato in un’operazione controllata da Pechino e soggetta alle sanzioni statunitensi per il suo ruolo nella campagna del 2019 e le sue conseguenze.

L’Unione Europea e i ministri degli Esteri del Gruppo dei Sette Paesi industrializzati – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – hanno condannato le elezioni come fondamentalmente antidemocratiche e come un tradimento di “un paese, due sistemi ” principio in base al quale Hong Kong avrebbe dovuto mantenere il suo sistema politico, legale ed economico per 50 anni dopo la fine del dominio coloniale britannico.

Maya Wang, ricercatrice senior presso Human Rights Watch in Cina, ha affermato che l’arresto di Zain per le sue attività pacifiche “deve essere un altro scioccante calo per Hong Kong, a dimostrazione del declino dei diritti umani della città negli ultimi due anni”.

READ  Shanghai ha eretto una recinzione attorno alle aree colpite dal Corona virus, che ha portato a nuove proteste

L’arresto di Zen rappresenta “il giorno più buio finora nella crescente distruzione della vitalità di Hong Kong da parte del Partito comunista cinese ed è probabile che induca il Vaticano a riconsiderare il suo impegno diplomatico pluriennale con Pechino sull’ordinazione dei vescovi”. Lionel Jensen, professore associato di lingue e culture dell’Asia orientale presso l’Università di Notre Dame, che ha contribuito ad accogliere Zain alla American School nel 2019.

Anche i politici statunitensi hanno denunciato gli arresti, con il senatore Ben Sassi del Nebraska, membro del Comitato di intelligence del Senato, che ha affermato che questi arresti mostrano che il Partito Comunista al potere e il suo leader Xi Jinping “hanno paura dei narratori di verità e li descrivono come minacce a sicurezza nazionale.”

Xi è “assolutamente terrorizzato da un cardinale cattolico di 90 anni. Xi è un patetico codardo”, ha detto Sass in una nota.