Giugno 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Canyon Barry e Jimmer Fredette guidano la squadra 3×3 statunitense

Canyon Barry e Jimmer Fredette guidano la squadra 3×3 statunitense

Martedì USA Basketball ha annunciato la sua squadra nazionale 3×3 maschile composta da quattro giocatori per le Olimpiadi di Parigi.

Canyon Barry, l'ex giocatore NBA Jimmer Fredette, Kareem Maddox e Dylan Travis torneranno dopo aver vinto l'argento alla Coppa del Mondo 2023 per il Team USA.

Barry, figlio del membro della Hall of Famer dell'NBA Rick Barry, ha giocato quattro anni nell'NBA e all'estero ed è uno specialista del 3×3.

Fredette ha giocato parti di sei stagioni NBA con sei squadre in due anni in Cina ed era noto per la sua abilità nel tiro.

Maddox, un attaccante di basket 5 contro 5 che ha giocato a Princeton e per diversi anni all'estero, ha vinto cinque medaglie d'oro in competizioni internazionali con il Team USA risalenti al 2019.

Travis, che ha vinto un titolo nazionale della divisione II della NCAA al college della Florida Southern, ha vinto numerose medaglie con il Team USA negli ultimi quattro anni.

“Rappresentare il proprio Paese ai Giochi Olimpici è l'onore più grande”, ha affermato Joe Lewandowski, allenatore della squadra nazionale americana. “Sono così felice per questi ragazzi dopo tutto il duro lavoro e la dedizione che hanno messo nel basket 3×3. USA Basketball ha gli standard più alti e ora inizia il duro lavoro per realizzare il nostro sogno di medaglia d'oro.”

A differenza del gioco 5v5 standard, la versione 3v3 si gioca a metà campo con un cronometro di gara di 10 minuti e un cronometro di 12 secondi. Le squadre “ripuliscono” la palla dietro la linea dei due punti dopo canestri, rimbalzi o palle recuperate. La prima squadra a segnare 21 punti, o a condurre allo scadere del tempo, è la vincitrice.

READ  Incredibile Big Ten: USC e UCLA si uniscono alla trasformazione sismica degli sport universitari