Giugno 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Altri satelliti Starlink di seconda generazione lanciati sul razzo Falcon 9 – Spaceflight Now

Altri satelliti Starlink di seconda generazione lanciati sul razzo Falcon 9 – Spaceflight Now

Guarda un replay della nostra copertura in diretta del conto alla rovescia e del lancio del razzo SpaceX Falcon 9 sulla missione Starlink 6-4 alle 8:20 EST (1220 UTC) del 4 giugno dallo Space Launch Complex 40 presso la Space Force Station Cape Canaveral, in Florida . Seguici Cinguettio.

SFN in diretta

SpaceX ha lanciato un razzo Falcon 9 da Cape Canaveral domenica mattina con 22 satelliti Internet Starlink aggiornati, ma i funzionari hanno annullato un secondo lancio del Falcon 9 nel corso della giornata a causa dei forti venti nell’area di recupero offshore della gru.

Il Falcon 9 da 229 piedi (70 metri) è decollato dal binario 40 della Cape Canaveral Space Force Station alle 8:20 EDT (1220 UTC), spostando in orbita 22 satelliti Starlink di seconda generazione. -4.

I preparativi finali per il lancio erano in ritardo domenica mattina, con un ritardo di circa due ore e mezza per il lancio di Starlink 6-4.

Meno di quattro ore dopo, un altro Falcon 9 è pronto per il decollo a poche miglia al largo dalla piattaforma 39A al Kennedy Space Center della NASA. Ma SpaceX ha annullato il tentativo di lancio, ritardando il decollo fino a lunedì a causa dei forti venti nell’area di atterraggio inferiore del rover Falcon 9.

Quando decollerà, questa missione invierà una nave di rifornimento Cargo Dragon senza equipaggio su un volo verso la Stazione Spaziale Internazionale.

La missione Starlink 6-4 è proseguita con il lancio della nuova piattaforma satellitare Starlink V2 Mini di SpaceX dotata di antenne phased array migliorate, in grado di quattro volte la capacità di comunicazione delle precedenti generazioni di satelliti Starlink, nota come versione 1.5. I satelliti Starlink trasmettono segnali Internet ai consumatori di tutto il mondo.

SpaceX ha ritardato la missione Starlink 6-4 dal 1 giugno dopo che un vettore che trasportava il carico utile del Falcon 9 contenente una serie di satelliti Starlink si è scontrato con una linea elettrica in uno spazioporto della Florida. L’incidente ha causato un breve blackout al Kennedy Space Center il 27 maggio e lampi di energia erano visibili nel cielo sopra la base di lancio.

Il vettore trasportava i satelliti Starlink entro la larghezza del carico utile da una struttura di elaborazione all’hangar Falcon 9 sulla piattaforma 40. Non era chiaro se SpaceX avesse sostituito i satelliti Starlink e la carenatura del carico utile che colpiva le linee elettriche per un nuovo lotto di veicoli spaziali. La mostra del carico utile contenente i satelliti lanciati domenica ha viaggiato dalla struttura Roberts Way di SpaceX al Kennedy Space Center all’hangar del binario 40 venerdì.

I tecnici di SpaceX nel Pillow Hangar 40 hanno ruotato la carenatura orizzontale e l’hanno attaccata al razzo Falcon 9, quindi hanno fatto rotolare l’intero veicolo di lancio sulla piattaforma e l’hanno sollevato verticalmente in preparazione del conto alla rovescia della domenica mattina.

Nonostante il nome, i satelliti Starlink V2 Mini sono quattro volte più ingombranti e più grandi dei vecchi satelliti Starlink V1.5. Come tutti i lanci di Starlink, il razzo Falcon 9 ha lanciato in orbita il nuovo lotto di satelliti Internet al di sotto della sua altitudine operativa finale. I satelliti utilizzeranno quindi i propulsori di bordo per elevare le loro orbite a un’altitudine di oltre 300 miglia (500 chilometri).

READ  "La mia potenza è davvero bassa": il rover Mars Insight della NASA si prepara al lancio dal Pianeta Rosso | Marte

Il soprannome “Mini” si riferisce ai piani di SpaceX di lanciare un progetto satellitare Starlink V2 più grande e a grandezza naturale sul nuovo enorme razzo Starship dell’azienda. L’astronave ha quasi 10 volte la capacità di carico utile di un razzo Falcon 9, con anche dimensioni maggiori del satellite.

Gli Starlink V2 a grandezza naturale saranno in grado di inviare segnali direttamente ai telefoni cellulari. Ma con il razzo Starship ancora inutilizzabile dopo il suo primo volo di prova su vasta scala ad aprile, SpaceX ha iniziato a lanciare satelliti di seconda generazione sui razzi Falcon 9 e ha aggiornato i V2 Mini per adattarli ai veicoli di lancio esistenti dell’azienda.

Il primo gruppo di 21 satelliti Starlink V2 Mini è stato lanciato il 27 febbraio su un razzo Falcon 9, ma alcuni di questi veicoli spaziali sono stati disattivati ​​e reindirizzati deliberatamente nell’atmosfera a causa di problemi tecnici. Elon Musk, fondatore e CEO di SpaceX, ha affermato che il primo lotto di satelliti Starlink V2 Mini “stava riscontrando alcuni problemi, come previsto”. SpaceX ha pianificato di testare a fondo i satelliti prima di portarli al di sopra dell’altitudine della Stazione Spaziale Internazionale fino alla sua orbita operativa finale.

SpaceX ha continuato a lanciare i vecchi satelliti Starlink V1.5 in una serie di missioni a marzo e aprile, prima di riprendere il dispiegamento di mini satelliti Starlink V2 più grandi e capaci con il lancio del Falcon 9 il 19 aprile. Da allora, SpaceX ha lanciato quattro missioni con i vecchi satelliti Starlink V1.5 prima di tornare nuovamente ai più grandi V2 Mini per il lancio del 19 maggio.

Confronto fianco a fianco dei satelliti Starlink V1.5 e Starlink V2 Mini. Credito: SpaceX / Spaceflight Now

Oltre a una migliore capacità di comunicazione, i satelliti Starlink V2 Mini dispongono di propulsori alimentati ad argon più efficienti e di maggiore potenza. L’argon è più economico del gas kryptoniano utilizzato per alimentare i propulsori ionici dei satelliti Starlink V1.5 di vecchia generazione.

“Ciò significa che Starlink può fornire più larghezza di banda aumentando l’affidabilità e connettendo milioni di persone in tutto il mondo a Internet ad alta velocità”, ha affermato SpaceX prima del primo lancio dei satelliti Starlink V2 Mini a febbraio.

Ogni satellite Starlink V2 Mini pesa circa 1.760 libbre (800 kg) al momento del lancio, quasi tre volte più pesante dei vecchi satelliti Starlink. È anche più grande, con una fusoliera del veicolo spaziale larga più di 13 piedi (4,1 metri) e che riempie più carico utile per un razzo Falcon 9 durante il lancio, secondo i documenti normativi della Federal Communications Commission.

La piattaforma satellitare più grande e più pesante significa che il razzo Falcon 9 può lanciare solo circa 22 carichi utili Starlink V2 Mini alla volta, rispetto a più di 50 Starlink V1.5 in un singolo lancio di Falcon 9.

I pannelli solari dispiegabili su ciascun satellite Starlink V2 Mini si estendono per 30 metri da un capo all’altro. La precedente generazione di satelliti Starlink V1.5 aveva un’unica ala di array solare, con ogni veicolo spaziale che misurava circa 11 metri da un capo all’altro una volta esteso il pannello solare.

I miglioramenti conferiscono ai satelliti Starlink V2 Mini una superficie totale di 1.248 piedi quadrati, o 116 metri quadrati, più di quattro volte l’area di un satellite Starlink V1.5.

READ  Antichi scavi portano alla scoperta dei più grandi rettili marini conosciuti

Federal Communications ha concesso l’approvazione a SpaceX il 1° dicembre per lanciare fino a 7.500 delle 29.988 costellazioni Starlink Gen2 pianificate, che saranno dispiegate in orbite leggermente diverse rispetto alla flotta Starlink originale. L’agenzia di regolamentazione ha ritardato una decisione sui restanti satelliti SpaceX di seconda generazione proposti.

Nello specifico, la FCC ha autorizzato SpaceX a lanciare la massa iniziale di 7.500 satelliti Starlink Gen2 in orbite a 525, 530 e 535 chilometri, con inclinazioni rispettivamente di 53, 43 e 33 gradi, utilizzando frequenze in banda Ku e Ka- gruppo musicale. . SpaceX ha iniziato a lanciare i satelliti Starlink V1.5 di vecchio design in orbite certificate per la costellazione Gen2 a dicembre.

La FCC ha precedentemente autorizzato SpaceX a lanciare e gestire circa 4.400 veicoli spaziali Starlink in banda Ka e Ku ​​di prima generazione che SpaceX ha lanciato dal 2019. SpaceX è in fase di completamento con lanci per riempire la sua rete Starlink di prima generazione.

Con il lancio di domenica, SpaceX ha inviato in orbita 528 satelliti Starlink Gen2, inclusi Starlink V1.5 e Starlink V2 Mini. Dopo questa missione, SpaceX ha schierato 4.543 satelliti Starlink, comprese le unità di test che non sono più in servizio. Attualmente ci sono più di 4.200 satelliti Starlink in orbita. Secondo Jonathan McDowell, Un astrofisico ed esperto di spazio che scrive blog sull’attività di volo spaziale.

Durante il conto alla rovescia mattutino di domenica, il team di lancio di SpaceX era di stanza all’interno del Launch Control Center a sud della Cape Canaveral Space Force Station monitorando i sistemi chiave sul razzo Falcon 9 e sulla rampa di lancio. SpaceX ha iniziato a caricare propulsori di cherosene condensato e ossigeno liquido ultrafreddo nella navicella spaziale Falcon 9 in meno di 35 minuti.

Anche il materiale della pressione dell’elio è confluito nel razzo nell’ultima mezz’ora del conto alla rovescia. Negli ultimi sette minuti prima del decollo, i motori principali del Falcon 9 Merlin vengono condizionati termicamente per il volo attraverso una procedura nota come “chilldown”. Anche i sistemi di guida e sicurezza sul campo del Falcon 9 sono configurati per il lancio.

Dopo il decollo, il razzo Falcon 9 ha diretto 1,7 milioni di libbre di spinta, prodotta da nove motori Merlin, per virare a sud-est nell’Oceano Atlantico. Il razzo Falcon 9 ha superato la velocità del suono in circa un minuto, quindi ha spento i suoi nove motori principali due minuti e mezzo dopo il decollo. Lo stadio booster si è separato dallo stadio superiore del Falcon 9, quindi ha sparato impulsi dai propulsori di controllo del gas freddo e dalle alette della griglia in titanio estese per aiutare a guidare il veicolo nell’atmosfera.

Una bruciatura del freno ha rallentato il razzo mentre scendeva nella nave drone “basta leggere le istruzioni” a circa 400 miglia (640 chilometri) circa otto minuti e mezzo dopo il decollo. Il booster riutilizzabile, designato B1078 nell’inventario di SpaceX, ha effettuato il suo terzo volo nello spazio domenica.

La carenatura riutilizzabile del carico utile del Falcon 9 è stata scartata durante la seconda fase di combustione. La nave di salvataggio era anche di stanza nell’Atlantico per recuperare le metà del cono di prua dopo che erano state spruzzate sotto i paracadute.

READ  Una strana spirale appare tra l'aurora boreale nel cielo notturno dell'Alaska

L’atterraggio del primo stadio della missione di domenica è avvenuto proprio quando il motore del secondo stadio del Falcon 9 non è riuscito a portare i satelliti Starlink in una prima orbita fissa. Dopo aver volato dall’altra parte del mondo, un altro stadio superiore brucia 54 minuti nella missione di riconfigurazione dell’orbita prima della separazione del carico utile.

È stato confermato che i 22 veicoli spaziali Starlink, costruiti da SpaceX a Redmond, Washington, si sono separati da un razzo Falcon 9 circa 65 minuti dopo il decollo.

Il computer di guida del Falcon 9 mira a schierare i satelliti in un’orbita con un’inclinazione di 43 gradi rispetto all’equatore, con un’altitudine compresa tra 195 miglia e 200 miglia (314 per 323 chilometri). Dopo la separazione dal razzo, la navicella spaziale 22 Starlink lancerà i pannelli solari, li eseguirà attraverso le fasi di attivazione automatizzata e quindi utilizzerà motori ionici alimentati ad argon per manovrarli in orbita operativa.

razzo: Falco 9 (B1078.3)

Carico utile: 22 satelliti in miniatura Starlink V2 (Starlink 6-4)

Sito di lancio: SLC-40, stazione spaziale di Cape Canaveral, Florida

Data del pranzo: 4 giugno 2023

ora di pranzo: 8:20 EST (1220 UTC)

previsioni del tempo: 15% di possibilità di bel tempo; basso rischio di venti di quota superiore; Riduzione del rischio di condizioni sfavorevoli a una migliore ripresa

Recupero dalla spinta: Una nave senza equipaggio con il logo “Basta leggere le istruzioni”, a nord-est delle Bahamas

LANCIO IN AZIMUT: sud-est

orbita bersaglio: 195 miglia per 200 miglia (314 chilometri per 323 chilometri), 43,0 gradi

Cronologia del lancio:

  • T+00:00: decollare
  • T+01:12: Pressione massima dell’aria (Max-Q)
  • T+02:32: Spegnimento motore principale primo stadio (MICO)
  • T+02:35: Separazione di fase
  • T+02:42: Accensione motore secondo stadio (SES 1)
  • T+03:08: Abbandonare la vetta
  • T+06:16: Accensione bruciatore ingresso primo stadio (tre motori)
  • T+06:34: Interruzione del postbruciatore di entrata del primo stadio
  • T+08:07: Accensione a combustione di primo stadio (motore singolo)
  • T+08:28: Atterraggio prima tappa
  • T+08:44: Spegnimento motore secondo stadio (SECO 1)
  • T+54:22: Accensione motore secondo stadio (SES 2)
  • T+54:24: Arresto Motore Secondo Stadio (SECO 2)
  • T+1:05:02: Satellite Starlink disconnesso

Statistiche missione:

  • Il 229° lancio del Falcon 9 dal 2010
  • Il 240esimo lancio della famiglia Falcon dal 2006
  • Terzo lancio del Falcon 9 Booster B1078
  • Volo 170 del booster Falcon riproposto
  • SpaceX lancia il 193esimo dalla Florida Space Coast
  • Falcon 9 127 lanciato dal pad 40
  • 182° lancio complessivo dalla tavola 40
  • L’87esimo lancio del Falcon 9 è principalmente per la rete Starlink
  • Il 35° lancio del Falcon 9 nel 2023
  • Il 38° lancio di SpaceX nel 2023
  • Il 27° tentativo di lancio in orbita da Cape Canaveral nel 2023