Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Adam Neumann abbandona il riacquisto di WeWork

Adam Neumann abbandona il riacquisto di WeWork

Adam Neumann ha ufficialmente ammesso la sconfitta nel suo tentativo di riacquistare WeWork, ponendo fine al suo tentativo di rilevare la società di co-working, che ha contribuito a fondare nel 2010, e trasformarla in un’impresa globale da 47 miliardi di dollari prima che fallisse l’anno scorso.

“Per diversi mesi, abbiamo cercato di lavorare in modo costruttivo con WeWork per creare una strategia che gli consentirà di prosperare”, ha affermato Neumann in una dichiarazione alla newsletter DealBook. “Invece, l’azienda sta cercando di uscire dalla bancarotta con un piano che sembra irrealistico e difficilmente avrà successo”.

La scritta è sul muro da settimane. Neumann si è dimesso dalla carica di CEO di WeWork nel 2019 sotto la pressione di manager e investitori, dopo che la società non si è quotata in borsa a causa delle domande sul suo modello di business e sulla governance aziendale. È stata una caduta straordinaria per il signor Newman, il leader carismatico dell’azienda.

Ma lo scorso febbraio, DealBook ha riferito che Neumann stava pianificando una mossa coraggiosa per riacquistare la società.

La sua nuova società immobiliare, Flow, sostenuta dalla società di venture capital Andreessen Horowitz, ha introdotto… Più di 500 milioni di dollari. Il piano era quello di acquistare WeWork o le sue attività e iniettare finanziamenti in caso di fallimento per mantenerlo a galla.

Ma WeWork ha trovato un’ancora di salvezza diversa. Il giudice fallimentare statunitense il mese scorso Concordato l’accordo di ristrutturazione Ciò ha cancellato 4 miliardi di dollari del debito della società. Comprendeva anche 450 milioni di dollari in nuovi finanziamenti da SoftBank, l’investitore tecnologico giapponese che ha sostenuto WeWork sin dai suoi esordi, consentendole di emergere dalla bancarotta del Capitolo 11.

READ  I numeri di mercoledì 4 ottobre 2023

WeWork è stata impegnata a rinegoziare i suoi contratti di locazione nel tentativo di sbarazzarsene Passività per locazioni da 11 miliardi di dollari. L’aumento del lavoro ibrido dopo la pandemia di coronavirus ha colpito duramente il settore immobiliare commerciale. L’aumento dei posti vacanti ha aiutato aziende come WeWork a rielaborare i loro accordi con i proprietari, ma ha anche messo in dubbio il potenziale di crescita del modello di business del coworking.