Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’iSpace giapponese afferma che un tentativo di effettuare il primo sbarco commerciale sulla luna è fallito

L’iSpace giapponese afferma che un tentativo di effettuare il primo sbarco commerciale sulla luna è fallito

TOKYO (Reuters) – La startup giapponese iSpace (9348.T) ha dichiarato che il suo tentativo di effettuare il primo allunaggio privato è fallito dopo aver perso il contatto con il suo lander Hakuto-R Mission 1 (M1), concludendo che molto probabilmente si è schiantato. sulla superficie della luna.

“Abbiamo perso la comunicazione, quindi dobbiamo presumere che non possiamo completare l’atterraggio sulla luna”, ha dichiarato il fondatore e CEO Takeshi Hakamada in un live streaming dell’azienda.

Questa è stata la seconda battuta d’arresto per lo sviluppo dello spazio privato in una settimana dopo che un razzo SpaceX Starship è esploso in modo spettacolare pochi minuti dopo essere salito dalla rampa di lancio.

Nessuna compagnia privata è ancora riuscita ad atterrare sulla luna. Solo gli Stati Uniti, l’ex Unione Sovietica e la Cina hanno veicoli spaziali che sono atterrati dolcemente sulla Luna, con tentativi negli ultimi anni da parte dell’India e di una compagnia privata israeliana che si sono conclusi con un fallimento.

Le azioni di ispace, che trasportano carichi utili come rover sulla luna e vendono i relativi dati, non sono state scambiate mercoledì mattina, ma hanno indicato che erano al di sotto del limite giornaliero. Il titolo ha debuttato alla Borsa di Tokyo solo due settimane fa e da allora ha raddoppiato il suo valore.

Il portavoce del governo giapponese Hirokazu Matsuno ha detto che mentre la missione non è stata completata, il paese voleva che lo spazio “continuasse a provare” perché i suoi sforzi erano importanti per lo sviluppo dell’industria spaziale nazionale.

Il Giappone, che si è prefissato l’obiettivo di inviare astronauti giapponesi sulla Luna entro la fine degli anni ’20, ha avuto alcune recenti battute d’arresto. Il mese scorso, l’Agenzia spaziale nazionale ha dovuto distruggere il suo nuovo razzo di media portata H3 all’arrivo nello spazio dopo che il motore del secondo stadio non si è acceso. Anche il razzo Epsilon a combustibile solido è fallito dopo il suo lancio in ottobre.

READ  SpaceX lancia un'altra storica missione di astronauti

Freni su una pista da sci

Quattro mesi dopo essere stata lanciata da Cape Canaveral, in Florida, su un razzo SpaceX, la sonda M1 sembrava pronta ad atterrare autonomamente intorno alle 12:40 ET (1640 GMT di martedì), con animazioni basate su dati di telemetria in tempo reale. fino a 90 metri (295 piedi) dalla superficie lunare.

Al momento dell’atterraggio previsto, il controllo della missione aveva perso il contatto con il lander e gli ingegneri sembravano preoccupati per la trasmissione in diretta mentre aspettavano la conferma del suo destino che non è mai arrivata.

“I nostri ingegneri continueranno a indagare sulla situazione”, ha detto Hakamada. “Al momento, quello che posso dire è che siamo molto orgogliosi del fatto che abbiamo già realizzato molte cose durante questa prima missione.”

Ha aggiunto che la sonda ha completato otto dei 10 obiettivi della missione nello spazio, che forniranno dati preziosi per il prossimo tentativo di atterraggio nel 2024.

Circa un’ora prima della prevista discesa, l’M1 alto 2,3 metri ha iniziato la sua fase di discesa, stringendo gradualmente la sua orbita attorno alla Luna da 100 chilometri (62 miglia) sopra la superficie a quasi 25 chilometri, e viaggiando a 6.000 chilometri all’ora ( 3.700 miglia all’ora). ).

A quella velocità, rallentare la sonda alla velocità corretta contro l’attrazione della gravità della Luna è come colpire i freni di una bicicletta sul bordo di una rampa per il salto con gli sci, ha detto Ryo Oji, chief technology officer.

Il rover era destinato a un sito di atterraggio ai margini del Mare Frigoris nell’emisfero settentrionale lunare, dove doveva schierare un rover a due ruote delle dimensioni di una palla da baseball sviluppato dalla Japan Aerospace Exploration Agency, Tomy Co Ltd (7867.T) e Sony Group Corporation (6758.T). Prevede inoltre di schierare un rover a quattro ruote soprannominato Rashid dagli Emirati Arabi Uniti.

READ  Le tempeste di 100 anni sfidano la nostra comprensione dei giganti gassosi

La sonda trasportava una batteria sperimentale a stato solido prodotta da Niterra Co Ltd (5334.T) tra gli altri strumenti per misurare le sue prestazioni sulla luna.

La missione è stata assicurata dalla Mitsui Sumitomo Insurance Company, un’unità di MS & AD Insurance Group (8725.T), e ispace ha detto che potrebbe ricevere un compenso.

Segnalazione di Kantaro Komiya; Montaggio di Chang-Ran Kim e Stephen Coates

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.